Free Tibet: L’Unione europea difenda i diritti dei tibetani

L’Unione europea deve condannare con chiarezza la crescente persecuzione delle autorità cinesi contro il Tibet. In occasione del 26° Dialogo sui diritti umani, che l’Ue tiene in questi giorni a Praga, il gruppo pro-diritti Free Tibet (Ft) invita i leader europei ad assumere una posizione chiara e netta e ad utilizzare questo forum per chiedere concessioni a favore della popolazione tibetana.

La persecuzione operata dalla Cina in Tibet è aumentata negli ultimi mesi. Da oltre un anno sono detenuti più di 1.000 tibetani arrestati per le proteste del marzo 2008. Di recente 5 tibetani sono stati condannati a morte con l’accusa di avere causato incendi a Lhasa durante queste proteste.

Ft invita l’Ue a domandare a Pechino le ragioni di queste condanne e di queste detenzioni, ad avere un elenco degli oltre 1.000 tibetani detenuti di cui molti in segreto e a chiedere la nomina di una commissione di indagine internazionale sulle proteste del 2008 in Tibet e su come sono stati svolti questi processi.

Stephanie Bridgen, direttore di Ft, osserva che “tra i temi del dialogo ci sono l’accesso alla giustizia e i diritti dei difensori, è un’importante opportunità per rappresentare alla controparte cinese la ferma opposizione alle condanne a morte di 5 tibetani”, “emanate in processi chiusi a osservatori
indipendenti”.

fonte: AsiaNews, 15 maggio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.