Come fermare l’esportazione dell’autoritarismo cinese

La Cina sta lentamente uccidendo il governo globale dei diritti umani. Difenderlo richiede il pieno impegno di Washington.

Immagine da Internet

I diritti umani sono nei guai. Dal 1945, le nazioni del mondo hanno sancito nei principali trattati delle Nazioni Unite un ampia gamma di precetti che ora servono come norme globali. Sebbene implementati in modo non uniforme e imperfetto, la libertà individuale, i vincoli al potere del governo, la democrazia e lo stato di diritto sono principi ampiamente accettati che godono di alti livelli di approvazione popolare. Anche dove i diritti vengono violati, i governi hanno sempre più appoggiato elezioni, processi e partecipazione a revisioni sui diritti umani, non volendo sfidare completamente il sistema. Ora, però, la stessa governance dei diritti globali è in pericolo, minacciato dai crescenti poteri autoritari.

Nessun governo minaccia il sistema internazionale dei diritti umani come il Partito Comunista Cinese (PCC) del governo cinese. Nonostante abbia firmato alcuni accordi internazionali, non è mai stato disposto a garantire i diritti alla libertà di espressione, a processi equi, la libertà religiosa o la libertà dalla tortura e dal lavoro forzato. Pechino rifiuta anche il ruolo di chi controlla i diritti umani, comprese le organizzazioni non governative (ONG) e i giornalisti indipendenti.

I politici statunitensi una volta avevano predetto che l’integrazione economica della Cina con l’Occidente l’avrebbe costretta ad aprirsi. La libera impresa, si pensava, avrebbe portato anche a una società più libera. Non è quello che è successo in pratica. In effetti, l’ascesa economica e militare della Cina ha solo approfondito la convinzione dei leader del partito di Pechino che l’autoritarismo è essenziale per la prosperità economica e la stabilità civica. Una rapida occhiata agli abusi di Pechino, che si tratti di spegnere brutalmente identità etniche discrete come gli uiguri nello Xinjiang; sovrintendere alla censura di massa e ai controlli sociali intrusivi; soffocare le attività di organizzazioni, fondazioni e media stranieri; o l’effettiva cancellazione della democrazia a Hong Kong – riflette quanto poco il governo sia ora limitato dalle norme globali sui diritti umani, dalle pressioni esterne o dai sentimenti popolari.

L’impermeabilità di Pechino alle pressioni sui diritti umani all’interno dei suoi confini non è una novità. Ma mentre la Cina diventa più integrata a livello globale, Pechino sta lavorando per prevenire gli sviluppi in tutto il mondo che potrebbero erodere i suoi controlli interni o compromettere le sue aspirazioni globali. Il PCC vede minacce ovunque; la Primavera araba, ad esempio, ha spinto Pechino a stringere nettamente la presa sui social media per paura che anche la sua stessa popolazione potesse essere ispirata a scendere in piazza. Anche se godute ben oltre i confini della Cina, le libertà personali che vanno dalla parola alla religione sono considerate potenziali pericoli a causa dei sentimenti che potrebbero suscitare in casa.

La strategia di Pechino per soffocare queste minacce nascenti equivale a un’ambiziosa campagna ampiamente finanziata per rimodellare la vita politica e civica a livello globale. Il governo cinese sta operando la sua volontà attraverso una rete sempre più ampia di governi, tecnologie, università e società che sono disposte a scendere a compromessi sui valori occidentali per garantire l’accesso al denaro e ai mercati cinesi.

Gli imperativi di accesso al capitale cinese e ai mercati cinematografici ora determinano quali storie possono essere raccontate a Hollywood; produttori e registi sono riluttanti a parlare dei sacrifici che stanno facendo per la libertà artistica. Pressioni simili stanno esercitando una pressione sui giochi online e sull‘editoria di libri; queste restrizioni made in Pechino si applicano non solo ai prodotti rilasciati in Cina, ma anche a quelli destinati al pubblico occidentale e globale.

Nel frattempo, la Cina sta anche rafforzando il suo controllo sulle istituzioni accademiche negli Stati Uniti, in Australia e altrove attraverso le tasse scolastiche, i contributi filantropici e le partnership che sembrano irresistibili per i leader universitari assetati di denaro. Forse l’esempio più evidente sono gli oltre 480 Istituti Confucio dedicati all’insegnamento della lingua e della cultura cinese ospitati nei campus universitari di tutto il mondo e finanziati dal PCC, che detta cosa viene insegnato e da chi. Delle centinaia di migliaia di studenti cinesi che studiano all’estero, molti hanno legami professionali o familiari con il governo cinese, sollevando complesse questioni sul potenziale di spionaggio e furto di proprietà intellettuale nelle scienze e nella tecnologia.

