COMO-Sequestrato in dogana un carico di vestiti “taroccati”: un italiano denunciato

L’operazione di guardia di finanza e funzionari doganali: i vestiti erano prodotti in Cina ma portavano impresso il marchio della bandiera italiana

Como, 18 settembre 2014 – Italiani di nome, cinesi fatto: sequestrato un carico di vestiti taroccati: L’operazione della gruppo della guardia di finanza diPonte Chiasso, in collaborazione con i funzionari doganali, ha portato alla scoperta di un consistente carico di capi di abbigliamento per uomo e donna con etichetta riportante l’ingannevole indicazione della “bandiera italiana”.

Tra essi giubbotti pagati in Italia poco più di 70 centesimi l’uno. La merce, prodotta in Cina, era stata messa in commercio in Inghilterra, e stava per essere immessa sul mercato italiano da una ditta individuale di un trentenne cinese operante in Roma.

I giubbotti erano stati prodotti in Cina ed importati a un prezzo di 73 centesimi l’uno, somma aumentata di qualche centesimo nel passaggio della merce tra l’Inghilterra e l’Italia. “Appare evidente – si legge in una nota della Gdf – l’ampio margine di ricavo all’atto della vendita dei capi d’abbigliamento”. Il carico è stato sequestrato e il titolare dell’azienda denunciato.

Il Giorno,18/09/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.