Firenze: riciclaggio e rimesse illecite verso Cina, 19 denunce

Perquisizioni presso quattro agenzie di money transfer nelle provincie di Firenze e Prato sono state eseguite dai militari del Nucleo di polizia tributaria di Firenze su delega della Procura della Repubblica di Firenze. Le attivita’ di polizia giudiziaria sono state svolte nell’ambito delle indagini per riciclaggio ed illecito trasferimento di valori. Elevatissime disponibilita’ finanziarie sono state trasferite in Cina attraverso un illecito frazionamento delle somme. Migliaia di operazioni sono state intestate fittiziamente a cinesi, inesistenti o ignari, eludendo la normativa sui money trasfer che prevede un limite di 2.000 euro per ogni trasferimento di denaro. L’attivita’ di polizia giudiziaria ha permesso di sequestrare 3,8 milioni di euro in contanti destinati ad essere trasferiti in Cina, e vari computer e i dati l’Archivio Unico Informatico (tenuto ai fini della normativa antiriciclaggio) riferito alle agenzie. Durante l’intervento presso le sedi dei money trasfert sono stati identificati e denunciati 13 soggetti che si apprestavano ad inviare denaro (tra 20.000 e 100.000 euro) oltre i limiti consentiti dalla normativa vigente e 6 rappresentanti delle agenzie di money transfer. Dal mese di giugno ad ottobre con questa tecnica sono state trasferite in Cina somme per 125 milioni di euro. I dettagli dell’operazione saranno illustrati alle ore 11.30 odierne presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze, via Santa Reparata 97, Firenze.

Fonte: Libero news.it, 30 novembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.