Mentre le piattaforme tecnologiche cinesi si fanno strada a livello globale, i sistemi di sorveglianza, acquisizione dei dati e censura stanno prendendo piede a livello globale. Le leggi cinesi sulla sicurezza nazionale impongono alle aziende private di fornire tutti i dati al governo su richiesta; molte aziende ospitano celle CCP che operano in loco per garantire la conformità alle richieste delle parti. Le aziende cinesi hanno anche esportato strumenti di sorveglianza, compreso il riconoscimento facciale, a più di 60 governi stranieri, sovvenzionando gli acquisti ai partecipanti alla sua iniziativa Belt and Road, un ambizioso sforzo di sviluppo di infrastrutture globali volto a rafforzare i legami cinesi in tutto il mondo.

Pechino sta anche guadagnando sostegno per uno sforzo per riscrivere le regole di Internet sostituendo un’enfasi basata sui diritti sulla libertà digitale con l’idea di “cybersovereignty”, un principio che fornisce ai governi un margine illimitato per controllare il regno digitale come ritengono opportuno , senza riguardo alla libertà di parola, alla privacy o ad altri diritti civili.

Attraverso questi sforzi, la Cina sta consolidando il suo approccio statalista per minare la libertà creativa, la libertà accademica, la privacy e altre norme sui diritti umani ben oltre i suoi confini. Spaventosamente, l’assalto di Pechino sta avvenendo con un controllo limitato, trasparenza o dibattito mentre le singole aziende e istituzioni contrattano silenziosamente con Pechino, con ogni incentivo a minimizzare i compromessi coinvolti o le maggiori implicazioni per le società libere.

Nella crescente resistenza alle invasioni del PCC in tutto il mondo, la difesa dei diritti umani offre una cornice moralmente fondata che dimostra che la posta in gioco va ben oltre una lotta di potere tra Washington e Pechino. Gli Stati Uniti hanno guidato la creazione del sistema internazionale dei diritti umani che, per molti aspetti fondamentali, rispecchia l’ordine costituzionale degli Stati Uniti. Washington deve ora non solo rafforzare i propri valori in tutto il mondo, ma anche respingere una serie di prescrizioni concorrenti che sono state fatte a Pechino ma che si fanno sempre più sentire a Boston.

La Cina non sta solo lavorando per ridurre le norme sui diritti umani, ma anche per riformarle. Al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Pechino ha bloccato la protezione dei civili in Siria, dei Rohingya in Myanmar e delle vittime di abusi in Venezuela. Durante il mandato del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in carica, Pechino ha approfittato del ritiro degli Stati Uniti dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite per espandere la propria influenza. Nel consiglio, Pechino ha cercato di instillare norme che sostengano la propria sovranità a scapito delle norme fondamentali sui diritti umani. Gli slogan del PCC come “futuro condiviso” e “rispetto reciproco” – parole in codice per mettere a tacere le critiche – sono riusciti a farsi strada nei testi del consiglio. Man mano che la rete di relazioni bilaterali della Cina si espande, cresce la sua capacità di portare i voti dietro la sua agenda.

La Cina è ora anche un membro del gruppo consultivo del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, che seleziona i candidati per i ruoli chiave delle Nazioni Unite; la sua presenza fa sì che queste nomine non sfidino Pechino. Mentre fanno pressione su paesi e aziende affinché sottoscrivano la sua alternativa autoritaria al sistema internazionale dei diritti umani, gli inviati cinesi stanno lavorando simultaneamente dall’interno di quel sistema per svuotarlo.

L’ampiezza dell’assalto di Pechino al sistema internazionale dei diritti umani richiede una risposta da Stati Uniti, Europa e altri paesi che rispettano i diritti. Un atteggiamento passivo e difensivo, ovvero una continuazione dello status quo, consentirà a Pechino di procedere di buon passo, rinnovando il sistema internazionale dei diritti umani fino al punto in cui potrebbe essere irriconoscibile.

Questo lavoro sarà duro, anche se l’anno prossimo l’ex vicepresidente Joe Biden assumerà la carica a Washington. Il primo ordine del giorno sarà annullare le devastazioni degli anni di Trump: ricostruire alleanze e partnership; raccomandando il rispetto dei diritti degli immigrati, la libertà di stampa, l’uguaglianza razziale e altre norme in patria; rivendicare un seggio nel Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite; e invertire altri passi falsi e abdicazioni politiche e burocratiche. Richiederà il ripristino del peso delle considerazioni sui diritti umani nel processo decisionale attraverso la nomina di funzionari competenti ed esperti e l’elevazione delle questioni relative ai diritti umani nei discorsi e nelle direttive politiche.

