Detenuti nei campi di rieducazione cinesi costretti a lavorare nelle industrie manifatturiere e alimentari

HOTAN, Cina – Il filo spinato e centinaia di videocamere circondano un enorme complesso composto da oltre 30 dormitori, scuole, magazzini e laboratori nel lontano occidente cinese. Dozzine di ufficiali armati  fanno la guardia all’esterno.

Dietro cancelli chiusi, uomini e donne cuciono abbigliamento sportivo che può finire nei campus universitari degli Stati Uniti e nelle squadre sportive.

Questo è uno dei sempre più numerosi campi di internamento nella regione dello Xinjiang, dove secondo alcune stime 1 milione di musulmani sono detenuti, costretti a rinunciare alla loro lingua e religione e soggetti all’indottrinamento politico. Ora, il governo cinese sta costringendo alcuni detenuti a lavorare nelle industrie manifatturiere e alimentari. Alcuni di loro sono nei campi di internamento; altre sono fabbriche private, sovvenzionate dallo stato, dove i detenuti vengono inviati una volta rilasciati.

L’Associated Press ha rintracciato spedizioni recenti e in corso da una di queste fabbriche all’interno di un campo di internamento a Badger Sportswear, un fornitore leader a Statesville, nel North Carolina. Le spedizioni dimostrano quanto sia difficile impedire che i prodotti realizzati con il lavoro forzato entrino nella catena di approvvigionamento globale, anche se tali importazioni sono illegali nel CEO di Badger, John Anton, che domenica ha dichiarato che la società dovrebbe procurarsi abbigliamento sportivo altrove mentre indaga.

Le autorità cinesi dicono che i campi, che chiamano centri di addestramento, offrono formazione professionale gratuita per uiguri, kazaki e altri, per lo più musulmani, come parte di un piano per portare le minoranze in un mondo “moderno civilizzato” ed eliminare la povertà nello Xinjiang. Dicono che le persone nei centri hanno firmato accordi per ricevere una formazione professionale.

Il Dipartimento di Propaganda dello Xinjiang non ha risposto a una richiesta via fax per un commento. Una portavoce del ministero degli Esteri cinese ha accusato lunedì i media stranieri di aver fatto “molti rapporti falsi” sui centri di addestramento, ma non ha specificato quando richiesto per i dettagli.

“Questi rapporti sono completamente basati su testimonianze per sentito dire o fatti fuori dal nulla”, ha detto la portavoce, Hua Chunying in un briefing quotidiano.

Tuttavia, una dozzina di persone che erano state in un campo o avevano amici o parenti in una di esse hanno riferito all’AP che i detenuti di cui erano a conoscenza non avevano altra scelta che lavorare nelle fabbriche. La maggior parte degli uiguri e kazaki, che sono stati intervistati in esilio, ha anche affermato che anche le persone con un lavoro professionale sono state riqualificate per svolgere lavori umili.

Il pagamento variava secondo la fabbrica. Alcuni non hanno pagato nulla, mentre altri hanno guadagnato fino a diverse centinaia di dollari al mese, hanno detto – a malapena sopra il salario minimo per le parti più povere dello Xinjiang. Una persona con conoscenza diretta della situazione in una contea ha stimato che più di 10.000 detenuti – o il 10-20 percento della popolazione interna – lavorano nelle fabbriche, guadagnando solo un decimo di quello che guadagnavano prima. La persona ha rifiutato di essere nominata per timore di ritorsioni.

Un ex reporter della TV Xinjiang in esilio ha dichiarato che durante la sua detenzione di un mese l’anno scorso, i giovani del suo campo sono stati portati via al mattino per lavorare senza compensi in falegnameria e in una fabbrica di cemento.

“Il campo non ha pagato soldi, non un solo centesimo”, ha detto, chiedendo di essere identificato solo dal suo nome, Elyar, perché ha ancora parenti nello Xinjiang. “Anche per necessità, come cose da fare a meno o dormire la notte, chiamerebbero le nostre famiglie fuori per farle pagare per questo”.

Rushan Abbas, un uiguro di Washington, ha detto che sua sorella è tra i detenuti. La sorella, il dott. Gulshan Abbas, è stata portata a quello che il governo chiama un centro professionale, sebbene non abbia informazioni specifiche sul fatto che sua sorella sia costretta a lavorare.

