Come la polizia cinese tortura donne e monache tibetane all’interno del Tibet – Pt.I

Le donne tibetane sono state in prima linea nella lotta non violenta per l’indipendenza del popolo tibetano. Le donne originariamente pianificarono e guidarono la grande rivolta contro l’occupazione cinese nel 1959 e, secondo il governo tibetano in esilio, una suora di Nyemo guidò una rivolta su vasta scala nel 1969 che si estese a 18 contee e minacciò di conquistare Lhasa. Poi, nel 1993, Asia Watch ha segnalato un forte aumento del numero di arresti politici di suore tibetane.


Motivi degli arresti

La maggior parte dei tibetani viene arrestato o detenuto per aver diffuso materiale “controrivoluzionario”, che viene interpretato liberamente come qualsiasi cosa che minacci l’unità” della Cina.

Azioni come “stampare volantini, formare organizzazioni sovversive, spiare o passare informazioni ai nemici, criticare il Partito mentre si parla agli stranieri, incoraggiare canti reazionari, issare bandiere tibetane e manifestare” sono reati che provocano l’arresto.

La partecipazione alle proteste porta quasi sempre all’arresto immediato dei manifestanti.

Durante una manifestazione pacifica, una donna tibetana, Ngawang Kyizom, ha inneggiato canti come “Lunga vita al Dalai Lama” e “Tibet libero”. I suoi canti sono durati solo 90 secondi e sono stati ferocemente soppressi quando è arrivata la polizia.

Per il suo “sfogo” è stata maltrattata fisicamente e incarcerata per tre anni senza processo.

Questi arresti politici interferiscono con le libertà fondamentali di espressione e costituiscono una violazione degli articoli 9, 10, 18, 19 e 20 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (UDHR).

La Repubblica Popolare Cinese compie sforzi speciali per soffocare anche l’espressione religiosa, una violazione dell’articolo 18 della UDHR. Persegue le suore buddiste che hanno ideologie dissenzienti.

Sotto il regime repressivo, le sessioni di rieducazione forzata e di indottrinamento prendono di mira queste suore nel tentativo di trasformare le loro convinzioni nazionalistiche o religiose tibetane in ideologie comuniste a favore dei cinesi.

Le suore che non si adattano vengono espulse dai loro conventi e non possono ricongiungersi ad altri monasteri. Ironia della sorte, queste e altre politiche suscitano più proteste delle suore, che usano canti e canti per esprimere il loro dissenso.

Sfortunatamente, le suore sono sospettate più spesso delle donne laiche e quindi sono più rigorosamente controllate.

Detenzione

Sebbene la RPC sia firmataria di documenti internazionali, come la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, implementa la violenza contro le donne nelle prime fasi della procedura di detenzione.

Le prigioniere vengono prima perquisite e poi brutalmente interrogate.

Durante questo processo, possono essere picchiate con bastoni muniti di puntali di ferro elettrici, o vengono fatte attaccare dai cani. Questa tortura continua finché i tibetani non confessano il loro coinvolgimento e rivelano i nomi degli organizzatori e di altri simpatizzanti.

Sono costretti a rinunciare all’indipendenza tibetana e dichiarare il loro patriottismo alla RPC. Più insidiosamente, potrebbero essere costretti a denunciare i loro leader spirituali, in particolare il Dalai Lama.

La durata della detenzione varia in relazione al comportamento “cooperativo” della donna detenuta.

Le donne tibetane possono rimanere in sordide prigioni a tempo indeterminato con accesso e informazioni limitati alle famiglie o ai conventi.

Rinzen Kunsang è stato arrestata per aver preso parte a una manifestazione. Spiega la sua procedura di interrogatorio:

“Siamo state ammanettate e spogliate. Due donne ci hanno picchiato con bastoni di bambù e ci hanno torturato con bastoni elettrici … Ad ogni sessione di interrogatorio venivano picchiate … Poi mi hanno picchiato con un bastone. Colpivano così forte e così tante volte che i bastoncini si rompevano spesso. Durante le percosse spesso svenivo. Il dolore non si faceva sentire molto in quel momento ma nei giorni successivi tutto il corpo ha continuato a pulsare di dolore “

In altre circostanze, i detenuti possono essere appesi agli alberi con le camicie di forza in quella che viene chiamata la posizione dell  ‘ “aereo”. Sono sotto shock elettrico fino a quando non rivelano le informazioni necessarie. Ngawang Tsepak, una suora, è stata calata solo dopo che entrambe le spalle si erano lussate.

