Famiglia di attivista in fuga dalla Cina: “Chiediamo asilo agli Stati Uniti”

La moglie e i due figli di un noto avvocato cinese difensore dei diritti umani, Gao Zhisheng, sono sfuggiti alla sorveglianza della polizia e sono riusciti ad arrivare mercoledì negli Stati Uniti, via la Thailandia. Lo ha reso noto oggi l’emittente finanziata dagli Stati Uniti Radio Free Asia.
La moglie di Gao, Genh He, la figlia di 15 anni e il figlio di 5, hanno lasciato la Cina il il 9 gennaio e sono arrivati in Thailandia il 16. Non è chiaro se siano passati attraverso il Laos o il Myanmar (Birmania). Gao non ha potuto partecipare alla fuga perchè sottoposto a stretta sorveglianza. La moglie e i figli, che erano praticamente sottoposti ad arresti somiciliari, sono invece riusciti ad eludare i loro sorveglianti grazie all’aiuto di membri del movimento religioso Falung Gong, i cui diritti sono stati più volte difesi da Gao.


La donna ha detto a radio Free Asia
di aver lasciato la Cina a causa della dura sorveglianza a cui erano sottoposti che incideva pesantemente sulle loro vite. La figlia, ha raccontato, «ha tentato di suicidarsi varie volte» perchè non poteva nenache andare a scuola.

Il Quotidiano.net, 13 marzo 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.