- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Discriminazioni, maltrattamenti e coercizione: gravi violazioni dei diritti del lavoratori uiguri in Cina e nel Turkestan orientale

La disoccupazione è una delle più grandi sfide del popolo uiguro nel Turkestan orientale. Il fattore principale della disoccupazione è la discriminazione etnica. Un nuovo rapporto UHRP analizza le fonti e le manifestazioni di discriminazione etnica e altre violazioni dei diritti del lavoro che interessano gli uiguri del Turkestan orientale e altrove in Cina. Oltre agli svantaggi strutturali per l’ acquisizione ed il mantenimento del lavoro non agricolo, la stragrande maggioranza degli uiguri che lavorano nell’agricoltura affrontano una serie unica di violazioni dei loro diritti del lavoro.

“La retorica della Cina che lo sviluppo economico porterà alla sicurezza nel Turkestan orientale è una falsità. Lo stato progetta politiche che rispecchiano le discriminazioni sociali che gli uiguri affrontano in Cina e nel Turkestan orientale. Le disuguaglianze economiche sono affrontate ogni giorno con l’arrivo di altri migranti cinesi Han, nelle condizioni della cosiddetta unità di sviluppo di Pechino“, ha detto il direttore UHRP, Omer Kanat in un comunicato.

Mr. Kanat ha aggiunto: “la relazione del UHRP documenta la serie di violazioni dei diritti economici che rappresentano la realtà degli uiguri che vivono in Cina. I risultati di questa ricerca sono allarmanti: disuguaglianza di reddito, disoccupazione e l’abuso dei diritti del lavoro, in particolare nelle zone rurali”.

L’economista uiguro Ilham Tohti identifica la disoccupazione come uno dei più grandi ostacoli tra rapporti sani tra uiguri e cinesi Han nel Turkestan orientale. In particolare, ha osservato che solo una ristretta gamma di posti di lavoro è a disposizione degli uiguri al di fuori del settore agricolo a causa della diffusa discriminazione etnica nelle assunzioni. Numerosi studi sociologici hanno dimostrato la mancanza di rappresentanza uigura negli status elevati.

L’analisi degli annunci di reclutamento nel settore del servizio civile rivela che gli uiguri affrontano alti livelli di discriminazione etnica nel settore statale. Il più eclatanti è il XPCC, che impiega l’86 per cento dei lavoratori Han. Nel settore dell’istruzione, l’implementazione del governo del programma di “educazione bilingue” ha portato a perdite di posti di lavoro per gli uiguri.

Discriminazione linguistica è una causa frequente di discriminazione contro gli uiguri, come diversi studi hanno documentato. Tanto più che il governo ha ridotto i servizi in lingua uigura.

China viola sia il diritto internazionale che nazionale attraverso il suo programma di lavoro forzato. In particolare, esso viola diverse convenzioni dell’ILO che vietano il lavoro forzato, che la Cina non è ratificato, così come il patto internazionale sui diritti civili e politici che vieta esplicitamente il lavoro forzato. Sul fronte interno, la costituzione cinese garantisce che la libertà nella PCR è inviolabile e le leggi del lavoro in Cina garantiscono ulteriori limiti della giornata di lavoro, salari minimi e divieti contro la detrazione o ritardi salariali.

UHRP,6 aprile 2017

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus

English article,UHRP: