Corea Del Nord: migliaia di prigionieri-schiavi vengono “sfruttati” per soddisfare il lusso e i vizi di Kim Jung-un

Il nuovo rapporto stilato da NK Watch, una associazione umanitaria a Seul,fa emergere un nuova sfaccettatura del regime della Corea del Nord e dei suoi crimini contro l’umanità.


E’ cosa nota che migliaia di persone siano rinchiuse in condizioni feroci nei campi di concentramento del regime, ma il rapporto denuncia che molti detenuti-schiavi vengono “sfruttati” e dati in “prestito” a paesi come Cina e Russia in cambio di denaro.

Nel rapporto si legge che questo denaro viene usato per uso esclusivo del dittatore Kim Jung-un per soddisfare la sua brama del lusso, dei vizi e dei suoi più fedeli seguaci .

Questi prigionieri-schiavi vengono pagati per il lavoro svolto ma gli stipendi vengono interamente requisiti dal governo.

Sono individui che vengono utilizzati nei campi di lavoro o nelle fabbriche lager , dove vengono puniti se non raggiungono gli obiettivi imposti dai carcerieri.

Laogai Research Foundation, 24/02/2015

English article, Inquisitr,February 21, 2015 :

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.