- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Donne birmane trafficate come spose in Cina raccontano le loro storie lanciando ombra sulla Belt and Road.

MYITKYINA, Myanmar – Sotto le continue critiche della comunità internazionale per la “pulizia etnica” della sua minoranza etnica Rohingya, il Myanmar è vittima da anni  di un altro grave problema umanitario: il “traffico di spose”.

Kohon Ja, venduta come sposa. Fu costretta a sposare un uomo cinese. (Foto di Rie Ishii)

Negli stati di Kachin e Shan, coinvolti da decenni in sanguinosi conflitti etnici, oltre 100.000 persone sono fuggite dai loro villaggi. Sono diventati dei sfollati interni, che vivono nei campi, molti dei quali vanno spesso in Cina per guadagnare denaro come lavoratori migranti illegali.

Questo ambiente senza legge offre un campo prolifico ai trafficanti di spose. Le donne trafficate vengono vendute nell’entroterra cinese, dove la “politica del figlio unico”  ha creato un grave squilibrio di genere.

Molte donne del Myanmar, che sono andate in Cina per trovare lavoro  sono state costrette a sposare uomini cinesi. Queste donne hanno raccontato alla Nikkei Asian Review ciò che hanno vissuto oltre il confine.

La ventenne Kohon Ja è riuscita a tornare in Myanmar diversi mesi fa dopo essere stata vittima del traffico di donne. Fu costretta a sposare un cinese non avendo i mezzi per fuggire.

 

Kohon Ja mostra una foto dell’uomo cinese che è stata costretta a sposare. (Foto di Rie Ishii)

In fuga dal conflitto tra l’esercito del Myanmar e gruppi armati etnici, si stabilì in un campo IDP prima di partire illegalmente per la Cina nel dicembre 2017, dove inizialmente ha trascorso quattro mesi a lavorare in un impianto di lavorazione dei metalli e altri due mesi in una fabbrica di giocattoli.

Quindi, la situazione è cambiata quando un uomo del Myanmar le ha detto che poteva guadagnare 12 yuan ($ 1,70) all’ora in una fabbrica dove lavorava sua sorella. Lei credette all’uomo e viaggiò in autobus per due giorni per incontrare sua sorella, che in realtà non lavorava, ma era sposata con un cinese e incinta.

 

 

Il giorno dopo il suo arrivo, a Kohon Ja fu detto dalla sorella dell’uomo che avrebbe dovuto centinaia di dollari. ” Ti sei indebitata quando hai deciso di lavorare in Cina”, aggiungendo “Se vuoi far fede ai tuoi impegni , il modo migliore è sposarti con un cinese”.

Il giorno dopo, venne un’altra donna del Myanmar e le disse: “C’è un lavoro disponibile nel villaggio di mio marito”. Nel disperato tentativo di lavorare, Kohon Ja le credette e viaggiò in  di un  altro villaggio. Ma dopo essere giunta nel luogo di destinazione, la donna si è rivelata come una intermediaria. Finse di cercare un lavoro per la malcapitata per diversi giorni e poi le disse: “Se non sai parlare cinese, è impossibile trovare un lavoro in Cina. È meglio sposarsi con un cinese”.

Alcuni genitori di uomini cinesi hanno iniziato a far visita a Kohon Ja per mostrare le foto dei loro figli. Dopo aver rifiutato di sposare un cinese tre volte, la intermediaria è passata alle minacce. “Abbiamo già speso un sacco di soldi per il trasporto, il cibo e l’alloggio. Scegli un cinese il prima possibile”. Kohon Ja alla fine, non ha più potuto rifiutare.

 

A Kohon Ja i vicini hanno rivolto delle parole disprezzanti. (Foto di Rie Ishii)

Fu portata a casa della famiglia in cui si sposò e due giorni dopo si tenne una cerimonia nuziale.L’intermediaria e suo marito erano gli unici testimoni dalla parte della sposa.

L’uomo che la ha comprata  le ha detto che aveva pagato alla intermediaria  50.000 yuan (circa $ 7.000)  e ha iniziato a costringerla ad avere un rapporto sessuale con lui.

Per sei mesi ha vissuto con i genitori dell’uomo, era costantemente sorvegliata dai membri della sua famiglia. Successivamente i coniugi  si sono trasferiti in una casa vicino al posto di lavoro del marito, l’ha rinchiusa in questo  ogni giorno. A volte stava fuori casa per giorni e giorni senza lasciarle abbastanza cibo o acqua. Kohon Ja “Avevo solo una minuscola bottiglia d’acqua. Quindi, ho dovuto bere un po ‘alla volta per un’intera settimana, senza mangiare”.

La sua salvezza arrivò sotto forma di uno smartphone che l’uomo le diede. Telefonò ad una sua amica in Myanmar, che poi informò i suoi genitori  del suo matrimonio forzato. I suoi genitori hanno denunciato il crimine alla polizia locale del Myanmar. Dopo lunghe trattative tra le autorità dei due paesi, la polizia cinese l’ha finalmente presa in custodia protettiva.

Ma il suo calvario non finisce qui. Un ufficiale di polizia cinese la ha minacciata “Preferisci tornare da tuo marito cinese o  vuoi sposarti con un altro cinese?”. È stata trattenuta in una struttura di assistenza per anziani per circa 20 giorni senza vestiti di ricambio.  Quando è tornata a casa, non è stata lasciata in pace poiché alcuni dei suoi vicini l’hanno insultata per quello che aveva fatto.

