Davanti al “cavallo morente” di Viale Mazzini

Il 19 marzo 2012 all’altezza del “Cavallo Morente” davanti ai cancelli RAI, alcuni delegati della Comunità Tibetana in Italia e dell’Associazione Donne Tibetane, uniti a quelli di altre nove associazioni filotibetane, tra le quali anche la Laogai Research Foundation Italia,  rappresentata da Maria Vittoria Cattania, si sono riuniti con due obiettivi. Primo: mostrare in pubblico una serie di ventotto ritratti o silhouette con i volti o almeno i nomi dei Tibetani che si sono immolati nell’ultimo anno dandosi fuoco. Per denunciare ancora una volta l’occupazione illegale del Paese delle Nevi, il TIBET, da parte della Cina e il sistematico genocidio culturale e fisico che questa attua dal 1959 contro i suoi abitanti. Secondo obiettivo: la consegna di un appello alla RAI perché siano mediaticamente illuminati tali tragici eventi, il genocidio di cinquantanni e le più recenti torce umane, con una serie di trasmissioni che informino gli ascoltatori di questo continuato e silenzioso ( o SILENZIATO?) massacro. E’ stato presente l’on. Augusto Caratelli, consigliere del I municipio di Roma Capitale. Raggiunti gli scopi,  il presidio si è sciolto alle ore 13.

MVC

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.