Dissidenti cinesi mandati in “vacanze” forzate prima dell’anniversario di Tiananmen

Gli attivisti per i diritti di Hong Kong hanno in programma una mostra fotografica al Memorial Hall del 4 giugno per celebrare il 32° anniversario dello spargimento di sangue che ha concluso la primavera di Pechino.

 

FOTO: Un collage di manifestazioni storiche di Hong Kong in ricordo della sanguinosa repressione dei manifestanti pro-democrazia in piazza Tiananmen a Pechino, il 4 giugno 1989.

Le autorità di Pechino stanno costringendo dissidenti e attivisti per i diritti a lasciare la città in vista del delicato anniversario dello spargimento di sangue del 4 giugno, che ha posto fine a settimane di proteste studentesche a Pechino e in altre città cinesi nella primavera del 1989.

“Sono già stati in contatto alcune volte e devo lasciare la città per il 4 giugno”, ha detto Zha, che una volta ha cercato di candidarsi come candidato indipendente contro il Partito Comunista Cinese (PCC) al governo alle elezioni locali del Congresso del Popolo. RFA.

“Non posso restare qui a Pechino nei prossimi giorni, proprio come ogni anno il 4 giugno”, ha detto. “Anch’io dovrò lasciare la città per il centenario del PCC il 1° luglio”.

Il gruppo di oltre 100 familiari delle vittime delle Madri di Tiananmen ha rilasciato lunedì la sua dichiarazione annuale, chiedendo al PCC di procedere con il risarcimento, una rivalutazione storica del movimento studentesco del 1989 e il successivo massacro di civili disarmati da parte dell’Esercito di Liberazione Popolare (PLA). ), e che i responsabili siano assicurati alla giustizia.

“Il 4 giugno 1989, l’Esercito Popolare di Liberazione ha inviato carri armati e soldati con munizioni vere per sparare e schiacciare a morte studenti e residenti disarmati di Pechino”, ha detto il gruppo.

“Da quando è avvenuta quella tragedia, sono trascorsi 32 anni e ancora ai nostri cittadini è impedito di commemorare coloro che sono morti in pubblico”, ha affermato. “I giovani non sanno nemmeno della strage di quell’anno, o non credono che sia avvenuta”.

Il membro delle Madri di Tiananmen Zhang Xianling, il cui figlio diciannovenne Wang Nan è stato ucciso dal PLA a Pechino, ha affermato che le richieste del gruppo sono rimaste costanti.

“Il primo è che vogliamo sentire la verità, e il secondo è che chiediamo un risarcimento”, ha detto Zhang a RFA. “Il terzo è la responsabilità”.

“Ovviamente abbiamo proposto modi per parlarne con il governo e capiamo se non possono accettare immediatamente le nostre richieste”, ha detto. “Non saranno risolti dall’oggi al domani.”

Nel frattempo, nella provincia sudoccidentale del Sichuan, lo scrittore Tan Zuoren è stato messo in guardia dal rilasciare interviste ai media prima dell’anniversario.

“Ho dovuto andare fuori città per tre giorni l’anno scorso e non mi è stato detto che dovessi farlo quest’anno”, ha detto Tan a RFA. “Ma non posso parlare o rilasciare interviste ai media nei giorni intorno al 4 giugno”.

Ferie forzate

Il dissidente di Pechino Ji Feng, che ha preso parte al movimento studentesco del 1989, ha affermato di essere stato costretto a lasciare la città dalla polizia dalla sua città natale nella provincia sud-occidentale di Guizhou.

“Sono arrivati ​​da Guizhou poco dopo le 14”, ha detto Ji. “Uno era il segretario del comitato per gli affari legali e politici [del PCC] della contea di Tongzi; un altro era un capitano della polizia di sicurezza dello stato e un altro era un ex capitano della polizia di sicurezza dello stato”.

“Volevano parlare di dove stavo andando… Dobbiamo partire domani mattina”, ha detto Ji.

Nel frattempo, amici e parenti del professore in pensione della Guizhou University Yang Shaozheng hanno detto che probabilmente era già stato portato fuori città per una “vacanza” forzata prima dell’anniversario.

A Hong Kong, l’Alleanza a sostegno dei movimenti democratici patriottici della Cina ha dichiarato che riaprirà il suo Museo commemorativo del 4 giugno, esponendo una mostra fotografica per celebrare la repressione.

Il portavoce dell’Alleanza Richard Tsoi ha detto che l’Alleanza si stava muovendo dopo che la polizia ha respinto la sua richiesta per un raduno annuale di veglia a lume di candela nel Victoria Park di Hong Kong.

“Riteniamo che [l’apertura della] Memorial Hall sia completamente all’interno della legge”, ha detto Tsoi, in riferimento a una legge draconiana sulla sicurezza nazionale imposta dal PCC a Hong Kong lo scorso anno, che vieta le critiche pubbliche alle autorità.

“Staremo in guardia, in modo da far fronte a qualsiasi provocazione o sfida che possa sorgere”, ha detto Tsoi ai giornalisti.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai : in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA, 31/05/2021

Articolo in inglese:

Chinese Dissidents Sent on Forced ‘Vacations’ Ahead of Tiananmen Anniversary

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.