COVID-19: Forse era in giro dall’agosto 2019 e il PCC lo sapeva

Un nuovo studio della Harvard Medical School ha incrociato immagini satellitari e query Internet per giungere a questa terribile conclusione.

 

Foto: Harvard Medical School (credits).

Noi di Bitter Winter siamo stati tra i primi a sollevare dubbi sulla narrativa ufficiale del PCC sull’infezione da coronavirus. Non abbiamo abbracciato le teorie del complotto, ma abbiamo semplicemente messo insieme diversi risultati e fatto domande . La responsabilità della Cina per la pandemia attraverso la diffusione di notizie false , la messa a tacere di persone chiave nei primi giorni dell’epidemia e i fatali ritardi nella reazione è ora abbondantemente dimostrata, così come la complicità dell’Organizzazione mondiale della sanità . Il PCC e l’OMS hanno peggiorato ulteriormente l’ epidemia , come denunciato da molti. Nel frattempo, la persecuzione da parte del PCC delle minoranze etniche e dei gruppi religiosi in Cina attraverso l’incarcerazione, le campagne contro i gruppi etichettati come xie jiao , “sinicizzazione”, “rettifica”, “generalizzazione dell’halal” e ogni tipo di molestia è continuata senza sosta, nel totale disprezzo della vita umana e sperando che il mondo, distratto dal virus, non prestasse attenzione.

Finora, credevamo che il regime del PCC fosse a conoscenza del virus mortale dal 17 novembre 2019 e non avesse detto la verità al mondo fino a gennaio 2020. Forse, la storia è anche peggiore. Secondo un nuovo studio della Harvard Medical School, le immagini satellitari di Wuhan, il vero centro della crisi del virus secondo il PCC, e un’accurata indagine sulle ricerche su Internet, potrebbero mostrare che il coronavirus si era diffuso in Cina già in ritardo Agosto 2019.

Il nuovo studio, “ analisi del traffico ospedaliero e dei dati dei motori di ricerca a Wuhan, in Cina, indica l’attività precoce della malattia nell’autunno del 2019 “, è stato pubblicato al DASH di Harvard, ovvero la biblioteca digitale della famosa università americana. Sebbene non sia ancora sottoposto a peer review, offre un’importante nuova prospettiva.

Secondo i ricercatori, l’idea che COVID-19 provenisse da un animale selvatico nel mercato del pesce di Huanan di Wuhan nel novembre 2019, che sembra essere diventata l’ortodossia accettata in materia, potrebbe essere smentita analizzando attentamente i parcheggi degli ospedali. Confrontando i dati del 2018 e del 2019, documentano infatti enormi aumenti del traffico negli ospedali di Wuhan, anche del 90%, come mostrano i parcheggi affollati, e questo a partire da agosto 2019. Inoltre, questo aumento è avvenuto contemporaneamente alle domande delle persone utilizzando Baidu, il motore di ricerca Internet più popolare in Cina, si è concentrato su termini come “diarrea” e “tosse”. Un punto è curioso qui: la tosse e lo starnuto sono stati denunciati per mesi come chiari sintomi di COVID-19 per mesi in tutto il mondo, e la malattia è stata inizialmente definita come una malattia che colpisce le vie respiratorie. Solo successivi disturbi gastrointestinali, tra cui nausea, vomito e diarrea, sono stati aggiunti ai sintomi più importanti di COVID-19. Come hanno notato i ricercatori di Harvard, la diarrea è un sintomo più specifico per COVID-19 rispetto alle malattie delle vie respiratorie e, quando si ha a che fare con i coronavirus, “mostra solo un’associazione con l’attuale epidemia”.

Le immagini satellitari e l’analisi delle query Internet sono flussi di dati convalidati comuni. Come riferisce la CNN “[u] cantare ‘flussi di dati convalidati’ per la sorveglianza delle malattie respiratorie non è una novità ed è anche una tecnica impiegata dalle agenzie di intelligence”. Il chief innovation officer del Boston Children’s Hospital, il dottor John Brownstein, il leader del team di esperti di Harvard, ha spiegato il loro utilizzo alla CNN, affermando che “i parcheggi ospedalieri […] possono essere utilizzati, possono essere un indicatore relativo di qualcosa che accade in una popolazione “. Lo stesso Brownstein ha rilevato anni fa un’importante influenza stagionale solo guardando i parcheggi degli ospedali in America Latina.

Alla fine della giornata, una cosa è certa: la comunità scientifica deve ancora dire l’ultima parola su quando è iniziata l’epidemia. Ma un’altra conclusione sembra molto probabile: non abbiamo visto la fine della torbida storia di bugie e disonestà del PCC.

Fonte: Bitter Winter,06/10/2020

Articolo in inglese:

COVID-19: Perhaps It Was Around Since August 2019—and the CCP Knew It 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.