Diaoyu/Senkaku, ora si rischia una “disastrosa” guerra economica

La disputa sulla sovranità dell’arcipelago delle Diaoyu/Senkaku assume sempre di più i contorni di una guerra economica fra Cina e Giappone, che potrebbe avere ripercussioni sull’intera economia mondiale. Nonostante gli avvertimenti e le richieste dei vari istituti finanziari internazionali, Tokyo e Pechino non sembrano voler chiudere la questione. La celebrazione del 40esimo anniversario della normalizzazione dei rapporti diplomatici fra i due Paesi non è servita per trovare un accordo fra le due potenze asiatiche. Hong Lei, portavoce del ministero cinese degli Esteri ha sottolineato oggi che “la Cina continuerà a pattugliare le acque delle isole” che Pechino chiama “Diaoyu” e Tokyo “Senkaku”. Ieri 4 navi cinesi da combattimento sono entrate nelle acque contese per “contrastare l’intrusione dei giapponesi di destra e operano nell’area in normali attività di salvaguardia dei diritti dei cinesi sull’arcipelago”. I “giapponesi di destra” sono alcuni attivisti che, nei giorni scorsi, sono sbarcati su alcune porzioni di terreno conteso. Hong ha poi chiesto: “Qual’è il motivo di provocare in maniera ripetuta dei problemi nelle Diaoyu, specialmente quando Cina e Giappone si stanno consultando intensamente sulla questione? Perchè il governo giapponese mantiene un atteggiamento indulgente su loro?”. Da parte sua, Tokyo rivendica la sovranità sulle terre – che secondo il diritto nipponico appartengono alla Prefettura di Okinawa – e ha dichiarato che “non intende” controllare il libero movimento dei propri cittadini. Oltre al rischio militare, questo continuo scambio di provocazioni sta colpendo in maniera incisiva i rapporti economici bilaterali. I giganti dell’economia cinese – comprese le “Quattro grandi”, le mega-aziende statali che operano nel settore energetico e bancario – hanno deciso di disertare il prossimo summit convocato a Tokyo dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale. Proprio il numero uno dell’Fmi, Christine Lagarde, ha invitato Cina e Giappone ad “allentare le tensioni diplomatiche legate alle dispute territoriali, perché la traballante economia mondiale ha bisogno dei due giganti asiatici per una crescita economica sostenibile”. Cina e Giappone, ha aggiunto, “sono fattori chiave per l’economia e non possono essere distratti da dispute territoriali. Lo stato attuale dell’economia globale richiede un impegno totale da parte di Cina e Giappone”. Non è chiaro il valore dell’arcipelago. Si pensa che esso abbia anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell’arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

Fonte: Asia News, 4 ottobre 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.