Compagnie fotovoltaiche del mondo legate all’uso del lavoro forzato

Un nuovo rapporto mostra che alcune delle più grandi aziende solari del mondo lavorano con il governo cinese per assorbire i lavoratori  dallo Xinjiang, programmi che sono spesso visti come una bandiera rossa per il lavoro forzato.

Xinjiang GCL New Energy Material Technology Co., Ltd. conduce corsi di formazione sulla postura militare per il personale trasferito.

In una distesa piatta e arida della regione dell’estremo ovest cinese dello Xinjiang, una società di tecnologia solare ha accolto lavoratori provenienti da un’area rurale a 650 miglia di distanza, preparandosi a inserirli a lavorare presso GCL-Poly, il secondo produttore mondiale di polisilicio.

I lavoratori, membri della minoranza uigura della regione, hanno frequentato un corso di qualifica mentre si preparavano per la loro nuova vita nell’industria solare, che si vanta di essere un modello di crescita pulita e responsabile. GCL-Poly ha promosso l’alloggio e la formazione che ha offerto alle sue nuove reclute con fotografie e dichiarazioni ai media locali.

Ma i ricercatori e gli esperti di diritti umani affermano che quelle immagini positive potrebbero nascondere una realtà più preoccupante: la persecuzione di uno dei gruppi etnici più vulnerabili della Cina. Secondo un rapporto della società di consulenza Horizon Advisory, il settore in crescita della tecnologia dell’energia solare dello Xinjiang è collegato a un ampio programma di lavoro assegnato in Cina, inclusi metodi che si adattano a modelli ben documentati di lavoro forzato.

In una dichiarazione, un rappresentante dell’ambasciata cinese a Washington ha definito il lavoro forzato nello Xinjiang “una voce creata da alcuni media e organizzazioni anti-cinesi”, aggiungendo che tutti i lavoratori nello Xinjiang stipulano contratti in conformità con il diritto del lavoro cinese. “Non esiste il ‘lavoro forzato'”, ha detto il rappresentante.

Il rapporto si aggiunge a un elenco crescente di aziende che sono state accusate di fare affidamento sul lavoro coatto degli uiguri e di altre minoranze etniche in Cina, sia nelle proprie fabbriche che in quelle dei loro fornitori.

Gli Stati Uniti e altri governi sono diventati sempre più espliciti riguardo al lavoro forzato nello Xinjiang, tra cui nominare e svergognare le principali società che operano nella regione. L’amministrazione Trump ha imposto sanzioni a dozzine di aziende e individui per il loro ruolo nello Xinjiang, incluso il divieto di alcune esportazioni dalla regione, che è anche un importante produttore di cotone. Il 2 dicembre ha vietato le importazioni di cotone prodotto dallo Xinjiang Production and Construction Corps, un gruppo paramilitare che secondo i funzionari americani utilizza il lavoro forzato.

Il Congresso sta anche prendendo in considerazione una legislazione radicale che vieterebbe tutti i prodotti con materiali provenienti dallo Xinjiang a meno che le aziende non certifichino che i prodotti sono realizzati senza lavoro forzato .

“L’amministrazione ha intrapreso azioni senza precedenti per impedire alla Cina di trarre profitto dai suoi orribili abusi dei diritti umani”, ha detto.

Insieme, le società solari citate nel rapporto forniscono più di un terzo del polisilicio mondiale, che viene raffinato dalla roccia e trasformato in pannelli solari che finiscono sui tetti e sui progetti energetici, compresi quelli negli Stati Uniti e in Europa.

Gli annunci del governo e le notizie indicano che le aziende solari spesso accettano lavoratori assegnati in lotti di dozzine o meno, suggerendo che i trasferimenti sono una piccola parte della loro forza lavoro complessiva. Tuttavia, le affermazioni di Horizon Advisory implicano che gran parte della catena di approvvigionamento solare globale potrebbe essere contaminata da un’associazione con il lavoro forzato. Tali accuse potrebbero danneggiare la sua immagine progressista e rischiare il divieto di prodotti da Washington.

GCL-Poly, Daqo New Energy, Xinte Energy e East Hope Group non hanno risposto a molteplici richieste di commento.