 

Un campo per sfollati interni in Myitkyina, la capitale dello stato più a nord di Kachin, in Myanmar, dove è difficile trovare lavoro. (Foto di Rie Ishii)

Tuttavia, alcune vittime sono anche più state più sfortunate di Kohon Ja. Secondo una stima del Centro per la salute umanitaria della Johns Hopkins Bloomberg School of Publicitarian Health and Kachin Women’s Association Thailand, circa 21.000 donne e ragazze di Kachin e Shan settentrionale sono cascate nella trappola dei matrimoni forzati con uomini cinesi tra il 2013 e il 2017, di cui oltre 15.000 si stima che rimangano ancora nella provincia cinese dello Yunnan.

Nang Pu, direttore della Htoi Gender and Development Foundation, un’organizzazione non governativa con sede a Myitkyina, la capitale di Kachin, che sta lavorando per fornire supporto alle vittime, afferma che non ci sono segni di miglioramento in questa situazione terribile. “Anche se le forze di polizia del Myanmar e della Cina si sono impegnate a eliminare il problema della tratta, questi tipi di casi continuano ad aumentare di giorno in giorno”.

Nang Pu afferma che in molti casi di traffico di spose del Myanmar in Cina, sono coinvolti  i parenti delle vittime e svolgono un ruolo importante. I broker in genere guadagnano da $ 3.000 a $ 4.000 per ogni donna trafficata. “Ci sono solo alcune opportunità di lavoro … Per i broker, è molto facile trafficare le donne”.

In Cina, la politica del figlio unico ha portato molte famiglie a optare per aborti di genere per garantire che il loro unico figlio fosse un maschio, causando gravi squilibri. Con la triste prospettiva di trovare mogli cinesi per i loro figli, hanno iniziato a importare donne da paesi vicini come il Myanmar, a volte con la forza.

 

Una donna fa vestiti con una macchina da cucire in un villaggio del Myanmar. Per un po è riuscita a non diventare una madre surrogata. (Foto di Rie Ishii)

Le donne vengono trafficate non solo per diventare mogli, ma anche per essere utilizzate come madri surrogate per dare figli a uomini cinesi.

Shai Pan, un venticinquenne residente nello stato di Kachin, ha visto da vicino la possibilità di avere una maternità rimpiazzata. È stata fortunata che ha avuto la possibilità di fuggire.

Come Kohon Ja, Shai Pan è stato indotta a viaggiare in Cina in cerca di lavoro. Il broker, una donna del Myanmar, ha convinto i suoi genitori ad andare in Cina ammaliandoli con affascinanti prospettive di lavoro mentre mostrava loro le foto di una fabbrica cinese.

Il terzo giorno di viaggio, Shai Pan è arrivata in Cina. Portata un edificio di 10 piani , all’ultimo piano trovò numerose donne incinte, molte delle quali provenienti dal Myanmar,  circa 20 donne. Tra queste notò una ragazza che sembrava avere almeno 14 anni , anche questa incinta. C’erano altre donne, circa 30, che non erano ancora in stato di gravidanza. Quando Shai Pan chiese timorosamente a una di loro sul loro lavoro, disse che doveva dare alla luce un bambino da un uomo cinese.

Shai Pan si rese conto che era stata ingannata e mandò un messaggio a suo padre con un cellulare, dicendo: “Il lavoro non è quello di cui mi è stato detto. C’è qualcosa che non va. Per favore, aiutami.” Suo padre raccontò immediatamente al capo del villaggio e alla polizia cosa le disse  sua figlia e iniziò a fare frenetici sforzi per salvarla.

Mentre l’intero quadro non è chiaro su ciò che Shai Pan ha potuto constatare, apparentemente si trattava di importare donne trafficate del Myanmar come madri surrogate. A Shai Pan è stato detto che avrebbe ricevuto $ 10.000 per ogni bambino che metteva al mondo. Ma ha ripetutamente rifiutato di accettare  questa terribile proposta, che riteneva totalmente inaccettabile, non importa quanti soldi potesse guadagnare.

 

Tre donne del Myanmar si esercitano ad usare le macchine da cucire in un centro di formazione professionale per acquisire competenze utili per ottenere un lavoro stabile. (Foto di Rie Ishii)

Più tardi, la donna broker che ingannò Shai Pan a Kachin fu arrestata e fu salvata insieme ad altre 30 vittime della tratta.

Per la Cina, che vuole espandere la sua influenza nell’Oceano Indiano, il Myanmar è un partner importante dal punto di vista geopolitico e un paese che prende parte all’iniziativa “Belt and Road” del presidente cinese Xi Jinping. Ma Pechino ha guadagnato una cattiva reputazione nel paese vicino per il tentativo di costruire un’enorme diga  alla fonte del fiume Irrawaddy, che è molto apprezzato dalla popolazione locale.

Poiché la revisione della sua immagine in Myanmar è un compito importante per la Cina, Pechino deve esercitare forti pressioni affinché si adottino misure efficaci per affrontare il grave problema umanitario della tratta di donne dal Myanmar al paese del dragone. La crescente consapevolezza del problema potrebbe dare un colpo anche alle prospettive del progetto Belt and Road.

Human Rights Watch, un gruppo internazionale per i diritti umani, ha sottolineato che la Cambogia, l’Indonesia e il Vietnam, nonché il Myanmar, “sono diventati paesi di origine per un’attività brutale: il traffico di donne e ragazze in vendita in Cina come spose”.

Le tragedie che hanno colpito innumerevoli donne del Myanmar sono solo la punta dell’iceberg nel vasto e terribile mondo del traffico di esseri umani in Asia.

 

Bambini in classe al campo. Insegnanti volontari impartiscono lezioni a queste creature nelle ore notturne. (Foto di Rie Ishii)

I nomi sono stati cambiati per proteggere le identità delle vittime.

Traduzione a cura di Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Asia Nikkei,29/12/2019 [1]

English article: Myanmar women trafficked as brides in Chin [1]a

https://asia.nikkei.com/Photos/In-pictures-Myanmar-women-trafficked-as-brides-in-China