La Forestale sequestra 5 tonnellate di cibo cinese destinato all’Abruzzo

LANCIANO, 22 SETTEMBRE 2014 – Maxi blitz del NAF, il Nucleo Agroalimentare e Forestale del Corpo Forestale dell’Abruzzo e del Lazio che, quest’oggi, ha sequestrato 5 tonnellate di prodotti cinesi destinati al mercato alimentare del Centro Italia. Le ricerche erano partite da un mese a Lanciano(CH)

Il sequestro odierno nasce da un lungo lavoro di ricerca partito circo un mese fa a Lanciano, nella provincia di Chieti. Dopo un controllo effettuato dal Naf, a carico di un vettore e di un ristorante cinese, gli investigatori hanno evidenziato dei forti dubbi sulla qualità dei prodotti. Individuato nel Lazio il grossista che si occupava della commercializzazione, il Naf abruzzese e quello del Lazio, hanno scoperto alimenti privi di etichetta e in condizioni igienico – sanitarie precarie, procedendo quindi al sequestro dei prodotti alimenti che comprendono, soprattutto, germogli di soia, gnocchi di riso white rice cake e di rice stick.

I prodotti erano destinati al mercato del Centro Italia

Erano probabilmente destinati al mercato del Centro Italia i prodotti alimentari sequestrati ed, in particolare, l’Abruzzo e il Lazio, luoghi in cui avveniva lo scambio di alimenti. Lo staggio, situato nel capoluogo romano, è stato messo sotto sequestro ed ora sotto i controlli dell’Asl intervenuta per garantire la genuinità dei prodotti. Grazie al Naf, nessuno dei prodotti sospettati ha raggiunto le località interessate.

Info Oggi,22/09/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.