Commercio estero: Coldiretti, triplica vino made in Italy in Cina

Le bottiglie di vino Made in Italy esportate in Cina sono piu’ che triplicate facendo registrare un aumento record del 242 per cento, ma a crescere sulle tavole del gigante asiatico e’ l’intero agroalimentare italiano che complessivamente in un anno e’ quasi raddoppiato in valore (+86 per cento). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sul commercio estero relativi al primo semestre nel 2010. “Il Paese asiatico offre – sottolinea la Coldiretti – molteplici opportunita’ commerciali per l’agroalimentare italiano che potrebbero ulteriormente ampliarsi con superamento di vincoli burocratici che spesso ostacolano le esportazioni alimentari. Un obiettivo che – continua la Coldiretti – consentirebbe anche il necessario riequilibrio nella bilancia commerciale agroalimentare tra Cina ed Italia con le importazioni dal gigante asiatico che sono state in valore pari a tre volte le esportazioni, nel primo semestre del 2010. A preoccupare sono anche – precisa la Coldiretti – le garanzie di sicurezza alimentare del prodotto proveniente dalla Cina, dopo i recenti allarmi sul latte contaminato dalla melamina. Il prodotto agroalimentare maggiormente importato dalla Cina in Italia e’ il concentrato di pomodoro per il quale si registra un aumento del 18 per cento degli arrivi nel primo semestre 2010. Quest’anno si stima che arriveranno in Italia 100 milioni di chili di concentrato dalla Cina destinato ad essere “spacciato” come Made in Italy perche’ – conclude la Coldiretti – non e’ ancora obbligatorio indicare in etichetta la zona di coltivazione della materia prima agricola”.

Fonte: Agi News On, 20 ottobre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.