Ian McCaleb, portavoce di Jinko Solar, ha affermato che la società “condanna fermamente l’uso del lavoro forzato e non lo fa nelle sue pratiche di assunzione o nelle operazioni sul posto di lavoro”. Ha detto di aver esaminato le affermazioni nel rapporto Horizon e “ha scoperto che non dimostrano il lavoro forzato nelle nostre strutture”.

La Cina porta avanti un vasto programma di detenzione e sorveglianza di uiguri, kazaki e altre minoranze nello Xinjiang. Fino a un milione o più minoranze potrebbero essere state detenute nei campi di indottrinamento e in altri luoghi dove sono costrette a rinunciare ai legami religiosi e rischiano torture, aggressioni e traumi psicologici, dicono gli uiguri all’estero e gruppi per i diritti umani.

Il governo dello Xinjiang ha promosso programmi di trasferimento di manodopera parallelamente ai campi di rieducazione, sforzi che sono aumentati drasticamente sotto l’attuale leader, Xi Jinping. Il governo ha sradicato molti dalle fattorie al lavoro nelle fabbriche e nelle città, nella convinzione che un lavoro costante e controllato possa far uscire le minoranze dalla povertà e abbattere le barriere culturali. I lavoratori possono non avere altra scelta che obbedire ai funzionari locali che sovrintendono al loro trasferimento in città e zone industriali lontane per soddisfare le quote stabilite dal governo.

Il crescente controllo della regione ha già provocato cambiamenti tra alcune aziende le cui catene di approvvigionamento sono coinvolte in questi programmi. Molte aziende tessili e di abbigliamento che utilizzano cotone o filati dello Xinjiang hanno reciso i legami, tra cui Patagonia , Marks and Spencer e H&M .

Il settore solare potrebbe subire pressioni simili. L’industria ha legami profondi con lo Xinjiang, che rappresenta circa il 40% della produzione mondiale di polisilicio, ha affermato Jenny Chase, responsabile dell’analisi solare di BloombergNEF. La produzione di polisilicio dello Xinjiang è aumentata rapidamente negli ultimi dieci anni, principalmente a causa dell’elettricità a basso costo proveniente dalle centrali a carbone locali e da altri aiuti governativi, ha detto la signora Chase.

Questa espansione ha aiutato le aziende cinesi a dominare i concorrenti stranieri, anche negli Stati Uniti. La Cina ha prodotto l’82% del polisilicio globale nel 2020, rispetto al 26% nel 2010, secondo i dati di IHS Markit, mentre la quota di produzione statunitense si è ridotta al 5% dal 35%.

“Sono preoccupato che il lavoro forzato possa essere stato utilizzato nello Xinjiang”, ha affermato Francine Sullivan, vicepresidente per lo sviluppo aziendale di REC Silicon, un produttore norvegese di polisilicio con attività negli Stati Uniti. L’azienda ha chiuso una struttura nello Stato di Washington, nonostante l’aumento della domanda generale degli Stati Uniti.

Lo Xinjiang è noto per i bassi standard di sicurezza e ambientali, ha detto la signora Sullivan, e il lavoro forzato “potrebbe essere solo una parte del pacchetto di incentivi”.

Xiaojing Sun, un analista di ricerca senior presso Wood Mackenzie, ha detto che le compagnie solari stanno iniziando a indagare sulla loro esposizione allo Xinjiang e riconfigurare le loro catene di approvvigionamento per evitare la regione, se possibile.

In una nota agli investitori di ottobre, gli analisti di Roth Capital Partners hanno affermato che il settore solare ha affrontato un “aumento del rischio di interruzione” a causa dei suoi legami con lo Xinjiang.

“Gli investitori stanno diventando nervosi”, ha detto la signora Sun.

La Solar Energy Industries Association, la più grande associazione industriale degli Stati Uniti, ha definito gli abusi dei diritti umani nello Xinjiang “riprovevoli” e ha fortemente incoraggiato le aziende “a spostare immediatamente le loro catene di approvvigionamento fuori dalla regione”.

