Cittadinanza al Dalai Lama, proteste Cina come “orologio svizzero”

Puntualissima parte la protesta della console Wang Dong, che va a conferire con il prefetto. Che però la stoppa: “E’ compito solo di Palazzo Marino, le altre istituzioni non c’entrano”.

China objects to Dalai Lama granted honorary citizen status by Milan. China is angry that the Dalai Lama, Tibet’s spiritual leader in exile, was granted honorary citizenshipby the City of Milan. It warned of possible “consequences”

 

Puntuale è arrivata la protesta del consolato cinese contro l’ipotesi di cittadinanza onoraria al Dalai Lama, massima autorità politico-religiosa tibetana.  La cittadinanza onoraria non è ancora stata concessa. Per il momento è stata soltanto votata una mozione in tal senso, con le astensioni dei consiglieri comunisti Anita Sonego e Basilio Rizzo.

Per anni la questione era stata rimandata proprio in vista di possibili “ripercussioni” nei rapporti tra il comune di Milano e la Cina. Nel 2012, per esempio, si temeva che questo potesse compromettere la partecipazione cinese all’Expo.  E, detto fatto, la console Wang Dong ha incontrato il prefetto di Milano, Alessandro Marangoni, che però ha spiegato alla diplomatica che si tratta di una decisione unicamente dipendente dalla volontà di Palazzo Marino, l’unico ente a cui è demandata la possibilità di decidere la cittadinanza onoraria di qualcuno.

Milano Today, 23/02/2016

Articoli correlati: 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.