Condizioni carcerarie

Le condizioni in prigione di solito sono gravemente dannose per la salute e il benessere dei tibetani imprigionati. Le due prigioni più famose nel Tibet centrale sono Drapchi e Gutsa.

Le celle di prigione normalmente sono costituite da piccole stanze senza infissi, piccole finestre e senza luce o calore anche nei freddi mesi invernali.

Ai prigionieri viene dato un secchio vuoto da usare come bagno nelle loro celle, ma possono svuotarlo solo una volta al giorno.

Altrimenti devono rimanere nella piccola cella. L’età delle donne tibetane attualmente imprigionate va dai 14 ai 75 anni.

La ricerca medica ha dimostrato che il cibo è “insufficiente e nutrizionalmente inadeguato”.

Un pasto tipico della prigione consiste in due ravioli al mattino e due alla sera.

La signora Adhi, una donna tibetana, racconta la sua triste esperienza in prigione. È stata arrestata insieme ad altre 100 donne per aver partecipato a proteste. In prigione, è stata incaricata per nutrire i maiali.

Questo compito fortunatamente divenne la fonte della sua sussistenza poiché spesso contrabbandava il cibo dei maiali a monaci e altri, o lo mangiava lei stessa. Era considerato una prelibatezza nella prigione.

Questo lavoro è stato mantenuto solo in cambio di favori sessuali per i funzionari cinesi.

Gli abusi sessuali forzati e lo stupro delle detenute sono comuni nelle carceri. Alla fine del mandato, solo 4 dei 100 tibetani detenuti sono sopravvissuti; tutti avevano lavorato con i maiali.

Il resto è morto di fame.

L’impegno dei prigionieri per l’indipendenza tibetana persiste, nonostante le condizioni atroci.

Un esempio di attivismo continuato si è verificato quando 25 prigioniere di Lhasa indossavano abiti tibetani invece dell’uniforme carceraria per celebrare il loro capodanno tibetano.

Di conseguenza, da trenta a quaranta poliziotti armati sono arrivati ​​e hanno accusato i prigionieri. Una fonte tibetana ha descritto l’attacco come “un insulto alla loro religione e al loro sesso” e ha detto che tutte le 25 donne hanno richiesto cure mediche il giorno successivo.

Un episodio nella prigione di Drapchi nel febbraio 1994 illustra ulteriormente la perseveranza dei tibetani. Quattordici suore incarcerate hanno usato canzoni per riaffermare la loro determinazione.

Il testo di una canzone includeva:

Sono in prigione ma non ho rimpianti

Il mio paese non è stato venduto: [è stato rubato]

Per questo abbiamo versato tante lacrime

Oh tante lacrime! “

Queste canzoni sono state registrate e poi le cassette sono state fatte circolare di nascosto.

Quando i funzionari hanno scoperto le registrazioni, le condanne delle suore sono state raddoppiate o triplicate.

Di conseguenza, il mandato di una suora è stato esteso da 9 a 17 anni. Il 3 giugno 1994, una delle suore, Phuntsog Yangkyi, morì in un ospedale carcerario per le ferite inflitte dai funzionari della prigione.

Tortura

In generale, tutti i tibetani imprigionati sono soggetti a tortura e maltrattamenti, nonostante la ratifica da parte della Repubblica Popolare Cinese della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura.

L’uso dei bastoni elettrici, elettrodi, periodi prolungati di isolamento, detenzione in segregazione, percosse e catene sono tutti metodi comuni usati per infliggere dolore ai prigionieri.

