Cresce protesta nel Sichuan: cinque morti

Le forze cinesi di sicurezza hanno ucciso almeno cinque tibetani e ferito altri 40 nel secondo giorno di proteste scoppiate nella prefettura di Kardze (Ganzi, in cinese), nella provincia del Sichuan. Secondo fonti tibetane, la polizia ha sparato contro i dimostranti a Serthar (Seda, in cinese), dove è stata imposta la legge marziale. “I tibetani – dice una fonte – sono confinati nelle loro case e la polizia spara su chiunque si avventuri nelle strade”. I morti e i feriti di Serthar si aggiungono ai sei morti e agli oltre 30 feriti, anch’essi dimostranti, che la polizia ha colpito a Draggo (Luhuo, in cinese), sempre nel Sichuan. Secondo fonti locali, “12 di loro sono in gravissime condizioni, con un proiettile nel cranio” (nella foto uno dei dimostranti, ucciso a Draggo). Le manifestazioni sono tutte iniziate con la distribuzione di volantini che esaltavano le auto-immolazioni di giovani tibetani e con slogan sulla libertà del Tibet e sul Dalai Lama. In quasi un anno almeno 16 persone – in maggioranza giovani monaci – si sono dati fuoco per criticare la politica cinese sul Tibet. Il governo di Pechino ha criticato le informazioni sugli scontri avvenuti a Draggo, dichiarando che in realtà la polizia è intervenuta perché una folla ha assaltato negozi e una stazione di polizia. Lobsang Sangay, premier del governo tibetano in esilio, si appella alla comunità internazionale perché “intervenga a fermare nuovi spargimenti di sangue”. “Per quanto tempo ancora – ha detto – e quante altre tragiche morti sono necessarie prima che il mondo assuma una ferma posizione morale? Il silenzio della comunità mondiale manda alla Cina un chiaro messaggio: che le sue misure repressive e violente per contenere le tensioni nelle aree tibetane sono accettabili”. Finora, solo gli Stati Uniti hanno espresso “serie preoccupazioni” sulle violenze nel Sichuan. Washington si prepara a ricevere la visita del vice-presidente cinese Xi Jinping nel prossimo febbraio. Maria Otero, coordinatore speciale per gli Usa sul dossier tibetano, ha dichiarato che la Cina dovrebbe riprendere i dialoghi con il Dalai Lama e permettere l’accesso in Tibet a giornalisti stranieri, diplomatici e osservatori. I dialoghi fra il Dalai Lama e Pechino sono a un punto morto. La Cina continua ad accusare il leader spirituale di voler dividere la patria e rivendicare l’indipendenza del Tibet. Il Dalai Lama, che ha rifiutato il suo ruolo politico, chiede invece un’autonomia culturale e religiosa della regione. Nei mesi scorsi Pechino ha anche accusato il Dalai Lama di spingere i giovani al suicidio dandosi fuoco, un gesto contrario al buddismo. In realtà il capo spirituale dei tibetani, si oppone alle auto-immolazioni, facendo notare che la disperazione dei giovani è frutto della politica di illogica repressione della Cina.

Fonte: Asia News, 25 gennaio 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.