Finlandia: I media e le organizzazioni per i diritti umani espongono i crimini commessi durante la persecuzione del Falun Gong da parte dei funzionari del PCC in visita al Paese

 Etelä-Saimaa, il più importante giornale della Finlandia settentrionale, è stato uno dei media finlandesi che hanno segnalato il ruolo di Liu Yunshan nella persecuzione del Falun Gong in Cina: istigare alle menzogne e all’odio in qualità di ministro della Propaganda. La visita al Paese dal 12 al 14 giugno di Liu, membro del Comitato Permanente del Politburo del Partito Comunista Cinese (Pcc), faceva parte del suo programma di visite in quattro stati in Europa.

Nell’ articolo di prima pagina, Etelä-Saimaa ha pubblicato una foto per evidenziare le violazioni dei diritti umani, che Liu non ha potuto insabbiare: Liu sembrava a disagio a causa dello striscione blu dei praticanti del Falun Gong che incombeva sullo sfondo.

Come Ministro della Propaganda dal 2002 al 2012, Liu ha coordinato attivamente le campagne di odio del Pcc per giustificare la persecuzione del Falun Gong. Ad esempio, nel gennaio 2010, ha ordinato la confisca dei materiali di chiarimento della verità del Falun Gong: «Un attacco fermo alla penetrazione delle forze ostili».

Un gala nel febbraio 2001, in nome della «lotta contro il Falun Gong», è uno degli esempi dei suoi sforzi nella persecuzione. Liu ha presieduto l’evento al quale hanno partecipato oltre 3.000 persone e li ha esortati a «lottare contro il Falun Gong».

Le proteste dei praticanti rivolte a «Portare Liu Yunshan di fronte alla giustizia» hanno seguito Liu in quasi ogni tappa del suo itinerario. Yle TV, la radio-televisione di stato Finlandese, ha trasmesso le proteste pacifiche dei praticanti durante la visita di Liu nella città di Rovaniemi.

Secondo il rapporto di Yle, l’Ufficio Investigativo Nazionale (NBI) ha confermato di aver ricevuto una richiesta di indagine penale da Amnesty International, per quanto riguarda i crimini di Liu contro l’umanità e crimini di tortura. La stessa richiesta è stata inoltre presentata al Procuratore Generale della Finlandia.

La sezione finlandese Sostenere i Diritti Umani in Cina (SHRIC) ha annunciato una relazione di WOIPFG (Organizzazione Mondiale per Indagare sulla Persecuzione del Falun Gong), in cui si è fatto riferimento a un caso simile. Francois Bazaramba, cittadino finlandese di 59 anni, dopo essere risultato coinvolto nel genocidio in Ruanda del 1994, un tribunale finlandese lo ha condannato all’ergastolo.

SHRIC, una organizzazione non-profit con sede in Svezia, ha raccomandato che la Finlandia e la società internazionale gestiscano il caso di Liu in modo simile.

La signora Chen Zhenping, una praticante in Cina, è stata trattenuta in carcere fin dal suo arresto nel 2008. Le sue due figlie vivono a Rovaniemi. La signora Jin Zhaoyu, figlia della signora Chen, ha detto a Yle che gli sforzi sarebbero continuati, perché «la persecuzione deve finire».

Clearharmony,01/07/2014

English version:
Finland: Media and Human Rights Organizations Expose Visiting CCP Official’s Crimes in the Persecution of Falun Gong

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.