Famosa Antropologa Culturale uigura scomparsa nel 2017 è rinchiusa in un campo di internamento nello Xinjiang

Un’esperta di folklore ed etnografa uigura riconosciuta a livello internazionale, scomparsa nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) in Cina più di tre anni fa, è stata confermata imprigionata dalle autorità, secondo i suoi ex colleghi dell’Università dello Xinjiang.

L’Antropologa  Rahile Dawut parla con un uomo nella regione autonoma uigura dello Xinjiang, nel nord-ovest della Cina, in una foto non datata.

Rahile Dawut, 55 anni, ha creato e diretto il Minorities Folklore Research Center dell’università e ha scritto dozzine di articoli su riviste internazionali e numerosi libri, inclusi studi sui siti sacri islamici in Asia centrale, e ha presentato il suo lavoro a conferenze in tutto il mondo.

Antropologa di formazione, è scomparsa nel dicembre 2017, ritenuta arrestata e detenuta in uno dei tanti campi di internamento in una campagna di incarcerazione di massa lanciata quell’anno dalle autorità cinesi,  fino ad oggi il regime cinese non ha fornito informazioni su dove si trovasse e non hanno fornito informazioni sulle accuse a suo carico.

Rahile è stata infatti detenuta insieme ad altri membri dell’élite intellettuale e culturale uigura, condannata ed è ora in prigione, lo ha scoperto il servizio uiguro di RFA all’inizio di questo mese attraverso una serie di interviste con i dipendenti dell’Università dello Xinjiang.

Rahile, uno dei tanti intellettuali uiguri messi a tacere dalle autorità cinesi come parte di una campagna per rimuovere gli educatori influenti, è scomparsa improvvisamente dalla vita pubblica, insieme a Tashpolat Teyip, Arslan Abdulla e altri importanti professori dell’Università di Xinijang nella capitale dello XUAR Urumqi (in cinese , Wulumuqi).

Una donna dell’ufficio amministrativo dell’Università dello Xinjiang ha detto a RFA che Rahile era senza lavoro da un po’ di tempo e che le autorità avevano notificato all’università che era stata condannata al carcere.

“Sì, ci hanno avvisato”, ha detto.

La  donna, che ha parlato a condizione di anonimato a causa della delicatezza del caso, ha anche detto a RFA che l’università ha emesso un avviso interno alla facoltà sulla condanna di Rahile alla fine del 2020.

Un altro funzionario soprannominato Zhao del Dipartimento di Propaganda dell’università ha confermato che Rahile era stata arrestata e di  non poter fornire ulteriori informazioni.

“Non potevo più tacere”

Akida Polat, la figlia di Rahile che ora vive negli Stati Uniti, ha detto a RFA che l’ultima volta che hanno avuto occasione di parlare con sua madre è stato nel dicembre 2017, sua madre le ha detto che stava facendo un viaggio molto urgente a Pechino per una conferenza. Akida non è più riuscita a raggiungerla da allora.

“L’ultima volta che ho parlato con mia madre,  è stato il 12 dicembre 2017”, ha detto. “Quel giorno mia madre andava di fretta e mi ha detto che sarebbe andata a Pechino e che mi avrebbe richiamato una volta arrivata a Pechino. E’ scomparsa senza lasciare traccia».

Akida aveva fatto presente alla madre di essere preoccupata per la partecipazione di sua madre a una conferenza dato la persecuzione degli uiguri . La madre assicurò la figlia dicendole che si trattava di un malinteso. Ma quello fu l’ultimo scambio di parole con  sua madre.

“In quel momento erano appena cominciate a diffondersi notizie  che rinchiudevano gli uiguri nei campi. Ho iniziato a indagare ma nonostante i miei prolungati sforzi non sono riuscita a trovare alcuna traccia di mia madre”.

La Cina ha rinchiuso fino a 1,8 milioni di uiguri in una rete di campi di detenzione dal 2017, insieme a un numero minore di kazaki e kirghisi, compagni di lingua turca. Pechino afferma che i campi sono centri di formazione o rieducazione professionale volti a combattere l’estremismo nello XUAR.

Alla fine del 2018, Akida ha ricevuto informazioni che sua madre era detenuta. Rendendosi conto che il suo anno di silenzio sulla questione era stato inutile, Akida ha deciso di rendere pubblica la situazione alla fine del 2019 quando ha pubblicato in un sito web informazioni su sua madre .

