Falsi farmaci antitumorali venduti per anni in Cina

Un’organizzazione criminale di Hangzhou (Zhejiang) vendeva farmaci antitumorali contraffatti e inefficaci, una truffa da decine di milioni di yuan. I diritti di produzione dei farmaci appartengono a grandi case farmaceutiche come Bayer, Nova, Roche e AstraZeneca. I criminali li vendevano tramite internet a un decimo del prezzo di quelli originali, indicando che erano prodotti in India e in Perù, Paesi che in molti casi possono produrre farmaci con le stesse proprietà di quelli originali senza pagare i diritti. In realtà i prodotti, preparati in Cina come ad esempio a Yixing nello Jiangsu, erano del tutto privi di effetti curativi e prodotti senza controlli di sicurezza, anche se non risultano vittime per la loro ingestione. L’Amministrazione per gli alimenti e i farmaci di Hangzhou ha iniziato le indagini nel settembre 2008, dopo avere scoperto farmaci con indicazioni soltanto in inglese, mentre ogni medicina deve avere la traduzione in cinese. Lo scandalo è esploso nel 2009, ma l’organizzazione ha proseguito la vendita online, in Cina ma anche in India e in Perù, per 7,5 milioni di yuan (circa 830mila euro). Lo scorso ottobre il tribunale di Hangzhou ha condannato i responsabili a pene fino a 10 anni di carcere. In Cina è grave il problema della sicurezza alimentare. A parte le vere organizzazioni criminali, come nel caso, negli anni scorsi sono scoppiati ripetuti scandali per la produzione di alimenti insicuri o nocivi per la salute, da parte di primarie aziende alimentari. Nel 2010 è esploso lo scandalo dell’olio da cucina ottenuto dalla raffinazione dell’olio di rifiuto delle cucine, dopo che i media hanno riportato che era usato da molti piccoli ristoranti. Sono stati sequestrate 165,7 tonnellate di olio commestibile ottenuto da prodotti di scarto o da fonti non conosciute. Sempre nel 2010 a luglio è stato scoperto a Dongyuan, latte contenente melamina, sostanza plastica  usata per far apparire l’alimento ricco di nutrimento. Il problema rimane l’inefficienza dei controlli delle autorità sanitarie, specie locali: nel 2010 sono stati puniti 191 funzionari addetti ai controlli, per omissioni nei loro doveri.

Fonte: Asia News, 31 gennaio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.