DAVID MATAS a Roma: Audizione in Commissione Diritti Umani del Senato

Fermare gli Espianti Forzati di Organi in Cina

COMUNICATO STAMPA – 16 dicembre 2013

Giovedì 19 dicembre – ROMA

ore 08:30
Audizione in Commissione Diritti Umani del Senato
con DAVID MATAS, avvocato internazionale per i diritti umani e candidato Premio Nobel per la Pace 2010

ore 16:00Sala delle Colonne – Camera dei Deputati
Proiezione del Film “Free China: Il Coraggio di Credere”
Pluripremiato documentario sulla violazione dei diritti umani in Cina (2012)

ore 17:20Sala delle Colonne – Camera dei Deputati

Conferenza
1. Avv. DAVID MATAS, candidato Premio Nobel per la Pace 2010
2. On. Maurizio Romani, vicepresidente Commissione “Igiene e Sanità” del Senato
3. On. Ivana Simeoni, membro della Commissione “Diritti Umani” del Senato

Il tema degli espianti di organi dai prigionieri di coscienza in Cina è esploso a livello globale.
Una proposta di risoluzione per chiedere la fine di questa pratica immorale è stata votata giovedì 12 dicembre al Parlamento Europeo di Strasburgo.

In data 10 dicembre sono state consegnate all’Alto Commissario per i Diritti Umani della Nazioni Unite 1,5 milioni di firme, raccolte in più di 50 Paesi nel mondo, per una petizione che chiede la fine immediata degli espianti di organi ai praticanti del Falun Gong in Cina. Migliaia le firme raccolte in Italia.

In base alle ricerche investigative e all’evidenza riconosciuta dalla comunità internazionale, in Cina sta avendo luogo una raccolta di organi di vaste proporzioni da praticanti del Falun Gong e da altri prigionieri di coscienza. Il tutto ha avuto inizio dopo che il Regime cinese ha iniziato la persecuzione contro il Falun Gong nel 1999.

I pazienti dall’Europa, come da altri Paesi, viaggiano in Cina per trapianti di organo e per ottenere organi entro un intervallo di tempo di 1-2 settimane, quando il tempo d’attesa comune per le donazioni in Europa è di alcuni anni. Decine di migliaia di organi non hanno una provenienza legale e, come dimostrato da testimoni e prove corroboranti, provengono dai prigionieri di coscienza non consenzienti. Nel luglio 2006, l’ex Segretario di Stato per l’Asia-Pacifico David Kilgour e il rinomato avvocato per i diritti umani David Matas, hanno pubblicato il proprio rapporto di 140 pagine, che raggiunge «la conclusione deplorevole che le accuse sono vere» (leggi ).

Due libri sono stati successivamente pubblicati sul tema: Bloody Harvest: espianti di organi da praticanti del Falun Gong in Cina nel 2009, e Organi di Stato: l’abuso dei trapianti in Cina nel 2012 (in Italia nel 2013 Antonio Stango Editore). Le due pubblicazioni concludono che decine di migliaia di praticanti del Falun Gong sono stati uccisi per i loro organi. Nel 2008 Israele ha vietato il turismo dei trapianti in risposta in gran parte alle prove emergenti sugli espianti di organi in Cina.
Alla commissione Giustizia del Senato è in discussione un disegno di legge che chiede sanzioni penali per chi è coinvolto nel traffico internazionale di organi (leggi).

Approfondimenti:
1. VIDEO: Uccisi per il loro organi – Il segreto di Stato cinese sul mercato dei trapianti
2. Riassunto delle maggiori prove

FALUN DAFA INFORMATION CENTER
contatti: 328 9293417 – faluninfo@virgilio.it

Link Una Proposta di Risoluzione:
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+MOTION+P7-RC-2013-0562+0+DOC+XML+V0//IT
Link (Leggi) e Disegni di Legge
……accuse vere:
http://www.faluninfo.net/article/321/Independent-Investigation-Backs-Organ-Harvesting-Allegations/

….traffico internazionale di organi:
http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00719558.pdf

Approfondimenti:


 1.VIDEO:  Uccisi per il loro organi – Il segreto di Stato cinese sul mercato dei trapianti:
http://epochtimes.it/news/il-segreto-di-stato-cinese-sul-mercato-dei-trapianti-video—121170
2.Riassunto delle maggiori prove:
http://www.stoporganharvesting.org/docs/OrganHarvest_FG_evidence_footnote.pdf

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.