“Le aziende americane che importano da quei luoghi dovrebbero sapere che questi prodotti sono fatti da persone che vengono trattate come schiave”, ha detto. “Cosa faranno, addestrare un dottore come sarta?”

Le minoranze etniche prevalentemente uiguri e kazaki in Cina vivono principalmente nella regione dello Xinjiang, al confine con il Pakistan e l’Afghanistan, con un’eredità che risale agli antichi commercianti sulla Via della seta. Negli ultimi decenni, attacchi violenti da parte di militanti uiguri hanno ucciso centinaia di persone e hanno spinto il governo cinese a coprire lo Xinjiang con una sicurezza soffocante.

Circa due anni fa, le autorità hanno lanciato una vasta campagna di detenzione e rieducazione. Usano anche i checkpoint, il localizzatore GPS e le fotocamere digitali per la sorveglianza delle minoranze etniche nella regione. Il minimo passo falso percepito può far atterrare qualcuno nei campi di internamento.

Uomini e donne del complesso che ha spedito i prodotti a Badger Sportswear confezionano abiti per abbigliamento Hetian Taida di proprietà privata in un gruppo di 10 officine all’interno delle mura composte. Hetian Taida dice che non è affiliato ai campi di internamento, ma la sua forza lavoro include i detenuti.

Mentre la Cina stava affrontando crescenti pressioni internazionali sui campi di detenzione, la sua emittente televisiva pubblicava un rapporto di 15 minuti in ottobre che conteneva un “centro di istruzione e formazione professionale” nella città meridionale di Hotan nello Xinjiang.

“Il terrorismo e l’estremismo sono il nemico comune della civiltà umana”, iniziò il programma China Central Television. In risposta, secondo il rapporto, il governo dello Xinjiang stava usando la formazione professionale per risolvere questo “problema globale”.

Wu Hongbo, il presidente di Hetian Taida, ha confermato che l’azienda ha una fabbrica all’interno dello stesso complesso del centro di formazione presente nel rapporto China Central Television.Hetian Taida fornisce lavoro a quei tirocinanti che sono stati ritenuti “non problematici” dal governo, “ha detto, aggiungendo che il centro è gestito dal governo.

“Stiamo dando il nostro contributo per sradicare la povertà”, ha detto Wu al telefono al telefono.

I 20-30 praticanti in fabbrica sono trattati come impiegati regolari e costituiscono una piccola parte delle centinaia di persone nella sua forza lavoro, ha affermato.

I tirocinanti presenti nel rapporto della televisione di stato hanno elogiato il Partito Comunista per averli salvati da un percorso criminale.

“Non oso immaginare cosa mi sarebbe successo se non venissi qui”, ha detto uno studente uiguro. “Partito e governo mi hanno trovato in tempo e mi hanno salvato, mi hanno dato la possibilità di reinventarmi.”

Il segmento ha detto che oltre ai corsi di giurisprudenza e di lingua mandarina, il centro di formazione ha collaborato con le aziende per offrire un’esperienza pratica ai tirocinanti. I tirocinanti sono stati mostrati curvi su macchine da cucire in una fabbrica il cui interno corrisponde a quello della principale filiale Hotan di Hetian Taida, come si è visto nei precedenti rapporti dei media cinesi.

La polizia ha detto ai giornalisti dell’AP che si sono avvicinati al complesso all’inizio di questo mese che non potevano fare foto o film nell’area perché faceva parte di una “struttura militare”.Eppure l’ingresso era segnato solo da un alto cancello che diceva che era una “base di addestramento per l’occupazione dell’abbigliamento”.

I manifesti fiancheggiano il perimetro del filo spinato, recanti messaggi come “Impara ad essere grato, impara ad essere una persona retta” e “Non c’è bisogno di pagare tasse scolastiche, trovare facilmente un lavoro”.

Nathan Ruser, ricercatore di cyber-policy presso l’Australian Strategic Policy Institute (ASPI), ha analizzato le immagini satellitari per l’AP e ha scoperto che nel caso di Hetian Taida, la fabbrica di abbigliamento e il campo di addestramento governativo sono collegati da un sentiero recintato.