Ngawang Jhampa, una suora, è stata arrestata per aver partecipato a una protesta nel 1989. Racconta della sua vita in prigione:

“Sono stata picchiata con sedie, bastoni e  bastoni elettrici. Questi ultimi sono stati posti nella mia bocca e girati. Quando vengono inseriti nella bocca, molto sangue esce dalla bocca  e deteriorano rapidamente il corpo. Le guardie mi hanno anche colpito sulla testa con questi bastoni, poi mi hanno preso a calci nello stomaco… Sono stata lasciata nella mia cella per nove giorni senza cibo. Mi sono ammalata gravemente a causa delle percosse. Un grosso nodulo è apparso nel mio addome, e ho avuto gravi ferite alla testa … Dopo due anni di continue percosse, sottoalimentazione ed estrazione forzata del sangue, il mio corpo era indebolito fino al punto di lambire la morte. Suppongo che i funzionari cinesi volessero evitare l’imbarazzo di farmi morire in prigione, quindi mi hanno rilasciato … Tremavo costantemente per la stanchezza e i danni ai nervi, e non potevo camminare per i primi due mesi in ospedale “

Gyaltsen Chodon, una suora di 23 anni, ricorda il trattamento crudele che ha subito in carcere:

“Ci calpestavano le mani con i loro enormi stivali con la punta di ferro, ci prendevano a calci in faccia e nello stomaco. Ci hanno messo secchi di urina e feci sulla testa e le guardie hanno colpito i secchi con bastoni, scoppiando a ridere mentre gli escrementi scorrevano sul nostro viso e sui nostri corpi … Prendevano il momo (Il momo (nepalese: म:म;) è un tipo di raviolo originario del Nepal e del Tibet, e diffuso nelle confinanti regioni del Bhutan e negli stati himalayani dell’India) che era il nostro pranzo, lo immergevano nella sporcizia e ci costringevano a mangiarlo” .

Tortura specifica di genere e crimini sessuali:

Vari resoconti indicano che le donne e le suore laiche tibetane sono soggette a torture specifiche per genere che possono essere più brutali del tormento contro gli uomini.

Le forme speciali di tortura “femminile” includono l’uso di cani, l’uso di sigarette accese, la denudazione completa dei prigionieri e l’uso di manganelli elettrici sopra o all’interno degli organi genitali. Queste forme di tortura e altre umiliazioni sessuali non sono tipiche degli uomini.

I rapporti di donne violentate da bastoni con punte di ferro elettrici sono numerosi.

Secondo quanto riferito, anche altri crimini perversi, come tagliare il seno a una donna, stanno diventando più diffusi.

“Loro [la polizia] hanno costretto le donne a correre per ore mentre la polizia le picchiava con pungoli elettrici. Ngawang è stata legata con un cavo elettrico, percossa con pungoli per i bestiame e le hanno fatto assalire dai cani molte volte. Per lei, il problema peggiore erano i cavi elettrici legati intorno al seno. Quando è stata applicata l’elettricità, le ha fatto sentire come se stesse per morire “

Nima Tsamchoe, 19 anni, ha preso parte a una manifestazione pacifica nel 1988. Ora a Dharamsala, racconta la sua vita in prigione:

“I cani ci hanno caricati mentre eravamo nudi. Mozziconi di sigaretta accesi ci venivano mozzati sul viso, ferri da calza conficcati in bocca… calci al seno e ai genitali fino a sanguinare… ci hanno appesi agli alberi e picchiati sulla carne nuda con bastoni elettrici. Contenitori di urina umana furono versati sulle teste… molti furono [violentati]. Tuttavia, anche coloro che sono stati violentati sono stati molto riservati perché si vergognavano e si imbarazzavano … Sono stato appeso al muro con le gambe in alto e picchiato con aste elettriche nei genitali e in bocca. Dopo questo non potevo nemmeno andare in bagno … “

Sonam Dolkar, una donna tibetana detenuta perché sospettata di coinvolgimento a favore dell’indipendenza, è stata tenuta in isolamento per 300 giorni senza accusa né processo. È stata incatenata durante la sua detenzione e non le è mai stato permesso di uscire dalla sua cella.

È stata torturata a giorni alterni per sei mesi. I fili elettrici applicati al suo corpo provocavano convulsioni abbastanza forti da privarla di sensi. Ha mostrato al suo intervistatore una grande cicatrice sul petto, che ha indicato essere stata causata dallo stivale di una guardia che l’ha presa a calci.

