- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Classi soppresse: aumento degli arresti di insegnanti stranieri in Cina

Arresti e deportazioni di insegnanti stranieri in Cina sono aumentati quest’anno, sostengono avvocati, scuole e insegnanti, in un ampio giro di vite con l’utilizzo di nuove tattiche di polizia e la spinta di Pechino verso un sistema di istruzione più “pulito” e più patriottico.

L’insegna di una scuola in lingua inglese a Pechino

Quattro studi legali hanno riferito a Reuters che le richieste di assistenza che coinvolgono insegnanti stranieri sono aumentate negli ultimi sei mesi da quattro a dieci volte, mentre insegnanti e scuole hanno confermato arresti e detenzioni temporanee per reati minori.

La Education First (EF) con sede in Svizzera, che gestisce 300 scuole in 50 città cinesi, ha visto un aumento “significativo” delle detenzioni in Cina per presunti reati tra cui droghe, combattimenti e violazioni della sicurezza informatica, secondo un avviso interno del 27 giugno inviato ai dipendenti e visto da Reuters.

Disse che il personale EF è stato “prelevato dalla polizia a casa e al lavoro, nonché in bar e discoteche e che è stato interrogato e sottoposto a test antidroga”. L’avviso diceva che la scuola aveva anche ricevuto avvertimenti dalle ambasciate sull’aumento degli arresti.

Un portavoce di EF ha rifiutato di commentare il contenuto degli avvisi, ma ha dichiarato che la società “apprezza la stretta collaborazione con le autorità cinesi”, aggiungendo che “ricorda regolarmente al personale importanti politiche normative e di conformità”.

Una scuola internazionale a Pechino e un’agenzia di insegnamento a Shanghai hanno confermato separatamente che gli arresti sono aumentati drasticamente.

“C’è un’enorme pressione per mantenere le cose pulite. Fa tutto parte dell’idea del (presidente) Xi Jinping di assicurarsi che la Cina possa mostrare un buon volto per il resto del mondo “, ha affermato Peter Pang, procuratore principale dello Studio Legale IPO Pang Xingpu a Shanghai, che rappresenta gli insegnanti stranieri nelle controversie.

L’Ufficio di Pubblica Sicurezza della Cina e il Ministero della Pubblica Istruzione non hanno risposto alle richieste di commento.

Le detenzioni derivano da crescenti tensioni tra Cina e paesi occidentali, tra cui gli Stati Uniti e l’ Australia.

Nel 2017 la Cina aveva circa 400.000 cittadini stranieri nel suo settore dell’istruzione -l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati ufficiali – che prestavanola loro opera in scuole, college e istituti di lingua.

Questo settore è stato a lungo sottoposto ad abusi da entrambe le parti, con molti insegnanti stranieri in Cina che lavorano senza visti adeguati e alcune scuole sfruttano questa vulnerabilità.

Gli avvocati hanno affermato che un crescente contraccolpo contro l’influenza straniera nel sistema di istruzione fortemente nazionalistico cinese significa che anche gli insegnanti qualificati sono sempre più vulnerabili allo sfruttamento.

AMA L’ISTRUZIONE, AMA LA MADREPATRIA

Molti dei casi legali che coinvolgono insegnanti stranieri sono collegati a nuove e migliorate misure di sperimentazione antidroga, compresi metodi di sperimentazione che possono monitorare il consumo di droga per un periodo più lungo, come ispezioni a sorpresa nelle case e nei luoghi di lavoro degli insegnanti, hanno affermato gli avvocati.

Tre ex insegnanti di due scuole di Pechino e Shanghai, che sono stati detenuti per un periodo compreso tra 10 e 30 giorni prima di essere espulsi quest’anno, affermano che le autorità hanno testato più volte gli insegnanti sulle droghe entro settimane dall’arrivo e hanno condotto ampi interrogatori.

Uno dei tre, un venticinquenne della Florida che è stato deportato a maggio dopo una detenzione di 10 giorni in una prigione di Pechino, ha detto che lui e un collega sono stati sottoposti a uno screening delle urine il primo giorno in Cina, che è risultato pulito, ma sono stati arrestati dopo un test a sorpresa sul posto di lavoro, due settimane dopo, dove hanno evidenziato tracce di cannabis nei suoi capelli.

