È vero la Cina fa affari ma l’Africa le è debitrice

Anni fa uno dei più acuti psicoanalisti italiani, Giacomo B. Contri, sottolineò che c’è perfino qualcosa di peggio che essere sfruttati ed è trovarsi in una situazione tale che nessuno vuole sfruttarti. Solo partendo da qui è possibile accostare le difficoltà di un continente, l’Africa, che pare non avere speranze e che da tempo è terra di emigrazione. Il viaggio del Papa ha richiamato l’attenzione sulla disperazione di questo mondo e bene ha fatto Benedetto XVI a rilevare come in troppi casi vi siano imprese che, appoggiandosi a questo o quel governo, spogliano tali territori delle loro risorse naturali. È però chiaro che il principale problema dell’Africa non sono le aziende stranieri presenti (abbastanza poche, a ben guardare), ma quelle assenti. Il dramma africano emerge con tutta evidenza quando si comprende che il commercio internazionale quasi ignora i paesi africani, perché è opinione comune che lì non vi siano opportunità di scambi e profitti. Per tale motivo, ancor più importante che denunciare le multinazionali che in loco si comportano male, è necessario sforzarsi di capire perché esse possono agire in quel modo e perché, comunque, tante altre aziende si tengono alla larga dall’Africa, mentre investono con soddisfazione nell’Europa orientale, nella penisola indiana o nel Sud-Est asiatico. La tragedia dell’Africa, allora, è in primo luogo da ricondurre alle satrapie che l’affliggono da un capo all’altro. E così come nessuno di noi entrerebbe in affari con un socio disonesto, ben pochi sono pronti a investire in Paesi in cui il potere è esercitato in modo arbitrario e dove non vi è il minimo rispetto per la proprietà privata. Se qualcuno si muove, allora, lo fa troppo spesso solo nella prospettiva di un guadagno immediato: nella logica di una speculazione “mordi-e-fuggi”. Così come il turismo italiano è stato sconquassato nel suo insieme dalle immagini trasmesse in tutto il mondo della monnezza napoletana, proviamo un attimo a riflettere alle pesanti conseguenze sulle strategie economiche globali che hanno avuto gli espropri in Zimbabwe o i conflitti che in questi anni hanno insanguinato Somalia, Liberia o Ruanda. E tutto ciò in un quadro che vede Europa e Nord America difendere politiche agricole protezioniste che, come denunciano anche tanti studiosi africani, impediscono ai poveri produttori africani di esportare da noi le loro derrate. Gli unici, o quasi, che anche solo per ragioni geopolitiche oggi sembrano dare credito a un futuro possibile per l’Africa sono i cinesi. Essi stanno trasferendo lì attività, determinati a rafforzare i legami politici e le collaborazioni economiche, cominciando a guardare a questo grande continente come a uno spazio di opportunità. È possibile che vogliano solo sfruttare quella gente, ma – ricordando l’aforisma di Contri – forse stanno aiutando questi giovani popoli a fare un primo passo nella direzione giusta.

Il Tempo, 22 marzo 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.