Categoria: Economia

La Cina si prepara ad armare il dominio delle terre rare nella guerra commerciale

I media cinesi usano fraseggi puntati per creare minacce alle terre rare. Il presidente Xi ha visitato la struttura delle terre rare all’inizio di questo mese.Pechino si sta attrezzando per usare il suo predominio di terre rare per colpire nella sua guerra commerciale più profonda con Washington.

“Attenta Europa, la storia insegna che la pace non dura. E la Cina vuole dominarti”

Jonathan Holslag, professore di scienza politica all’Università di Bruxelles in “Storia politica del mondo” (Il Saggiatore) ripercorre 3000 anni di conflitti tra nazioni: “La prossima guerra sarà tra Stati Uniti e Cina per il controllo dell’Oceano Pacifico e i suoi traffici marittimi”.

Sempre più imprese UE obbligate a cedere tecnologie

Sempre più imprese europee sono costrette a cedere tecnologie per avere accesso al mercato in Cina. Il dato arriva dal Business Confidence Survey 2019 della Camera di Commercio UE che ha registrato il doppio degli iscritti rispetto a due anni fa (il 20%) costretti a cedere tecnologie e questo nonostante le rassicurazioni di Pechino: per il 25% di questi il procedimento è in corso e per il 63% è stato completato in meno di due anni.

Calano a picco le rimesse dall’Italia alla Cina: dove finiscono i guadagni cinesi?

In base ai dati 2018 diffusi dalla Banca d’Italia sulle rimesse all’estero dall’Italia, la Cina è scomparsa dai primi 20 Paesi che guidano la classifica di tale fenomeno, dopo esserne stata in cima per anni. E questo nonostante aumenti il numero dei residenti cinesi e soprattutto il numero delle loro attività commerciali sul territorio.

Le mani di Cina e Russia sul Belpaese

Cinesi e russi hanno messo le mani sull’Italia, si sono radicati nelle nostre città. Scordiamoci gli anni in cui erano dei semplici turisti innamorati della nostra arte e delle nostre spiagge. Ora il Belpaese per loro è un investimento. I russi hanno bisogno di convertire il rublo in euro e dollari, più stabili.

Ditte cinesi hanno evaso per milioni di euro, bar e ristorante senza contabilità

Le indagini si sono rese particolarmente complesse perché i documenti fiscali delle tre ditte erano praticamente inesistenti. Praticamente per cinque anni non hanno pagato nulla allo Stato.

Felpe made in Italy ma prodotte in Cina: maxisequestro al porto di Brindisi.[Video]

BRINDISI- Riportano tutte la bandiere italiana, ma quelle 5mila felpe, caricate su un tir proveniente da un porto greco, di italiano non hanno nulla: sono state prodotte in Cina e importate dalla Bulgaria da parte di un operatore commerciale romano, che le avrebbe rivendute sul mercato come merce nazionale. E’ finito tutto sotto sequestro.