“Ho appreso tramite conoscenti che le autorità cinesi avevano incarcerato mia madre… Nel processo di ricerca avevo letto così tante cose sugli uiguri nei notiziari  che mi hanno fatto comprendere che noi uiguri stavamo affrontando un genocidio. Nell’estate del 2019 ho deciso che non potevo più tacere e che avrei diffuso quello che è accaduto a mia madre”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti lunedi, in un rapporto al Congresso, ha dichiarato che la Cina sta commettendo atrocità  e crimini contro l’umanità in alcuni paesi tra cui Myanmar, Etiopia, Iraq, Siria e Sud Sudan ribadendo che si tratta di genocidio.

“Il segretario (Antony) Blinken ha affermato nel gennaio 2021 che la Repubblica popolare cinese sta commettendo genocidio e crimini contro l’umanità contro gli uiguri e membri di altre minoranze etniche e religiose nello Xinjiang. I crimini contro l’umanità includono l’imprigionamento, la tortura, la sterilizzazione forzata e la persecuzione”, afferma il rapporto Elie Wiesel Genocide and Atrocities Prevention Act.

Akida ha detto a RFA che la sua rabbia per la prigionia di sua madre per mano del governo cinese serve come motivazione per la sua difesa.

“Le  notizie avute  su mia madre,  mi hanno reso ancora più forte. Non smetterò mai di combattere per mia madre e lo farò sempre con maggiore vigore”

Nel gennaio di quest’anno, Akida ha iniziato a lavorare per la Campagna per gli uiguri con sede negli Stati Uniti, un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene i diritti e le libertà democratiche degli uiguri nello XUAR e altrove, per promuovere la causa di sua madre.

La scomparsa di Rahile era stata riportata dai media internazionali, tra cui The New York Times , The Washington Post e The Diplomat. Le autorità cinesi devono ancora fornire alcuna informazione ad Akida o ai membri interessati della comunità internazionale.

Tenere il suo caso nascosto 

In diverse conferenze stampa negli ultimi due anni, le autorità cinesi hanno cercato di confutare la testimonianza di alcuni uiguri all’estero rivelando informazioni parziali sui loro familiari scomparsi. Ma non hanno mai menzionato Rahile Dawut agli eventi mediatici.

Alcuni rapporti sui social media hanno suggerito che Rahile ha gravi problemi di salute a causa della torture o dello stress psicologico che sta subendo in prigione e che le autorità stanno tenendo il suo caso nascosto per questo motivo.

La mancanza di informazioni su Rahile da parte delle autorità cinesi ha aumentato la visibilità del suo caso tra i membri della comunità internazionale. Dopo la sua scomparsa, le società accademiche hanno divulgato lettere e dichiarazioni su di lei per aver ricevuto numerosi premi accademici internazionali in contumacia.

L’Open Society University Network l’ha nominata professore onorario di scienze umane nel dicembre 2020 e Scholars at Risk, con sede a New York, una rete internazionale di istituzioni e persone la cui missione è proteggere gli studiosi e promuovere la libertà accademica, le ha conferito il premio  “Il Coraggio di pensare”  nel novembre 2020. Entrambi i gruppi hanno rilasciato dichiarazioni al governo cinese chiedendo informazioni su Rahile e chiedendone l’immediato rilascio senza aver ottenuto alcun effetto.

Un ufficiale di polizia dell’Università dello Xinjiang che si è rifiutato di dare il suo nome ha detto che probabilmente è stata arrestata a causa delle sue ricerche sui mazar (santuari) e del modo in cui sono stati trattati dalle autorità locali e autonome a livello regionale per risolvere i problemi che hanno posto ostacoli al loro  lavoro.

L’ufficiale contattato da RFA ha affermato di aver ricevuto un avviso speciale sul presunto “crimine” di Rahile, affermando che lo studioso aveva causato “provocazioni” sociali tra agricoltori e il governo. L’ufficiale ha detto di non ricordare la durata della pena detentiva di Rahile.

Quando gli è stato chiesto dove Rahile stesse scontando la sua pena, ha detto: “Ci hanno detto di non parlarne con altre persone e di stare attenti su quanto sentito”.

Mehriay Mamteli, un ricercatore indipendente che vive negli Stati Uniti e uno degli ex colleghi di Rahile, ha affermato che le autorità potrebbero aver usato la ricerca del professore sui santuari uiguri come prova delle accuse.