“Ci sono torri di avvistamento in tutto”, ha detto Ruser. “Ci sono chiare recinzioni tra gli edifici e le mura che limitano il movimento: i detenuti possono accedere all’area delle fabbriche solo attraverso le passerelle e l’intera struttura è chiusa”.

L’AP non è stato in grado di determinare autonomamente se ai lavoratori fosse permesso andare e venire, o quanto fossero pagati.

Almeno 10 volte quest’anno i contenitori per la spedizione pieni di migliaia di magliette e pantaloni in maglia di poliestere da uomo e da donna sono stati inviati a Badger Sportswear, un venditore di attrezzi sportivi di 47 anni. La società produce principalmente in Nicaragua e negli Stati Uniti, e non c’è modo di sapere dove finiscono i prodotti dello Xinjiang. Ma gli esperti dicono che le catene di approvvigionamento sono considerate contaminate dal lavoro forzato e dalla schiavitù moderna se anche un solo articolo è stato prodotto da qualcuno costretto a lavorare.

Sparsi su Internet sono indizi che legano ripetutamente la compagnia al pavimento della fabbrica di cucito del campo di detenzione.

Shawn Zhang, ricercatore presso l’Università della British Columbia, ha notato un post sui social media trascurato di Hotan da febbraio sul primo lotto di circa 1,5 milioni di capi d’abbigliamento del valore di $ 400.000 diretti oltre la fabbrica di Hetian Taida. Nel bel mezzo di una foto di giovani donne che lampeggiano il segno della pace è la direttrice marketing di Badger Sportswear, Ginny Gasswint, che ha dichiarato di essere sorpresa che i lavoratori siano “amichevoli, belli, entusiasti e laboriosi”.

Badger Sportswear va nelle librerie universitarie e nelle squadre sportive grandi e piccole in tutto il paese, luoghi come lo squash team Charlotte Country Day School a Charlotte, North Carolina, Coventry Little League e Hansberry College Prep a Chicago, secondo il sito web e le pubblicità. Decine di librerie universitarie pubblicizzano il loro abbigliamento stampato su Badger Sportswear, tra cui Texas A & M, Università della Pennsylvania, Appalachian State University, Università del Nord Iowa, Università di Evansville e Bates College. Tuttavia, è impossibile dire se una camicia particolare è fatta con il lavoro forzato.

Tutte le squadre e le scuole che hanno risposto all’AP hanno condannato il lavoro forzato.

L’amministratore delegato di Badger Anton ha detto domenica che la sua azienda ha acquistato prodotti da una affiliata di Hetian Taida per molti anni. Ha detto che circa un anno fa, la filiale ha aperto una nuova fabbrica nella Cina occidentale. Anton ha confermato che i funzionari di Badger Sportswear hanno visitato la fabbrica e hanno certificato che la fabbrica è certificata da esperti di conformità sociale.

“Interromperà volontariamente l’approvvigionamento e trasferiremo la produzione altrove mentre esaminiamo le questioni sollevate”, ha affermato.

Badger Sportswear è stato acquisito dalla società di investimenti CCMP Capital Advisor di New York nell’agosto 2016. Da allora, CCMP ha acquisito altre tre società sportive per team, che gestiscono sotto l’egida del Founder Sport Group.

Negli ultimi anni, Badger ha importato abbigliamento sportivo – maglie, magliette, pantaloni da allenamento e altro – dal Nicaragua e dal Pakistan. Ma nell’aprile di quest’anno, ha iniziato ad importare magliette e pantaloni in poliestere al 100% da Hetian Taida Apparel, secondo i dati doganali statunitensi forniti da ImportGenius, che analizza le spedizioni dei consumatori. L’indirizzo sui documenti di spedizione è lo stesso del campo di detenzione.

Gli Stati Uniti e le Nazioni Unite dicono che il lavoro forzato è un tipo di schiavitù moderna, e che gli oggetti prodotti da persone sfruttate e costrette a lavorare sono bandite dall’importazione negli Stati Uniti.

