Categoria: Diritti umani

Hong Kong, 300 arresti dopo legge pro-Cina/ Wong “non ci arrendiamo”: silenzio Italia.[Video]

Caos a Hong Kong dopo la legge sulla sicurezza nazionale pro-Cina: più di 300 arresti, Wong “non ci arrendiamo ora, ma il mondo faccia qualcosa”. Ue condanna, Italia in silenzio.

12 Paesi dell’Asia con il pretesto del Covid-19 reprimono la libertà.

Molte nazioni con il pretesto della pandemia da coronavirus hanno limitato la libertà di espressione , i diritti umani e civili del proprio popolo. È l’allarme lanciato da Michelle Bachelet, Alto commissario Onu per i diritti umani (Unhchr), che invita a prestare attenzione alla situazione di almeno 12 Paesi dell’area che, in tempo di Covid-19, hanno represso il dibattito pubblico in nome della lotta alle fake news.

Hong Kong, Xinjiang, Tibet: esperti Onu denunciano la repressione di Pechino

Ben 50 esperti chiedono che il Consiglio Onu per i diritti umani agisca. Pechino deve cancellare la legge sulla sicurezza. Denunciata anche la “generale repressione della popolazione”, con il sequestro di difensori dei diritti umani, i campi di lavoro forzato, la censura, interferenza nella vita privata dei cittadini. Abusi e prigione per giornalisti e personale medico che hanno osato parlare dell’epidemia di coronavirus.

Wang Quanzhang: In prigione ho subito torture per strapparmi una confessione

L’avvocato per i diritti umani lo ha rivelato nella prima intervista rilasciata dopo aver finito di scontare la sua pena in aprile. Egli ha trascorso quattro anni in cella per “sovversione contro lo Stato”. Dopo essere stato picchiato per ore, le autorità carcerarie lo hanno obbligato a firmare una dichiarazione giurata di colpevolezza. Wang: “Polizia, magistrati inquirenti e giudici hanno stravolto la legge”.

La Cina ordina di togliere le bandiere di preghiera tibetane in tutta la regione

Secondo RFA, la rimozione delle bandiere di preghiera in Tibet è iniziata questo mese, è una azione deplorevole e un atto di disprezzo, uno tra i tanti esempi di come il Partito comunista cinese stia perseguitando il Tibet e tenti di demolire l’antica e bellissima cultura tibetana.

Rudolplh Giuliani: la Cina non è un governo, ma una banda di assassini, di gangster.[Video]

Intervista scoppiettante quella concessa da Rudolplh Giuliani a Nicola Porro nell’ultima puntata di Quarta Repubblica, l’ex sindaco di New York,  ha usato toni durissimi  nei confronti della Cina……

I tibetani disabili devono denunciare il Dalai Lama per ottenere lavoro

Secondo una direttiva statale i tibetani disabili che cercano lavori a basso reddito nei dipartimenti governativi cinesi devono ora superare test politici per mettersi in lista per ottenere una occupazione, i richiedenti  devono respingere il “separatismo etnico” e denunciare il leader spirituale esiliato del Tibet, il Dalai Lama.