Documenti trapelati, come il Pcc usa il sistema giudiziario per imporre la persecuzione

Dei documenti ufficiali che Epoch Times ha recentemente acquisito fanno luce su come il Pcc (Partito Comunista Cinese) utilizzi il sistema giudiziario del Paese per attuare la persecuzione a livello nazionale di persone che il Partito ritiene una minaccia.

foto: I praticanti del Falun Gong prendono parte a una parata a Flushing, New York, il 18 aprile 2021, per commemorare il 22° anniversario dell’appello pacifico del 25 aprile di 10.000 praticanti del Falun Gong a Pechino. (Larry Dye/The Epoch Times)

I documenti ottenuti sono stati rilasciati internamente ai rami giudiziari dal Comitato per gli affari politici e legislativi (Cpla) della città di Dandong e le sue organizzazioni del Pcc affiliate.

Nei recenti regolamenti ufficiali pubblicati dal Pcc, si legge che in Cina, i Cpla sono «un dipartimento funzionale del Pcc che guida e gestisce il ramo giudiziario, un’organizzazione importante per realizzare la leadership del sistema giudiziario del Partito». Dal livello nazionale a quello municipale, i Cpla sono i veri leader dei rami giudiziari, inclusi i tribunali, la Procura e le forze dell’ordine.

I documenti trapelati includono: un riepilogo e piani del lavoro di metà anno del 2019 (pdf) del Cpla della città di Donggang; la sintesi delle priorità per il 2020 e l’Accordo sulle responsabilità per la stabilità e la sicurezza sociale (pdf) che il Cpla ha rilasciato al Tribunale intermedio della città, alla Procura, all’Ufficio di pubblica sicurezza e all’unità militare locale; e una sintesi dei documenti emessi dal Cpla nei primi due trimestri del 2020 (pdf ). I documenti mostrano che il Cpla si concentra fortemente sull’attuazione di azioni di repressione rivolte a gruppi religiosi, gruppi etnici, dissidenti politici e altri che il Pcc considera una potenziale minaccia alla stabilità. A causa della sua portata nel sistema giudiziario, militare e in tutti gli organi governativi, il Cpla può promuovere la repressione e la persecuzione in ogni cellula della società.

La sintesi dei documenti emessi dal Cpla mostra che su 20 documenti emessi dal Cpla municipale della città nord-orientale cinese di Dandong, provincia del Liaoning , nella prima metà del 2020, sei indicano un focus sulla soppressione del Falun Gong, degli uiguri, dei cristiani, dei petizionisti, e persino malati di Aids e malattie mentali. Quattro degli altri documenti contengono informazioni sugli sforzi per «reprimere i gangster». Negli ultimi due decenni, le campagne in nome della «repressione dei gangster» hanno spesso preso di mira le imprese private locali e in molti casi si sono concluse con il governo che ha gettato in prigione gli imprenditori e ha confiscato la loro azienda e i loro beni personali.

Il Falun Gong

Secondo i documenti, la pratica spirituale del Falun Gong è un obiettivo primario della soppressione del Cpla, tanto che il Cpla assegna e riceve obiettivi numerici precisi da raggiungere nella persecuzione. In una sintesi dei risultati ottenuti nel 2019, il Cpla di Dandong ha dichiarato il suo obiettivo di «trasformare 20 praticanti del Falun Gong entro la fine dell’anno». Nel linguaggio del Pcc, «trasformare», significa costringerli a firmare documenti che denuncino la loro stessa fede e in cui promettono di smettere di praticarla, secondo FalunInfo.net.

Nelle sue Priorità 2020 (pdf), il Cpla ha ordinato ai rami giudiziari di «svuotare l’inventario» dei praticanti del Falun Gong non trasformati attraverso una varietà di metodi, che vanno dalla «sorveglianza 24 ore su 24» dei praticanti del Falun Gong e «monitoraggio attento dei loro pensieri e azioni», a pene più severe. Secondo i documenti, il Cpla costringe anche i quartieri locali a sottoscrivere i suoi materiali anti-Falun Gong e ha organizzato campagne di propaganda per incitare l’odio del pubblico nei confronti della pratica.

Ciascun ramo giudiziario e unità militare dell’area sono tenuti a firmare accordi di responsabilità per l’attuazione dei requisiti e degli obiettivi del Cpla. Epoch Times ha ottenuto gli accordi di responsabilità 2017 per la procura municipale di Dandong, l’ufficio di pubblica sicurezza di Dandong e il tribunale intermedio di Dandong. Tutte e tre le unità hanno indicato il Falun Gong come obiettivo della repressione. Gli accordi affermano che il Cpla di Dandong esaminerà e valuterà l’efficacia di ciascuna filiale nell’esecuzione degli ordini e i risultati della valutazione verranno utilizzati per determinare gli incentivi o le punizioni di ciascuna filiale. I funzionari sono ricompensati con incentivi finanziari e promozioni se raggiungono la loro quota e rischiano di perdere il lavoro se non ci riescono.

