False residenze a cinesi, arresti a Prato

A meno di una settimana dal rogo nella fabbrica clandestina, a Prato questa mattina la Guardia di Finanza ha arrestato 11 persone, italiani e cinesi, accusati di associazione a delinquere, che hanno facilitato l’indebito rilascio di certificati di residenza a favore di cinesi immigrati.

Ansa.it – E’ un dipendente del  Comune di Prato addetto alle certificazioni di residenza, il pubblico ufficiale coinvolto nell’indagine della Gdf su una presunta associazione che rilasciava illecitamente certificati di residenza a immigrati provenienti dalla Cina. Nei confronti del funzionario il gip ha disposto la misura cautelare. Contestualmente agli arresti, centinaia di militari della Guardia di Finanza, coordinati dalla procura di Prato, stanno eseguendo oltre 300 perquisizioni

La Guardia di Finanza sta eseguendo altre 10 ordinanze di custodia cautelare.

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del tribunale di Prato. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l’associazione – attraverso la complicità del pubblico ufficiale – riusciva ad ottenere illecitamente, in cambio di denaro ed altre utilità, le iscrizioni all’anagrafe di cittadini cinesi che non ne avevano i requisiti ed erano entrati in Italia illegalmente.

Secondo quanto si apprende, dalle indagini sarebbe emerso che almeno 300 cittadini cinesi hanno usufruito dell’associazione per avere i documenti.

I cittadini cinesi avrebbero pagato una tangente che variava tra i 600 e i 1.500 euro a persona. I soldi, secondo quanto ricostruito dalle indagini, sarebbero finiti ad alcuni loro connazionali che, dopo aver requisito i passaporti agli immigrati, giravano parte del compenso ai loro soci italiani. In otto mesi l’organizzazione avrebbe guadagnato tra i 180mila e i 450mila euro.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.