Due terzi delle bottiglie di plastica nel mare di Hong Kong e Taiwan vengono dalla Cina.[video]

La scoperta da parte di ambientalisti che hanno ripulito 16 spiagge dei due territori. È necessario che Pechino riduca i rifiuti e responsabilizzi le ditte produttrici delle bevande a ridurre l’uso della plastica.

Ambientalisti di Hong Kong e Taiwan chiedono alla Cina e ai produttori di bevande di ridurre l’uso della plastica, dopo aver scoperto che i due terzi delle bottiglie raccolte sulle spiagge dei due territori provengono dal continente.

Almeno il 66% delle bottiglie di plastica raccolte lungo le coste di Hong Kong e Taiwan avevano l’etichetta scritta in caratteri cinesi semplificati, usati dalla Cina popolare.

Il gruppo Green Earth, insieme ad altre otto ong, hanno operato una pulitura di 16 spiagge a Hong Kong e a Taiwan, raccogliendo 5200 bottiglie di plastica. Di queste, più di 4400 sono di marchi famosi e il 66% delle marche era in cinese semplificato; un altro 28% era in cinese tradizionale, quello usato da Hong Kong e Taiwan.

Hahn Chu Hon-keung, direttore di Green Earth, citato dal Scmp, ha chiesto che la Cina popolare – che ha prodotto la maggior parte delle bottiglie e dei rifiuti finiti nell’oceano – dovrebbe prendere più iniziativa per ridurre le immondizie e anche responsabilizzare le ditte produttrici delle bevande a ridurre l’uso della plastica.

Asianews,03/09/2018

Versione inglese:

Two thirds of plastic bottles found in ​​Hong Kong and Taiwan waters come from China 

Video HKnews:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.