Non ha ricevuto cure mediche fino a quando un medico della prigione non ha avvertito che era prossima alla morte e alla fine è stata curata e le sessioni di tortura si sono interrotte.

Particolarmente traumatici sono gli atti sessuali che i funzionari della Repubblica Popolare Cinese costringono le suore a compiere. La tortura rivolta alle suore “è stata ancora più crudele e sadica di quella dei monaci”.

Si ritiene che le suore violentate abbiano infranto i voti di celibato e spesso si sentono indegne di continuare come suore.

Queste suore assalite da una grande vergogna non potrebbero tornare nei loro conventi.

I soldati spesso vogliono che le suore li “accarezzino” e li “tocchino”; altrimenti vengono picchiate.

Una suora fuggita ricorda le violazioni sessuali:

“I soldati ci hanno fatto mostrare le nostre parti intime e ci hanno detto che eravamo come cani e maiali … Hanno anche costretto le suore a uscire nude e prostrarsi davanti ai monaci”.

Gyaltsen Chodon, una suora di 22 anni, è stata incarcerata per aver manifestato pacificamente. Ora che vive a Dharamsala, racconta la sua esperienza:

“Hanno usato questi bastoni elettrici come giocattoli, divertendosi soprattutto quando li hanno applicati alle nostre parti intime. In realtà ridevano mentre facevano queste cose. Sei spazzatura, ci hanno detto costringendoci a rispondere a nomi come: maiale, cavallo, asino, vacca … “

Prostituzione

I funzionari della RPC maltrattano anche le donne al di fuori dell’ambiente carcerario. Possono costringere le ragazze a prostituirsi.

“Lhakpa Chungdak pensava che fosse un sogno diventato realtà quando a 14 anni le era stato offerto un posto nell’Esercito popolare cinese di liberazione.

Ma il suo sogno si trasformò rapidamente in un incubo. stupro: singolo, doppio, multiplo; gravidanze e aborti dovevano essere il suo destino. I cinesi hanno detto che era inutile lamentarsi, era quello che significava essere nell’esercito se eri una ragazza tibetana “.

Pianificazione famigliare:

La Repubblica Popolare Cinese ha violato i diritti riproduttivi delle donne, poiché la loro legge sulla famiglia di un figlio è stata subdolamente applicata attraverso sterilizzazioni forzate o aborti.

Di conseguenza, queste donne disinformate sono soggette a sofferenze fisiche e mentali.

Tashi Dolma, una donna laica, ha protestato attivamente contro le politiche di controllo delle nascite, dopo che la Repubblica Popolare Cinese l’ha costretta ad abortire:

“Mi hanno costretta a distendermi  su un tavolo, hanno inserito un dispositivo elettrico nel mio utero e mi hanno lasciato solo così per ore, sanguinando copiosamente. . Poi sono venuti e hanno inserito una sorta di spatola, girandola in tondo, raschiando il feto in piccoli pezzi. ” 

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The Taiwan Times, 08/02/2021


Commento di Gianni Da Valle, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Le torture di oggi sono un fallimento di 30 anni di impegni non mantenuti, assolutamente proibita ma praticata. Tutte le vittime di tortura e altri maltrattamenti, i sopravvissuti alle torture e le famiglie di coloro che sono stati torturati a morte, hanno diritto a risarcimento, riabilitazione, giustizia e altre forme di riparazione. Questi mezzi di distruzione fisica e psichica sono dei crimini contro l’umanità. Ma il silenzio complice del mondo occidentale che gravita intorno a queste brutalità commessi  in altri Paesi come la Cina è anch’esso un crimine contro l’umanità.

Edmund Burke disse: “Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all’azione.” E in Occidente a me pare, che ci sono dei pallidi tentativi insufficienti per fermare questo genocidio, uno dei più gravi e infami crimini del terzo millennio. Sempre per i soliti e maledetti interessi politici con questo regime brutale. Non si può in una mano stringere la Bibbia e l’altra averla macchiata di sangue, sofferenza e morte.


Versione inglese:

How Chinese Police Torture Tibetan Women & Nuns Inside Tibet – Pt.I 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.