Ma una politica dei diritti umani rivitalizzata deve comportare qualcosa di più che semplicemente tornare indietro nel tempo. Richiede una serie di misure interne ed esterne che rimodellino il modo in cui la politica sui diritti umani viene sviluppata ed eseguita. Per sostenere la credibilità, è essenziale che un tale sforzo non sfoci nello sciovinismo o nella xenofobia, consenta che l’indifferenza  nei confronti del governo cinese si traduca in pregiudizi nei confronti dei cinesi o ricorra a tattiche che calpestano i diritti umani nel nome del tentativo di proteggerli.

Tradizionalmente, la politica degli Stati Uniti sui diritti umani in Cina viene perseguita come sottotrama nell’agenda diplomatica bilaterale, prendendo di mira solo la situazione dei diritti umani interni della Cina. Assumere gli sforzi del PCC per diffondere la sua ideologia e i suoi metodi a livello globale richiederà l’integrazione della politica sui diritti umani attraverso una cellula di coordinamento della Casa Bianca che fonde intelligenza, commercio, sicurezza informatica, tecnologia, commercio e relazioni diplomatiche in una replica globale che abbraccia sia la politica interna che quella estera. I Democratici del Senato hanno compiuto un primo passo introducendo una legislazione volta ad affrontare le operazioni della Cina, compresa la formazione di giornalisti per monitorare ed esporre gli sforzi di influenza cinese.

All’interno della cellula di coordinamento, i funzionari avrebbero instaurato dialoghi con università, associazioni accademiche, aziende e dirigenti tecnologici per montare le difese accanto alle istituzioni interessate.

Quando si tratta degli sforzi di Pechino per rifare il sistema dei diritti umani delle Nazioni Unite dall’interno, la migliore difesa è un buon reato. Anche se non sarà sufficiente respingere le incursioni del PCC nel regno multilaterale, una “norma offensiva” che raduni il mondo per elaborare ulteriormente i precetti esistenti che affrontino la sofferenza, la corruzione e l’ingiustizia sarebbe un buon inizio; non mancano le questioni che potrebbero galvanizzare sia la società civile che i governi rispettosi dei diritti a rafforzare il sistema dei diritti umani di fronte a un governo cinese che cerca di smantellarlo. Nuove norme potrebbero proteggere scienziati e medici dall’influenza politica e dalle rappresaglie mentre svolgono il loro lavoro, ad esempio, promuovendo la salute pubblica, lanciando allarmi sulla scienza del clima e promuovendo altri beni pubblici essenziali.

Nel cyberspazio, le preoccupazioni sulla privacy dei dati e la libertà di parola su piattaforme come TikTok e WeChat dovrebbero essere affrontate non attraverso rappresaglie tit-for-tat, ma attraverso nuovi protocolli globali che proteggono gli utenti dalle intrusioni digitali. Affrontando tempestivamente le questioni che riguardano la vita dei singoli, i sostenitori dei diritti umani possono mettere i diplomatici cinesi sulla difensiva, costringendoli a spendere capitale politico e scegliere le sue battaglie, rendendo più difficile per Pechino annacquare e manipolare il sistema dei diritti umani.

Il successo dipenderà dalla creazione di ampie coalizioni disposte a resistere alle intrusioni di Pechino. I leader che rispettano i diritti in democrazie come Germania, Canada e Giappone, tra gli altri, possono aumentare questi sforzi, con ampie coalizioni interregionali che conferiscono legittimità che impedisce a Pechino di lanciare la battaglia come rivalità tra grandi potenze. Con il record dei diritti umani degli Stati Uniti ora così offuscato, i paesi con una forte credibilità come portabandiera dei diritti umani dovrebbero guidare l’accusa contro le nuove iniziative o risoluzioni multilaterali cinesi. Gli Stati Uniti, da parte loro, dovranno stringere intime collaborazioni tra i propri esperti di diritti umani, diplomatici, uffici regionali e ambasciate. Gli obiettivi e le tattiche di Pechino dovrebbero portare i responsabili politici a fare della difesa multilaterale dei diritti umani un tema centrale, piuttosto che il ripensamento.

Con l’intensificarsi della forza e dell’influenza della Cina, non è esagerato pensare che il futuro dei diritti umani e della democrazia a livello globale potrebbe essere in bilico. Solo uno sforzo su larga scala può garantire che l’ascesa di Pechino non porti con sé un’impennata della repressione globale dei diritti dell’uomo.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Foreign Policy,05/10/2020

Articolo in inglese: How to Stop the Export of Authoritarianism

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.