COREA DEL SUD – Mattia Choe, il “difensore dei missionari” frustato a morte per non aver tradito Cristo

Uno dei primi catechisti della nascente Chiesa coreana, Mattia Choe In-gil, ebbe l’incarico di difendere il primo sacerdote cinese entrato nel Paese: ci riuscirà ma a costo della vita e, pur di non abiurare la fede cattolica, accetta di morire per le percosse degli agenti della Corte di Seoul. AsiaNews presenta la vita e le opere di questi testimoni di Cristo in attesa di canonizzazione.

Seoul – Difendere i missionari stranieri, proclamare il Vangelo e mantenere salda la fede nel Salvatore. Mattia Choe In-gil è uno dei primi cattolici della Corea del Sud, e impegna la sua vita per il Vangelo fino a subire – con il sorriso sul volto – il martirio ordinato dalla Corte di Seoul, che ha perseguitato con ferocia i cristiani per almeno un secolo prima di concedere loro libertà di culto.

Mattia Choe è inserito nel gruppo dei 123 compagni di Paolo Yun Ji-chung, vittime della persecuzione Byeongin (tra la prima e la seconda metà dell’800) e proclamati “servi di Dio” da Papa Giovanni Paolo II nel 2003 insieme a p. Choi Yang-oeb. La Chiesa cattolica coreana è in attesa della loro beatificazione, e il vescovo di Daejeon mons. Lazzaro You Heung-sik ha invitato Papa Francesco in Corea per l’occasione.

AsiaNews ha già presentato la vita di alcuni di questi martiri e continua a proporre la loro testimonianza ai suoi lettori.

Mattia Choe In-gil nasce in Corea nel 1765 da una famiglia di interpreti. Conosce il catechismo cattolico grazie a Giovanni Battista Yi Byeok [uno dei primi fedeli coreani ndt] e viene battezzato nel 1784, poco dopo l’introduzione della Chiesa cattolica nel Paese. Ignazio Choe In-cheol, che verrà martirizzato nel 1801, è suo fratello.

Sin dai primi anni della sua vita cattolica, Mattia Choe si impegna nella proclamazione del Vangelo insieme agli altri fedeli locali. Quando Paolo Yun Yu-il torna dalla sua visita a Pechino, dove va per conoscere la Chiesa locale, Mattia Choe partecipa ai suoi sforzi per introdurre sacerdoti nel Paese [le autorità avevano infatti proibito l’ingresso di clero straniero ndt]. In particolare, gli viene affidato l’incarico di trovare nascondigli sicuri per i missionari.

A questo scopo sistema un’abitazione a Gyedong (che oggi si chiama Gye-dong Jongno-gu, a Seoul) e aspetta l’ingresso dei sacerdoti. Il primo a riuscire nell’impresa è un prete cinese, p. James Zhou Wen-mo, che arriva in Corea il 24 dicembre del 1794 (il 3 novembre secondo il calendario lunare). All’inizio del 1795 i due entrano in contatto e p. Zhou va a vivere nella “casa sicura” preparata da Mattia Choe. Purtroppo, la Corte viene informata dell’arrivo del sacerdote da una spia e lancia una caccia all’uomo per stanarlo.

Per fortuna p. James Zhou riesce a fuggire di nascosto nella casa di un’altra convertita, Colomba Kang Wan-suk. Allo stesso tempo Mattia Choe, che ha aspettato le guardie reali in casa sua, cerca di farsi passare lui stesso per il sacerdote cinese: in un primo momento il trucco funziona, anche perché il giovane parla un ottimo cinese. Tuttavia, il piano non dura a lungo. Poco dopo la sua cattura la sua vera identità viene scoperta e la polizia torna in strada per cercare p. Zhou, ma senza riuscirci: scoprono però come è riuscito a entrare nel Paese e arrestano Paolo Yun e Saba Jin, che lo hanno accompagnato in Corea.

Nel frattempo Mattia Choe e i suoi compagni restano confinati in carcere, dove iniziano le torture per farli parlare. I loro accusatori vengono però confusi dalla loro sincerità, dalla pazienza e dalla ferma determinazione mostrata dai convertiti. Nonostante le ripetute percosse, gli arrestati non rivelano la posizione di p. Zhou: si accostano al dolore con un’espressione di pace sul volto.

Gli aguzzini capiscono che gli arrestati non tradiranno p. James Zhou e decidono di picchiarli a morte. Mattia Choe e i suoi compagni muoiono a causa di una scarica continua di colpi di frusta il 28 giugno 1795 (il 12 maggio per il calendario lunare). Mattia Choe ha 30 anni. I corpi vengono buttati nel fiume Han.

Il vescovo di Pechino, mons. Gouvea, viene informato da un emissario segreto del martirio di questi giovani e scrive una lettera per parlare del coraggio mostrato da questi martiri: “Alla domanda degli accusatori ‘Adorate Gesù morto sulla croce?’ hanno risposto con coraggio ‘Sì’. Alla richiesta di abiurare la fede hanno aggiunto ‘Siamo pronti a morire mille volte piuttosto che rinunciare alla fede nel nostro vero Salvatore, Gesù Cristo’. Mattia Choe è stato uno dei primi catechisti scelti da Pietro Yi Seung-hun per proclamare la fede. È stato un cattolico eccellente, che si è impegnato a diffondere la gloria di Dio con fede, zelo e devozione”.

di Joseph Yun Li-sun: AsiaNews, 03 Luglio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.