Categoria: Economia

E’ ufficiale, siamo fottuti! Mentre in Cina festeggiano, per noi è l’inizio della “Via per l’Inferno” [VIDEO]

In Cina si brinda e noi siamo ufficialmente “fottuti a vita”! Dopo tanti anni di inutili tentativi, finalmente i cinesi hanno catturato la “grossa preda”. Il problema è che quella preda siamo noi…!

Il “viaggio con la Casta” di Craxi in Cina, e l’Italia che non cambia mai, o forse troppo

L’allora premier fu criticato per avere viaggiato a Pechino con una delegazione di sessanta persone. “Siamo qui con i suoi cari”, disse Andreotti.

Attenzione, ritiro marsupi e seggiolino made in China: rischio lesioni per i bambini

Una serie di seggiolini auto e due marsupi potrebbero provocare lesioni ai bambini. Per questo, il Rapex, il sistema europeo di allerta, ne ha disposto l’immediato ritiro dal mercato.

Gli euro falsi in Italia arrivano dalla Cina

Mentre la Via della Seta avvicina l’Italia alla Cina, ogni anno in Europa vengono messe in circolazione circa 600mila banconote false di diverso taglio. Nei soli ultimi 12 mesi le forze di polizia e le banche centrali dei singoli stati Ue ne hanno sequestrate per un importo complessivo di 101 milioni di euro (644mila pezzi in tutto, di cui 500mila in Italia).

La Cina vieta pere, mele e uva Made in Italy [Video]

Mele, pere e uva da tavola Made in Italy sono vietate in Cina che non ne permette l’ingresso a causa delle barriere commerciali ancora presenti per le produzioni nazionali. E’ quanto denuncia la Coldiretti alla vigilia della firma dell’accordo sulla nuova Via della Seta voluta dal presidente cinese Xi Jinping.

Il commercio mondiale dei falsi supera 500 miliardi di dollari. Cina primo produttore di merci contraffatte

Come sottolinea uno studio Ocse, la Cina è il primo produttore di merci contraffatte e l’Italia è il terzo Paese più colpito dai falsi che provocano la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro e un mancato gettito fiscale per svariati miliardi.

Atene capitale dei criminali cinesi . L’ultimo regalo di Tsipras alla Grecia

Il porto del Pireo si è trasformato in pochi anni nel più importante terminale dei traffici cinesi in Grecia e in Europa. Atene, soprattutto per la crisi finanziaria che l’ha costretta a vendere il suo patrimonio,ha lasciato che il colosso cinese Cosco acquisisse la maggior parte dell’Autorità del porto del Pireo.