Categoria: Falun Gong

Imprenditore rischia la vita per raccontare i campi di concentramento cinesi

Dopo aver affrontato anni e anni di ingiustizie nella propria patria, la Cina, l’imprenditore di successo Yu Ming è finalmente giunto negli Stati Uniti, da dove ha voluto condividere con il mondo la sua incredibile storia.

Donna costretta a letto torturata nella prigione femminile di Liaoning

Qiu Sihui, di Anshan, provincia di Liaoning, è stata più volte arrestata per essersi rifiutata di rinunciare alla sua fede nel Falun Gong, una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese. Attualmente è detenuta nel carcere femminile di Liaoning.

Praticante della Falun Dafa muore dopo 14 anni di prigionia

Shanghai, la più grande città della Cina, è allegra ed esuberante. Eppure, dietro lo splendore e la vitalità della metropoli, si celano aberranti crimini e gravi violazioni dei diritti umani, così come in altre parti della Cina.

Inferno in Terra, gli oltre 100 metodi di tortura delle carceri cinesi

Torture e abusi nei confronti dei gruppi perseguitati sono ancora la norma in Cina. Secondo associazioni per i diritti umani, alcuni dei metodi di tortura sembrano usciti direttamente dal Medioevo, mentre altre forme di abuso, come il prelievo forzato di organi, non hanno precedenti nella Storia.

CINA: donna muore 3 mesi dopo il rilascio dalla prigione. Anni di torture l’avevano ridotta in fin di vita

Prima di soccombere alle sue ferite, Liu Zhenfang ha presentato una denuncia penale raccontando la sua prova,una descrizione straziante di come il regime comunista cinese ha distrutto il suo corpo, senza danneggiare la sua fede per venti lunghi anni.

La “banconota della verità” che spaventa i cinesi

La giornalista olandese Mayke Blok possiede una banconota cinese molto particolare. Finita nel suo portafogli durante un viaggio di lavoro in Cina qualche anno fa, sebbene valga solo 10 yuan (poco più di 1 euro) è un oggetto prezioso.

Donna racconta i suoi otto anni di torture per aver praticato il Falun Gong

La sessantunenne Yue Dingxiang di Lanzhou, una praticante del Falun Gong ha recentemente raccontato a un corrispondente Minghui, le torture subite nei suoi otto anni di carcere, di cui uno di lavoro forzato e sette di prigione.