Poiché l’accesso illimitato allo Xinjiang per giornalisti e ricercatori stranieri è praticamente impossibile, i ricercatori di Horizon Advisory non forniscono una testimonianza diretta del lavoro forzato. Al contrario, presentano segni di possibile coercizione da documenti in lingua cinese e notizie, come programmi che possono utilizzare tecniche di reclutamento ad alta pressione, indottrinare lavoratori con un’istruzione patriottica o militare o limitare i loro movimenti.

Il rapporto documenta che la GCL-Poly ha accettato l’anno scorso “il lavoro in eccedenza” da una regione rurale dello Xinjiang. Nel 2018, secondo un articolo su China Energy Net , un sito di notizie locale, una delle filiali di GCL-Poly ha accettato anche più di 60 lavoratori di questo tipo.

Una sussidiaria locale di Jinko Solar, Xinjiang Jinko Energy Co., ha ricevuto sussidi statali per l’assunzione di manodopera locale dello Xinjiang, inclusi almeno 40 “lavoratori poveri del sud dello Xinjiang” a maggio, secondo un annuncio del governo locale del luglio 2020 citato da Horizon Advisory.

Sul suo account pubblico WeChat, East Hope Group ha affermato di aver “risposto alla National Western Development Call e ha partecipato attivamente allo sviluppo e alla costruzione dello Xinjiang”, inclusa la costruzione di un progetto di polisilicio nella prefettura di Changji nel 2016, afferma il rapporto Horizon.

Nello stesso anno, secondo un notiziario cinese citato da Horizon, la contea di Yarkand nello Xinjiang firmò un “accordo quadro di cooperazione per l’esportazione di manodopera” con una sussidiaria chiamata East Hope Group Xinjiang Aluminium Company.

Un’altra filiale di East Hope, Xinjiang East Hope Nonferrous Metals Co., “ha accettato 235 dipendenti di minoranze etniche dal sud dello Xinjiang”, che hanno ricevuto una formazione per compensare “qualifiche scolastiche basse, competenze linguistiche nazionali deboli e competenze lavorative insufficienti”, secondo un report sul sito web della società .

Secondo Horizon Advisory, diverse società solari hanno anche legami con lo Xinjiang Production and Construction Corps, che è stato penalizzato dall’amministrazione Trump . Nel suo rapporto finanziario 2018 , Daqo New Energy ha affermato che le sue strutture nello Xinjiang hanno beneficiato di un minor costo dell’elettricità perché la rete regionale è gestita da una divisione dello Xinjiang Production and Construction Corps.

Amy Lehr, direttrice della Human Rights Initiative presso il Center for Strategic and International Studies, ha affermato che i programmi di lavoro che attingono alle minoranze dello Xinjiang e offrono alle aziende sussidi per il loro impiego sono una “bandiera rossa” per il lavoro forzato. Questi programmi possono limitare i lavoratori da viaggiare o partecipare a servizi religiosi, con paghe meno del salario minimo e comportare condizioni di lavoro dure o non sicure, nonché la minaccia di detenzione, secondo la ricerca della signora Lehr .

“La preoccupazione è che ci sia un potenziale di coercizione, a causa del livello di sorveglianza e paura”, ha detto la signora Lehr. Le aziende che si riforniscono di prodotti dalla regione “non hanno modo di sapere che non sei collegato al lavoro forzato”, ha detto.

Nathan Picarsic, uno dei fondatori di Horizon Advisory, ha affermato che ciò che l’azienda aveva documentato era probabilmente “solo la punta dell’iceberg”. Se gli americani stanno acquistando pannelli solari realizzati con materiali da queste aziende cinesi, ha detto: “Direi che sei complice nel perpetuare questa politica industriale cinese che sopprime e priva di diritti gli esseri umani”.

Ana Swanson lavora presso l’ufficio di Washington e si occupa di commercio ed economia internazionale per il New York Times. In precedenza ha lavorato al Washington Post, dove ha scritto di commercio, Federal Reserve ed economia.@AnaSwanson

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The New York Times,08/01/2021

Versione inglese: Chinese Solar Companies Tied to Use of Forced Labor

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.