Non è chiaro se altre società esportino anche prodotti fatti da lavori forzati nello Xinjiang negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. L’AP ha trovato due società che esportano negli Stati Uniti che condividono approssimativamente le stesse coordinate di quelle che gli esperti hanno identificato come campi di internamento, e le relazioni dei media cinesi menzionano “addestramento” lì. Ma l’AP non ha potuto confermare se le aziende usano il lavoro forzato.

Il membro del Congresso repubblicano del New Jersey, Chris Smith, membro del Comitato per le relazioni estere della Camera, ha invitato lunedì l’amministrazione Trump per vietare le importazioni da aziende cinesi associate ai campi di detenzione.

“Non solo il governo cinese detiene oltre un milione di uiguri e altri musulmani, costringendoli a revocare la loro fede e professare lealtà nei confronti del Partito comunista, ora traggono profitto dal loro lavoro”, ha affermato Smith. “I consumatori statunitensi non dovrebbero comprare e le imprese statunitensi non dovrebbero importare beni prodotti nei moderni campi di concentramento”.

Il sistema del campo di detenzione fa parte della crescente sicurezza statale cinese sotto il presidente Xi Jinping. Alcuni detenuti hanno detto ad AP all’inizio di quest’anno delle percosse, l’isolamento e altre punizioni se non recitavano canzoni, nomi e frasi politiche. L’AP non ha avuto accesso a queste strutture nonostante i ripetuti tentativi di ottenere il permesso di visitare.

Non tutti i campi hanno lavori forzati. Molti ex detenuti dicono che erano detenuti in strutture che non avevano attrezzature di produzione e si concentravano esclusivamente sull’indottrinamento politico.

“Non mi hanno insegnato nulla, mi hanno fatto il lavaggio del cervello, cercando di farci credere quanto è grande la Cina, quanto è potente, quanto è sviluppata la sua economia”, ha detto Kairat Samarkan, un cittadino kazako che ha dichiarato di essere stato torturato con un congegno di metallo che contorce il tuo corpo prima di essere rilasciato a febbraio dopo aver tentato di uccidersi.

Gli intervistati hanno descritto un’ondata di aperture di fabbrica all’inizio di quest’anno. L’ex detenuto Orynbek Koksebek ha detto che poco prima del suo rilascio ad aprile, il regista è entrato nella sua classe e ha annunciato che nel campo sarebbe stata costruita una fabbrica. Koksebek, che non sa parlare il mandarino, ha ascoltato un poliziotto mentre traduceva le parole del regista in kazako per le circa 90 donne e 15 uomini nella stanza.

“Apriremo una fabbrica, lavorerai”, ha detto Koksebek. “Ti insegneremo come cucinare, come cucire i vestiti, come riparare le auto.”

Quest’autunno, mesi dopo la liberazione di Koksebek, le notizie hanno iniziato a diffondersi in Kazakistan che il governo cinese stava iniziando il lavoro forzato nei campi di internamento e avrebbe trasferito alcuni detenuti in fabbriche sorvegliate e sorvegliate. I lavoratori devono vivere in dormitori per motivi di fabbrica. Il contatto con la famiglia va dalle telefonate o alle visite di persona, ai fine settimana a casa sotto sorveglianza della polizia.

A ottobre, le autorità cinesi hanno riconosciuto l’esistenza di quelli che chiamavano centri di formazione professionale. I media statali hanno pubblicato un’intervista con Shohret Zahir, il governatore dello Xinjiang, affermando che “alcuni tirocinanti” avevano quasi finito con i loro “corsi”.

“Cercheremo di raggiungere una connessione perfetta tra insegnamento scolastico e impiego sociale, in modo che dopo aver terminato i loro corsi, i tirocinanti saranno in grado di trovare lavoro e guadagnare una vita agiata”, ha detto Zahir.

Il programma di lavoro forzato accompagna una massiccia iniziativa del governo per sviluppare l’economia dello Xinjiang costruendo enormi parchi industriali. Un altro campo di internamento visitato dall’AP era all’interno di un complesso industriale chiamato Kunshan Industrial Park, aperto sotto la spinta nazionale anti-povertà. Un funzionario della propaganda locale, Chen Fang, ha detto che i lavoratori all’interno hanno fatto cibo e vestiti.