“Non ho toccato una singola droga in Cina”, ha detto l’uomo, rifiutando di condividere il suo nome completo perché sta attualmente cercando un lavoro negli Stati Uniti.

I test sui capelli possono rilevare la cannabis fino a 90 giorni, il che significa che gli insegnanti che provengono da paesi in cui il farmaco è legale, comprese parti degli Stati Uniti, sono particolarmente vulnerabili.

“Il problema con i test sui capelli è che è in grado di rilevare la cannabis da mesi prima”, ha dichiarato Dan Harris, socio dirigente dello studio legale Harris Bricken, con sede a Seattle, il cui studio ha registrato un forte aumento delle richieste di casi che coinvolgono insegnanti stranieri a partire dall’inizio di quest’anno.

Il comportamento degli insegnanti stranieri in Cina è stato messo sotto i riflettori il mese scorso quando 19 cittadini stranieri, tra cui sette che lavoravano per EF, sono stati arrestati nella città orientale di Xuzhou con l’accusa di droga.

Il caso ha suscitato feroci critiche nei media statali, che hanno fatto eco a precedenti appelli di Pechino per spingere alla soppressione delle influenze straniere dalle scuole del paese.

Lo scorso settembre, la Cina ha lanciato una vasta campagna per rimuovere le influenze straniere dall’istruzione, compresi gli sforzi per vietare i corsi di storia straniera, mettendo fuori legge materiale autodidattico e rivedendo i libri di testo per concentrarsi sull’ideologia del Partito comunista di base.

Lo sforzo in corso, che include controlli di follow-up e ispezioni casuali nelle scuole, è progettato per promuovere il “patriottismo” e il “valore socialista centrale”
Il comportamento degli insegnanti stranieri in Cina è stato messo sotto i riflettori il mese scorso quando 19 cittadini stranieri, tra cui sette che lavoravano per EF, sono stati arrestati nella città orientale di Xuzhou con l’accusa di droga.

RISCHI RISPETTO A BENEFICI

Gli avvocati hanno affermato che il crescente sentimento anti-straniero nell’istruzione cinese e un esubero di insegnanti significano che gli stranieri hanno anche maggiori probabilità di essere esposti a problemi legali, tra cui detrazioni dello stipendio, il rifiuto di fornire documentazione per i visti e la modifica dei contratti senza preavviso.

“Quando (le scuole) ottengono un sacco di domande si sentono in una posizione dominante”, ha affermato Pang, la cui azienda ha gestito dozzine di arbitrati sul lavoro tra insegnanti e scuole negli ultimi mesi.

Emily, un’insegnante di inglese di 25 anni dello stato americano dello Utah, ha detto che una scuola nella città sud-occidentale cinese di Chengdu ha tenuto suo il passaporto per 10 settimane alla fine del 2018, rifiutandosi di restituirlo fino a quando non ha minacciato di chiamare la polizia.

“C’era sempre una scusa, come registrare il mio dormitorio con la polizia o qualche cavillo amministrativo per trasferire il mio visto … a un certo punto hanno appena detto che lo avrebbero tenuto al sicuro”, ha detto, chiedendo di non pubblicare il suo nome completo o il nome della scuola a causa di un arbitrato in corso.

La scuola di Chengdu non ha risposto alle telefonate di Reuters. L’impiegata delle risorse umane, che Emily ha dichiarato avere in possesso il passaporto, ha confermato di aver lavorato a scuola, ma ha rifiutato di commentare il caso tramite un’app di messaggistica.

La scuola ha diminuito il suo stipendio mensile di 16.000 yuan (£ 1.879) di 1.200 yuan per un’ imprevista “provvigione di agenzia”, secondo i documenti forniti dalla scuola prima e dopo il suo arrivo.

Gli avvocati affermano che la pratica non è insolita e l’arbitrato in genere costa più dei salari trattenuti.

“Ciò che è cambiato è che molti funzionari del governo pensano che cacciare influenze occidentali come gli insegnanti di inglese stia facendo il lavoro del Partito e le scuole ne stanno approfittando”, ha detto Harris, l’avvocato di Seattle, che ora sconsiglia l’insegnamento agli stranieri in Cina. “I rischi nell’ andare in Cina ad insegnare superano di gran lunga i benefici.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: Reuters, 12/08/2019 [1]

English article:

Class dismissed: Surge in arrests of foreign teachers in China  [1]