Ha aggiunto che Sebbene Rahile abbia ricevuto sovvenzioni nazionali e abbia lavorato sotto la guida del noto ricercatore di etnia Han Zhong Jinwen presso l’Università Normale di Pechino nella capitale cinese, incontrò ostacoli durante la ricerca di santuari nel bacino del Tarim dello XUAR a causa delle restrizioni di vecchia data e della repressione sui costumi religiosi e culturali in tutta la regione uigura, ha detto Mehriay.

“Nel processo di ricerca, ha incontrato molte restrizioni da parte dei governi locali e degli uffici responsabili della gestione delle questioni religiose ovunque andasse . Rahile ha ricevuto un permesso ufficiale per svolgere la sua ricerca “.

Quando Rahile ha spiegato l’importanza della sua ricerca ai funzionari a livello locale e regionale e che le restrizioni su alcuni siti e usanze erano fuorvianti.

“Per il governo cinese mettere questa donna in prigione e punirla per cose che  il governo ha approvato , e poi definirla   una ‘rivoluzionaria reazionaria’ o qualsia altra cosa è una violazione delle stesse leggi cinesi”, ha detto Mehriay.

Un’altra fonte che afferma di avere familiarità con la situazione, che ha chiesto l’anonimato per paura di rappresaglie, ha affermato che molte persone sono state commosse e incoraggiate dalla volontà di Rahile di utilizzare la ricerca come mezzo per sollevare questioni che gli stessi agricoltori non osavano discutere con le autorità competenti.

Ma anche se da un lato  le sue preoccupazioni hanno colpito alcuni funzionari locali, dall’altro hanno sollevato sospetti in altri, che secondo Mehriay hanno costituito la base delle accuse contro Rahile.

Un attacco al piano della Cina

Sebbene la ricerca di Rahile sui santuari uiguri non fosse direttamente correlata alla politica, la sua stretta relazione con l’eredità spirituale e l’identità etnica degli uiguri potrebbe essere percepita come un attacco al piano della Cina per eliminare l’identità etnica uigura, ha affermato Alimcan Inayet, professore uiguro a Ege Università in Turchia.

“Come è noto, le nostre opere storiche etniche e il nostro patrimonio culturale sono molto importanti per rafforzare la nostra coscienza e identità etnica”, ha detto a RFA. “Lo stato cinese forse è a disagio per questo, o addirittura ha paura”.

“Lo stato cinese, che ha fatto dell’assimilazione degli uiguri il suo obiettivo, ha cercato a lungo di indebolire la coscienza etnica uigura e l’identità etnica uigura”, ha affermato. “Cose come il divieto pubblicare o leggere  libri sulla nostra storia etnica, la demolizione di strutture antiche e la distruzione di statue di importanti personaggi storici uiguri, tra le altre, lo dimostrano molto chiaramente”.

Un’altra fonte a conoscenza della situazione ha affermato che prendendo di mira il professore, le autorità cinesi hanno cercato di creare un clima di isolamento, intimidazione e eventuale alienazione dal patrimonio culturale uiguro tra gli stessi uiguri.

Lisa Ross, fotografa e artista visiva americana attualmente residente negli Stati Uniti, ha incontrato Rahile a una conferenza di studi sugli uiguri a Londra nel 2004. Hanno quindi collaborato a un’indagine fotografica sui santuari uiguri e sono diventati amici intimi.

Ross ha detto a RFA che è stata rattristata nel sentire la conferma della condanna di Rahile e che ora ha un’idea più chiara di ciò che deve essere fatto per garantire il suo rilascio.

“Grazie al suo lavoro, molte persone continueranno a conoscere e ricordare cosa e chi sono sempre stati gli uiguri per centinaia di anni, e qual è la loro memoria collettiva, quindi il nostro compito è lottare per la sua liberazione”, ha detto Ross.

Rachel Harris, etnomusicologa della SOAS dell’Università di Londra, la cui ricerca si concentra sulla musica uigura, conosce Rahile da più di 20 anni. Ha detto a RFA di essere rimasta colpita non solo dalle credenziali accademiche di Rahile, ma anche dalla sua sincerità, umanità e virtù.

“La mia speranza è sempre che i governi nazionali si uniscano come un gruppo e facciano una dichiarazione forte su ciò che sta succedendo”, ha detto Harris. “Ho fatto pressioni sulla mia università per sollevare un caso”.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte : RFA, 13/07/2021

Articolo in inglese:

Noted Uyghur Folklore Professor Serving Prison Term in China’s Xinjiang

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.