Dagli orti cinesi illegali al mercato abusivo in via Pratese

TOSCANA – 15/04/2015 – Sopralluogo oggi del capogruppo Fdi in Consiglio regionale e candidato governatore della Toscana Giovanni Donzelli a un mercato abusivo in via Pratese a Firenze dove sono in vendita i prodotti agricoli coltivati in maniera illegale dai cinesi.

I prodotti agricoli coltivati in maniera illegale negli orti cinesi in un mercato abusivo in via Pratese a Firenze.

E’ la denuncia del capogruppo di Fdi in Consiglio regionale e candidato governatore della Toscana Giovanni Donzelli che ha effettuato un sopralluogo questa mattina.

“Abbiamo seguito i trasporti dei prodotti alimentari ed abbiamo verificato che un’altra parte prende l’autostrada senza sapere dove finisca – sottolinea Donzelli in una nota – potrebbe finire tranquillamente sulle nostre tavole senza i controlli di sicurezza e genuinità dei prodotti”.

L’esponente Fdi spiega che “questa mattina quando sono arrivato c’è stato il fuggi fuggi. Il mercato si svolge per strada o sui furgoni, in una situazione di scarsa igiene e senza nessun rispetto delle regole. Dalle nostre verifiche emerge che esiste una vera e propria filiera parallela abusiva che dal seme arriva alle nostre tavole”.

Per Donzelli “la cosa che ci fa più rabbia è che mentre questi commercianti non rispettano le regole e non pagano le tasse, ci sono agricoltori e commercianti italiani che chiudono ogni giorno, strozzati dai pagamenti che devono sopportare. Porteremo le cose che siamo riusciti a recuperare al mercato, un cavolo due melanzane e dei cavoli cinesi, alla Coldiretti, per farle analizzare e capire se il consumo di quei prodotti comporti dei rischi”.

ToscanaTv,15/04/2015

Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.