Categoria: Falun Gong

Ginevra: la violazione dei diritti umani da parte della Cina all’esame del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite

Dodici stati facenti parte del Consiglio ONU per i Diritti Umani hanno espresso critiche nei confronti della Cina nel corso della Universal Periodic Review, la procedura che esamina il rispetto dei diritti umani all’interno degli stati membri.

CINA-Gansu: donna disabile, incarcerata per la sua fede, racconta il suo calvario

Nel 2008 la Sifg.ra In Junmei di 62 e residente nella contea di Yuzhong, a Lanzhou, nel Gansu, è stata più volte arrestata per aver rifiutato di rinunciare al Falun Gong ed infine condannata a otto anni di carcere, ma alcuni mesi dopo in seguito alla morte del marito, rilasciata in libertà vigilata. Nondimeno nel 2012 è stata rimessa sotto custodia e incarcerata per tre anni, durante i quali è stata gravemente picchiata, privata dell’uso del bagno e costretta a bere urina e mangiare feci.

Vietata mostra su corpi umani cinesi: si teme siano di condannati della Falun Gong

Per riaprire l’esposizione, le autorità svizzere esigono documenti sulla provenienza e sul consenso dei deceduti o dei loro familiari. In passato vi sono state denunce sull’uso di corpi di condannati a morte per favorire un commercio illegale di organi per trapianti.

Guizhou: drogata in carcere e traumatizzata, donna muore dopo undici anni di sofferenza

Yang Dezhen è deceduta recentemente in un centro di assistenza all’età di sessantatré anni, dopo aver sofferto per undici anni di disturbi mentali causati dall’assunzione forzata di droghe neurotossiche mentre si trovava in carcere.

Cina: Un bambino testimone della brutalità del PCC

Sono nato nel 1998 e nel periodo della mia gioventù sono stato detenuto e molestato dagli agenti di polizia e ho visto come la mia famiglia è stata brutalmente perseguitata dalle forze dell’ordine pilotate dal Partito Comunista Cinese (PCC). Quando li vedo mi vengono i brividi e comincio a tremare.

Negate le cure a un medico gravemente malato, imprigionato per aver strappato dei manifesti diffamatori

Nel novembre 2017, dopo essere stato detenuto per sei mesi, il dottor Li Changxing ha accusato nuovamente i sintomi di avvelenamento da metalli pesanti, manifestando piaghe maligne su tutto il suo corpo e una perdita di peso da sessantatré chili e mezzo a meno di quarantuno. Nonostante le sue condizioni di salute, il 17 aprile 2018 è stato comunque fatto comparire in Tribunale.

Cina-Liaoning: Donna che non ha rinunciato alla sua fede, torturata fino alla morte.[video testimonianza]

Il 16 marzo del 2015 Li Yan di Chaoyang, è stata arrestata illegalmente dalla Polizia, per non avere rinunciato alla sua fede nel Falun Gong, una pratica spirituale basata sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza, perseguitata in Cina. La donna è stata condannata a una pena detentiva di tre anni dopo un processo farsa. Dalla testimonianza del marito, la donna mentre era imprigionata ha subito torture indicibili e quando è stata rilasciata era sull’orlo della morte.