COREA DEL NORD: Lo zio di Kim Jong-un “è stato fucilato, non sbranato dai cani”

Londra:L’ambasciatore di Pyongyang a Londra rigetta le voci agghiaccianti sulla fine di Jang Song-taek: “Ha sbagliato, commesso crimini tremendi ed è stato punito con una normale esecuzione. Il resto è propaganda dei nostri nemici”. Mistero sulla sorte del resto della famiglia: la moglie è sparita da quattro mesi.

Londra – Jang Song-taek, zio del dittatore nordcoreano Kim Jong-un ed ex “numero 2” del regime, “è stato fucilato, non sbranato dai cani. Ha abusato del suo potere e commesso crimini tremendi, e per questo ha pagato con una normale esecuzione. Tutte le altre voci sono state create dalla propaganda dei nostri nemici e non meritano il mio commento”.

Lo ha detto Hyun Hak-bong, ambasciatore di Pyongyang a Londra, durante un’intervista con Sky News andata in onda ieri in Gran Bretagna.

Jang Song-taek, considerato il tutore del giovane Kim dopo la morte del “caro leader” Kim Jong-il, è stato condannato a morte il 3 dicembre del 2013. Subito dopo la lettura, la sentenza è stata eseguita dal plotone d’esecuzione del tribunale. Il verdetto e la sua esecuzione sono stati confermati dalla Kcna, agenzia di stampa ufficiale del regime nordcoreano: “Il tribunale ha esaminato tutti i crimini di Jang, che sono stati provati in maniera esauriente e poi ammessi dallo stesso indagato. L’accusato si è rivelato il peggior traditore della nazione di tutti i tempi: ha portato avanti azioni contrarie al Partito e contrarie alla rivoluzione, cercando di rovesciare la leadership del Partito e del sistema socialista”.

Nei giorni successivi alla conferma della purga di Jang erano emersi particolari agghiaccianti sulla sua esecuzione. Secondo fonti di stampa giapponesi e sudcoreane, essa si era trasformata in un crudele massacro: il nipote avrebbe gettato lo zio in pasto a 100 cani feroci tenuti a digiuno per giorni.

Mistero sulla sorte della famiglia di Jang. La moglie Kim Kyong-hui (sorella di Jong-il) è sparita dallo scorso settembre e secondo alcuni sarebbe in Svizzera presso il fratellastro, ambasciatore in quella nazione; altri sostengono invece che sia morta, di infarto o di cirrosi epatica provocata da una lunga dipendenza dall’alcool. Interrogato sulla questione, l’ambasciatore Hyun ha detto: “So che a essere punito è stato Jang. Della sua famiglia non so nulla”.

AsiaNews,31/01/2014

English version,click here:
Kim Jong-un’s uncle “was shot, not mauled by dogs”

Articoli correlati:

Corea del Nord: lo zio di Kim Jong fatto sbranare da cani affamati? Lo afferma giornale vicino a Pechino

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.