Forze dell’ordine in divisa… rigorosamente “made in Cina”. Imprenditori accusati di frode.

Avrebbero frodato lo Stato, producendo abiti e berretti di carabinieri, di militari, di forestale e di poliziotti spacciandoli per pezzi di sartoria italiana. In 12 rischiano il processo

Le divise delle forze armate erano tutte rigorosamente “made in Cina”.

Così 12 tra imprenditori tessili e dipendenti delle aziende responsabili sono stati accusati di associazione per delinquere dedita alla frode nell’esecuzione di contratti di fornitura con lo Stato o con altri enti pubblici.

Sarebbero stati, secondo la Procura, Carmelo e Piero Bucalo a costituire, finanziare e dirigere tale organizzazione, in quanto, rispettivamente, amministratore della Mediconf Spa e socio della stessa.

Due aziende, la Mediconf e la Gifrab Srl, si sono aggiudicate una serie di contratti di pubblica fornitura a carabinieri, militari, finanzieri, poliziotti e forestali, negli anni tra il 2005 e il 2008, di numerose divise, tra uniformi da combattimento, camice, berretti, giubbe e così via.

La frode sarebbe in pratica consistita “nel dissimulare la produzione del tessuto e il confezionamento delle divise presso (…) ditte ubicate nella Repubblica Popolare Cinese.

E nel fornire un prodotto finale non rispondente alle specifiche tecniche concordate in sede di aggiudicazione (dei contratti ndr)”, come si legge nel capo di imputazione.

E per evitare di essere scoperti, gli indagati avrebbero mascherato le etichette “made in Cina”, di modo che la produzione notoriamente di scarsa qualità apparisse frutto della sartoria italiana.

Le 12 persone finite nei guai ora rischiano il processo: il pm Corrado Fasanelli della procura di Roma ha appena avanzato per tutti la richiesta di rinvio a giudizio

Il Giornale.it,18/02/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.