Come potrebbe il CEO di Volkswagen non conoscere la repressione della Cina nei confronti degli Uiguri?

Un’azienda JOINT con sede a Shanghai, SAIC Volkswagen, è una delle più antiche case automobilistiche cinesi, con la produzione in diverse città in tutto il paese, incluso lo Xinjiang, sede di musulmani uiguri e altre minoranze nel lontano nord-ovest della Cina.

La joint venture afferma che “si sforza di essere un cittadino aziendale responsabile”, preoccupato per l’ambiente e “ritorno alla società e a beneficio della società” con “iniziative di assistenza sociale nei campi della scienza, dell’istruzione, della cultura, della salute” e altro ancora.

Quindi è stato scioccante sentire l’altro capo della Volkswagen esprimere ignoranza sul genocidio culturale sistemico che si sta svolgendo nello Xinjiang.

Lì, le autorità cinesi stanno compiendo uno sfacciato tentativo di estinguere le tradizioni, la lingua e la mentalità della minoranza musulmana turca, compresi gli uiguri, i kazakhi e altri, relegandoli “nello stampo” della maggior parte dei cinesi Han.

Si stima che almeno un milione di persone siano state confinate in un arcipelago di campi che la Cina descrive come strutture per l’istruzione professionale o collegi – ma altri, tra cui testimoni oculari, dicono che sono campi di concentramento.

Chiesto dalla BBC se è “orgoglioso di essere associato” alla repressione cinese nello Xinjiang, l’amministratore delegato di Volkswagen Herbert Diess ha dichiarato: “No, ma siamo orgogliosi di creare … siamo assolutamente orgogliosi di creare anche posti di lavoro in quella regione, che pensiamo sia molto utile.

” Preoccupato…” per il maltrattamento della Cina sugli uiguri, il signor Diess ha aggiunto: “Non posso giudicare questo, mi dispiace”.

Quindi, gli è stato ha chiesto se “lo sai”; ha detto, “non so a cosa ti riferisci.”

Quando un reporter lo ha pressato a proposito dei campi di rieducazione della Cina per un milione di persone nello Xinjiang, il signor Diess ha detto: “Non ne sono consapevole”.

Questo non può essere vero.

Come leader di una multinazionale con fabbriche sparse in tutta la Cina, deve conoscere l’atrocità che si sta svolgendo nello Xinjiang.

Il suo commento è aberrante e altrettanto inquietante è la possibilità che le sue osservazioni riflettano l’ambivalenza del SAIC Volkswagen sul trattamento degli Uiguri e di altri.

Questa joint venture, nata nel 1984, subito dopo l’inizio dell’era della riforma cinese, guardava dall’altra parte mentre la Cina estingue le abitudini e la mentalità di un’intera popolazione?

Negli ultimi mesi la Cina ha tentato con forza di coprire i campi di concentramento nello Xinjiang.

Testimoni oculari ed esperti riferiscono che, oltre ai campi, lo Xinjiang è stato trasformato in un laboratorio per l’utilizzo della sorveglianza per monitorare da vicino la popolazione in modo da soffocare rapidamente qualsiasi segno di dissenso.

Una grande azienda come SAIC Volkswagen non deve rimanere indifferente ai campi di concentramento, e certamente un amministratore delegato della Germania dovrebbe pretendere che non esistano.

Il signor Diess ha parlato, Volkswagen ha detto che la compagnia “è a conoscenza” della difficile situazione degli uiguri e ha preso provvedimenti positivi per affrontarlo.

“Per l’intero Gruppo Volkswagen, il rispetto dei diritti umani è uno dei principi fondamentali di base per tutti i rapporti commerciali”, ha affermato il portavoce.

Se è così, allora il signor Diess ha l’obbligo di parlare contro la spinta della Cina a schiacciare gli uiguri e le altre minoranze musulmane.

Rimanere “non consapevoli” è rimanere complici.

Tradotto da Avv. Davide Pivi, LRF Italia Onlus

Fonte: The Washington Post, 20/04/2019

Versione inglese: How could the CEO of Volkswagen not know China’s repression against the Uighurs?


Commento:

Devo dire che, tanta l’evidenza della meschinità, complicità, e omertà dei vertici di Volkswagen, le affermazioni di cui sopra ed il comportamento della nota casa automobilistica tedesca si commentano da sole.

L’amarezza tuttavia è così grande che non posso non rilevare come, da parte dei tedeschi, tale atteggiamento è ancora più grave e sconcertante.

Forse che hanno già dimenticato o rimosso di cosa fu capace il regime nazista?

Due ipotesi.

L’evidenza pare proprio denunciare che la casa automobilistica tedesca, mossa e guidata solo dagli utili economici, o ha perso la memoria (inverosimile); oppure, appunto perché avente di mira solo il dio denaro, semplicemente abbia deliberatamente scelto che è più vantaggioso fingere di non sapere.

La storia si ripete? Pare proprio di sì posto che non essere consapevoli (peraltro è di tutta evidenza che consapevolezza vi sia) implica complicità.

Le vittime dell’Olocausto sono state tutte quelle persone che vennero uccise a seguito delle misure di persecuzione razziale e politica, di pulizia etnica e di genocidio, messe in atto dal regime nazista del Terzo Reich e dai loro alleati, tra il 1933 e il 1945.

Le principali vittime per numero furono i cittadini di religione ebraica, primo gruppo a essere perseguitato. Si stima che tra i cinque e i sei milioni di persone vennero uccise dopo essere state deportate nei campi di concentramento dove vennero sottoposte a lavoro coatto e quindi sterminate.

Oltre a queste, la persecuzione riguardò anche tutti coloro come romdisabiliomosessualislavidissidenti che, per motivi razziali o politici, condivisero la stessa sorte, essendo soggetti a programmi analoghi di sterminio e pulizia etnica, o a forme di persecuzione, sfruttamento e lavoro coatto che provocarono la morte di altri milioni di persone.

Mi chiedo infine se il Governo italiano, l’U.E., l’O.N.U., gli U.S.A e lo Stato Vaticano non possano anche loro essere ritenuti complici. La mia risposta è: certamente si.

E’ noto ad esempio come l’Italia abbia di recente stipulato un accordo commerciale con la Cina – la c.d. “via della seta”.

Forse che qualcuno si è posto il problema della violazione dei diritti umani in Cina?

No. Conta solo il denaro.

E’ eticamente lecito, insomma, stringere accordi con simili parters commerciali disinteressandosi di quanto mette in atto l’interlocutore – nel caso di specie la più feroce delle contemporanee dittature?

O comunque ignorare la situazione e non denunciarla?

Concludo, ancora una volta, con il monito/preoccupazione di un grande uomo: M.L.KING.

“Ciò che mi spaventa non è la violenza dei cattivi; è l’indifferenza dei buoni”.

E questo vale per ognuno di noi singolarmente presi.

 

Avv. Davide Pivi, LRF Italia Onlus

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.