Categoria: Diritti umani

Pechino obbliga una scelta ai buddisti come ha fatto per i cristiani: sussidi o fede.

Il governo cinese in Tibet ha imposto una scelta ai tibetani buddisti: rinnegare la fede in Buddha  o avvalersi  degli aiuti governativi per la sopravvivenza.

“Censura, polizia e lager, la repressione a 30 anni da Tiananmen”

Wuer Kaixi fu uno dei leader della protesta repressa nel sangue nel 1989. “Allora i carri armati, oggi Pechino ha affinato le strategie per colpire”. “Eravamo giovani e pieni di speranze, vedevamo mutamenti in tutto il mondo comunista, e pensavamo che anche in Cina i cambiamenti radicali fossero dietro l’angolo. Il regime invece mandò i carri armati per soffocare la nostra protesta pacifica”.

L’Occidente, la Cina e quel doppiopesismo sui diritti umani violati. Parla Terzi

Conversazione con Giulio Terzi di Sant’Agata, già ministro degli Esteri e ambasciatore in Israele e negli Stati Uniti, che parlando con Formiche.net critica “il diffuso doppiopesismo occidentale nei confronti della Cina” dopo la condanna a morte del cittadino canadese Robert Lloyd Schellenberg.

Cina, l’azienda umilia le dipendenti ‘inefficienti’: costrette a gattonare in strada.[Video]

Non sono riuscite a raggiungere gli obiettivi previsti per il 2018 e per questo – stando a quanto riporta il quotidiano internazionale The Epoch Times – sono state punite dai dai loro datori di lavoro, che le hanno obbligate ad avanzare carponi in strada.

La risposta insufficiente della Cina al “Reciprocal Access to Tibet Act”

I due principali sponsor del “Reciprocal Access to Tibet Act” hanno sfidato il governo cinese a mostrare attraverso azioni concrete l’apertura del Tibet al mondo esterno. Jim McGovern, membro della Camera dei Rappresentanti e il senatore federale Marco Rubio, hanno così reagito ai rapporti dei media statali cinesi sulla presunta svolta in materia di accesso al Tibet, un paese storicamente indipendente che la Cina ha occupato per 70 anni.

La “banconota della verità” che spaventa i cinesi

La giornalista olandese Mayke Blok possiede una banconota cinese molto particolare. Finita nel suo portafogli durante un viaggio di lavoro in Cina qualche anno fa, sebbene valga solo 10 yuan (poco più di 1 euro) è un oggetto prezioso.

CINA: Giudici Corte Suprema difendono la pena di morte,”è radicata tra la gente”.[Video]

Giudici della Corte Suprema cinese il 20 dicembre 2018 hanno svolto una rara difesa della pena di morte, dicendo che il principio “una vita per una vita” è radicato tra la gente.