Corsa agli armamenti nel Sud-est asiatico, per contrastare “l’imperialismo” cinese

Le nazioni del sud-est asiatico hanno lanciato una corsa agli armamenti, per “controbilanciare” l’espansionismo cinese e lo strapotere politico-economico di Pechino nella regione Pacifico e su scala internazionale. È quanto emerge dagli ultimi rapporti sulla rete internazionale del commercio di armi, definito “in espansione”, che vede Vietnam, Filippine e Indonesia in prima fila nella corsa all’acquisto. L’obiettivo dei governi, secondo fonti bene informate, non è quello di “sfidare” Pechino in modo aperto “sul piano militare”, ma creare un “deterrente strategico” che costringerà il Dragone a “riflettere a lungo” prima di intraprendere anche solo un conflitto di scala regionale. Fra i punti al centro della controversia e fonte di un possibile confronto militare, vi sono le rivendicazioni territoriali nel mar Cinese meridionale e orientale.
Di recente Hanoi si è assicurata due sottomarini di fabbricazione russa, chiedendo aiuto a tecnici ed esperti di New Delhi per l’addestramento di militari vietnamiti. Le Filippine guardano invece al cielo, con Manila pronta a firmare l’acquisto di uno squadrone di caccia dalla Corea del Sud e di tre elicotteri provenienti dall’Italia. Questa corsa è spiegata dagli esperti di questioni militari su un piano strategico “internazionale”, che supera le controversie territoriali nel Pacifico, e il Sud-est asiatico resta un “mercato aperto” rispetto alle limitazioni in Medio oriente.
Nella corsa agli armamenti il Vietnam guarda in direzione di Mosca, suo mentore e protettore ai tempi della Guerra fredda, per l’acquisto di caccia e fregate. Dall’India arriva la scorta di batterie anti-missilistiche, mentre sono in corso colloqui con diverse nazioni europee – fra cui la Francia – per navi e radar. Nonostante le tensioni retaggio della guerra, il governo si rivolge anche agli Stati Uniti e auspica che Washington possa allentare presto le restrizioni sulla vendita.
Discorso analogo vale per le Filippine, che a lungo hanno ignorato la necessità di ammodernare le forze armante, contando sulla protezione e il sostegno – anche materiale – degli Stati Uniti. Tuttavia, dalla sua ascesa al potere il presidente Benino Aquino ha voluto invertire la rotta, aumentando i fondi destinati all’esercito. Da qui l’accordo (da quasi 500 milioni di dollari) con Seoul per alcuni aerei da combattimento leggeri, viatico per l’acquisizione – in un futuro prossimo – di F16 da Washington. A questo si aggiungono 10 guardiacoste dal Giappone, ma anche Mosca sembra aver fiutato l’affare e potrebbe stringere presto accordi con Manila.
Infine l’Indonesia, la più grande fra le nazioni del Sud-est asiatico, anch’essa in cerca di espansione. Jakarta ha comprato sottomarini sud-coreani, missili cinesi, jet russi e F16 statunitensi. Nella scorsa decade il bilancio per la difesa è cresciuto del 200%, toccando quota sei miliardi di dollari, ed è in corsa per diventare il Paese leader nella regione per armamenti.

Fonte: Asia News, 23 febbraio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.