Coree: Ancora nessun segno che la Cina voglia punire Pyongyang per affondamento nave Seul

Evitare un conflitto tra le due Coree per l’affondamento della nave da guerra sudcoreana ”è un compito urgente” ha dichiarato il primo ministro cinese Wen Jiabao, dimostrando che Pechino sembra essere più coinvolta nella crisi, pur astenendosi dal dare il suo consenso ad azioni punitive delle Nazioni Unite contro la Corea del Nord, a quanto informa l’Associated Press.
Vari team di esperti internazionali hanno stabilito che la nave Cheonan è stata affondata da un siluro di un sottomarino di Pyongyang con la perdita di 546 vite umane.

Wen ha rilasciato le sue dichiarazioni al termine di un summit svoltosi durante il week-end con i leader del Giappone e della Corea del Sud. L’andamento del vertice è stato attentamente seguito per scorgere eventuali segni di indurimento di Pechino verso Pyongyang.

La Corea del sud vorrebbe portare la Corea del Nord davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, e l’appoggio della Cina è cruciale in quanto è uno dei membri permanenti e detiene il diritto di veto. Condanne e sanzioni verso Pyongyang non potrebbero essere approvate senza il consenso della Cina.

Fonte: Blitz Quotidiano, 30 maggio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.