Un ospedale, una stazione di polizia, ciminiere, dormitori e un edificio con un cartello che diceva “House of Workers” potevano essere visti dall’esterno della recinzione di filo spinato circostante.Un’altra sezione sembrava una prigione, con torri di guardia e alte mura. L’AP non ha tracciato alcuna esportazione da Kunshan negli Stati Uniti

Molti di quelli con parenti in tali campi hanno affermato che i loro cari erano ben istruiti con lavori ben pagati prima del loro arresto e non avevano bisogno di un programma di alleviamento della povertà. Nurbakyt Kaliaskar, moglie di un pastore di pecore in Kazakistan, ha detto che sua figlia, Rezila Nulale, 25 anni, era una laureata con un lavoro pubblicitario ben pagato a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, dove viveva un tipico stile di vita urbano con un computer, un bucato macchina e un appartamento nel centro della città.

Poi, lo scorso agosto, dopo essere tornata da una visita alla sua famiglia attraverso il confine in Kazakistan, Nulale svanì. Non ha risposto alle telefonate e ha smesso di presentarsi al lavoro.

Quattro mesi dopo uno sconosciuto contattò Kaliaskar online e confermò la sua paura: sua figlia era stata detenuta per “addestramento politico”. La primavera successiva, ha detto che è svenuta quando due casi di vestiti della figlia sono stati consegnati a casa sua in Kazakistan.

Il mese scorso, Kaliaskar ha saputo tramite un amico che conosce la famiglia che Nulale stava lavorando in una fabbrica vicino al campo in cui era stata detenuta. L’amico aveva sentito dal fratello di Kaliaskar, che aveva visitato Nulale, portando medicine per una mano ferita.

Kaliaskar ha appreso che sua figlia non veniva pagata e doveva soddisfare una quota giornaliera di tre articoli di abbigliamento. Non poteva andarsene. Suo zio pensava che lei fosse pallida e magra.

“Dicono che le stanno insegnando a tessere vestiti, ma il fatto è che è ben istruita e ha un lavoro”, ha detto Kaliaskar. “Qual è il punto di questo allenamento?”

Un ex detenuto, che ha parlato sulla condizione di anonimato per proteggere se stesso e la sua famiglia, ha detto che altri detenuti del suo campo sono stati costretti a lavorare in fabbriche molto lontane. Sono stati portati in un ufficio governativo e hanno consegnato i contratti di lavoro da sei mesi a cinque anni in una fabbrica distante, alla quale erano tenuti a firmare.

Se fossero scappati dalle fabbriche, erano stati avvertiti che sarebbero stati portati direttamente nei campi per “ulteriore istruzione”.

Agricoltori, pastori e lavoratori manuali con un piccolo mandarino e senza istruzione superiore affermano di aver apprezzato le iniziative passate di Pechino per aiutare i poveri, compresi gli alloggi sovvenzionati e l’installazione di elettricità e acqua corrente. Ma i campi, l’educazione forzata e le fabbriche, dicono, vanno troppo lontano.

“Non ho mai chiesto al governo di trovare lavoro per mio marito”, ha detto Mainur Medetbek, il cui marito ha svolto diversi lavori di riparazione prima di sparire in un campo a febbraio durante una visita in Cina dalla loro casa in Kazakistan.

È stata in grado di cogliere il senso delle sue condizioni da scambi monitorati con i parenti e dal marito di una donna che si trova nello stesso campo. Anche se non è sicura di quanto fa suo marito, la donna nel suo campo guadagna 600 yuan (circa $ 87) al mese, meno della metà del salario minimo locale e molto meno di quello che guadagnava il marito di Medetbek.

Dal momento che suo marito è stato detenuto, Medetbek ei suoi figli non hanno avuto alcuna fonte affidabile di reddito e talvolta soffrono la fame. Il calvario l’ha spinta a contemplare di tanto in tanto il suicidio.

“Dicono che è una fabbrica, ma è una scusa per la detenzione: non hanno libertà, non c’è tempo per lui di parlare con me”, ha detto. “Dicono di aver trovato un lavoro per lui, penso che sia un campo di concentramento”.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte:The New York Times,17/12/2018

Versione inglese: The New York Times, US Sportswear Traced to Factory in China’s Internment Camps

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.