Condizioni di lavoro disumane da schiavi ad Anzola: azienda tessile cinese tira giù le serrande

„Macchinari al piano terra e dormitori al primo piano. Riscontrate violazioni in materia di sicurezza e igiene, abusivismo edilizio, oltre a lavoro nero“.

Nel corso della notte del 26 , i Carabinieri della Stazione di Anzola Emilia, l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bologna e il Corpo Intercomunale di Polizia Municipale Terre d’Acqua , nel corso di un servizio coordinato in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ha ispezionato un’azienda tessile, sulla via Emilia.

Sono stati identificati 15 lavoratori cinesi che lavoravano e vivevano all’interno della ditta, specializzata nella produzione, stiratura e confezionamento di abiti, e progettata per accogliere i macchinari al piano terra e i dormitori al primo piano, con camerette singole, doppie, cucina e mensa, in altre parole condizioni di lavoro disumane.

Sono state riscontrate violazioni in materia di sicurezza e igiene del lavoro, abusivismo edilizio e, considerato che la ditta impiegava tre lavoratori “in nero”, è stata disposta anche la sospensione dell’attività imprenditoriale. Inoltre, sono state elevate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 14.000 euro.

Bologna Today,27 settembre 2017

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.