ESCLUSIVO. “Un duro colpo per la Cina: lanciata al Parlamento Europeo la candidatura di Ilham Tohti al premio Sakharov”

Da un inviato Laogai Research Foundation Italia ONLUS

Bruxelles: è il premio per i diritti umani più ambito d’Europa e mercoledì 25 maggio, presso il parlamento europeo, è stata lanciata l’iniziativa per candidare lo Uiguro Ilham Tohti al premio Sakharov per la libertà di pensiero.

Nella foto un momento della conferenza (Laogai Research Foundation Italia ONLUS)

Sono trascorsi 28 anni dalla prima edizione del premio, il quale ha visto vincere  attivisti per i diritti umani del calibro di Nelson Mandela,  Aung San Suu Kyi, Malala Yousafzai e ora potrebbe essere la volta del diisidente uiguro.

Grazie allo sforzo congiunto dell’Ilham Tohti Iniziative (ITI), dell’Unrepresented Nations and Peoples Organization (UNPO Link: http://www.unpo.org), The Society for Threatened Peoples, Chinachange.org e con il sostegno del Europarlamentare Ilhan Kyuchyuk, si è tenuta la conferenza “Does China Want Real Ethnic Harmony?.

Durante l’evento, esperti provenienti da ogni parte del mondo hanno ampiamente discusso l’importate figura dell’economista, condannato all’ergastolo per separatismo, a seguito di un processo sommario, così come l’atteggiamento sempre più ostico e pericoloso del governo cinese nei confronti della minoranza.

Tohti, famoso per il suo impegno nel cercare di stabilire una solida comunicazione tra la comunità han e quella uigura, così come per il tentativo di garantire la pace e la democrazia nella regione, è già stato insignito, nel 2014, del prestigioso premio PEN (link: https://pen.org/2014-penbarbara-goldsmith-freedom-write-award-ilham-tohti-video).

Molti sono i politici americani che si sono pubblicamente esposti per l’attivista, tra cui il Presidente Barack Obama, il quale ha fatto pressioni per il suo rilascio nel 2009 (a seguito del quale fu liberato) e il Segretario di Stato americano John Kerry.

Certo è, che la strada per entrare nella rosa dei candidati è ancora lunga, 40 sono infatti le firme necessarie per accedervi di diritto, ma noi della Laogai Research Foundation siamo certi che lo sforzo, qualunque sarà l’esito, non sarà stato invano e servirà ad accrescere il più persone che verranno a conoscenza delle violazioni dei diritti umani perpetrate dalla Cina.

M.R. Laogai Research Foundation Italia ONLUS, 29/05/2016


Related article, The Uighur American Association:

Articoli correlati:

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.