Tali misure motivano e costringono il sistema giudiziario ad adottare un’ampia gamma di metodi illegali per convertire i praticanti del Falun Gong. Quelli comunemente usati includono la detenzione nelle carceri e in altre strutture, sessioni di brainstorming forzate,  torture fisiche e mentali, privazione del lavoro e dell’istruzione per i praticanti e le loro famiglie, e altro, secondo FalunInfo.net.

Gao Rongrong (a sinistra) prima che fosse lanciata la campagna di persecuzione della Falun Dafa. Gao Rongrong (R) 10 giorni dopo che il suo viso è stato colpito ripetutamente con bastoni elettrici per più di sette ore dalle guardie del campo di lavoro forzato di Longshan, semplicemente perché praticava la Falun Dafa. (Minghui.org)

Brutale persecuzione 

Poiché la maggior parte dei praticanti del Falun Gong rifiutano di essere trasformati, spesso si verificano violenze estreme. Il sito web ufficiale del Falun Gong, Minghui.org, ha registrato 4.343 morti confermate a causa della persecuzione entro settembre 2019 e 519 mila casi di tortura. Tuttavia, come si legge nel  libro di Minghui – I 20 anni di persecuzione del Falun Gong in Cina (pdf si ritiene che questi dati accertati siano di gran lunga inferiori ai numeri effettivi.

Wang Changlong, un praticante del Falun Gong ed ex impiegato del governo di Donggang, una città subordinata della città di Dandong, ha descritto la sua orribile esperienza di tortura subita per il suo rifiuto di convertirsi: «[La polizia, ndr] mi ha ustionato con i manganelli ad alta tensione, prendendo di mira le aree più sensibili del mio corpo. Le scosse dei manganelli, per 20 minuti mi hanno ripetutamente attraversato la testa, gli occhi, la bocca, il collo, le ascelle, il cuore, l’ombelico, i fianchi, il basso addome, i genitali, l’inguine, piante dei piedi, schiena e ano[…]. Il dolore mi ha quasi ucciso». Wang è stato detenuto illegalmente, condannato a tre anni in un campo di lavoro, e poi segretamente condannato ad altri tre anni di carcere.

Sempre dalla città di Donggang, il praticante del Falun Gong Song Jiwei è morto nell’agosto 2016 all’età di 60 anni a causa di nove anni di torture e abusi. Song era stato arrestato quattro volte e imprigionato nel campo di lavoro di Dandong e nella prigione di Xihu. Aveva subito vari tipi di tortura tra cui percosse anche con bastoni elettrici, bruciature con accendini e sigarette, il venire immerso nudo in acqua fredda per 24 ore, punto con aghi e privato del sonno. Secondo la dichiarazione di Song pubblicata su Minghui, le guardie nel campo di lavoro lo avevano messo in una posizione di meditazione legandogli le gambe strettamente insieme, gli avevano poi piegato la testa verso i suoi piedi e si erano sedute sulla sua schiena.

Illustrazione della tortura del «legare nel loto». (Minghui.org)

Nella sola città di Donggang, dal 1999 al 2019, la polizia ha lanciato almeno otto ondate di rapimenti su larga scala di praticanti del Falun Gong e numerose su piccola scala. I rapimenti hanno portato al sequestro di oltre 500 praticanti, secondo i registri di Minghui.org. Tra questi, 16 sono morti per tortura e molti altri sono diventati disabili o gravemente feriti fisicamente e/o mentalmente. Secondo le statistiche incomplete di Minghui.org, sono note 64 condanne al carcere e 176 ai campi di lavoro, e 190 detenzioni illegali. Questi dati non includono certamente tutti i casi, per via della rigida censura del Pcc che rende difficile per i praticanti del Falun Gong inviare informazioni.

Il modello di persecuzione guidato dal Pcc viene eseguito ad ogni livello amministrativo e in tutta la nazione. Secondo le regole ufficiali, gli ordini del Cpla prevalgono su tutte le leggi, i regolamenti e il buon senso e dovrebbero essere eseguiti senza domande. In una situazione simile, il Pcc controlla altre funzioni e attività governative, inclusi i media, il sistema educativo e il settore privato.

Fonte: Epoch Times Italia, 17/07/2021

Articolo in inglese:

Leaked Documents Reveal How the CCP Uses China’s Judicial System to Enforce Persecution

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.