Cina-Xinjiang Stupro, prostituzione forzata di donne uigure e kazake

I sopravvissuti credono che questa sia una strategia deliberata per umiliare sia le donne che gli uomini musulmani nello Xinjiang.

 

 

Gli uiguri sono esposti a una serie di danni psicologici mentre corrono il guanto di sfida della repressione della Cina nella loro patria.

Come esperti internazionali, giornalisti e attivisti si sono riuniti la scorsa settimana nella città settentrionale del Regno Unito di Newcastle, sede del sanzionato dal PCC Jo Smith Finlay, per una conferenza storica per discutere il cosiddetto genocidio del popolo uiguro, il trauma mentale e spirituale subito da non solo quelli a casa, ma le decine di migliaia di esuli bloccati all’estero erano in cima all’agenda.

Rahima Mahmut, direttrice della sezione britannica del World Uyghur Congress che spesso traduce e interpreta per la diaspora, si ritrova costantemente traumatizzata da una testimonianza dopo l’altra di ex detenuti che sono distrutti dalle loro esperienze nei campi. Sia coloro che sono stati abusati sia quelli che hanno dovuto guardare o chiarire in seguito sono permanentemente segnati dalle loro esperienze, ha raccontato.

Dalle sue esperienze ascoltando resoconti strazianti, lo stupro, ha detto, sembra essere una delle armi primarie usate dal PCC non solo per ferire e spezzare le donne, ma anche per umiliare gli uomini. Le donne nella cultura uigura, ha spiegato, sono le maestre primarie dei giovani e le portatrici di cultura. “Questo è un tentativo deliberato del governo di distruggere le donne che partoriscono, educano i loro figli e trasmettono la cultura, la lingua e la storia”, ha affermato.

Alla domanda se le prove di stupri sistematici nei campi fossero valide, Mahmut ha descritto l’angoscia di Gulzira Auelkhan, una donna kazaka che aveva lavorato in un campo dopo essere stata chiamata, come donna, a tradurre. Solo dopo aver raggiunto la sicurezza dell’Occidente “libero” si era sentita in grado di parlare con franchezza del suo calvario. Attraverso la testimonianza dei sussulti e delle lacrime spontanei e convulsi, mentre la sua storia veniva fuori, Mahmut si convinse della sua autenticità.

Il lavoro di Auelkhan come kazako nel campo era stato quello di spogliare le ragazze scelte per la loro giovinezza e bellezza e prepararle per gli uomini Han che avevano pagato per i loro servizi. Doveva legarli e ripulire dopo. “Singhiozzava in modo incontrollabile mentre raccontava la sua storia”, ha detto Mahmut. “Soffrirà danni psicologici a lungo termine, così come tutte le donne in esilio che hanno stretto contatto con i sopravvissuti”. Mahmut ha descritto il trauma diffuso della sua comunità che, ha spiegato, stava spezzando lo spirito della sua gente. “Ci sono così tante donne emotivamente distrutte nella nostra comunità”, ha detto. “Il dolore è troppo difficile da sopportare”.

Molte donne della diaspora sono state strappate ai loro figli. Non potendo ottenere passaporti per alcuni di loro, per il bene degli altri, sono stati costretti ad abbandonare il resto, spesso con parenti o amici. “Alcuni hanno perso tre o quattro figli”, ha raccontato. “Questo è un dolore intollerabile con cui convivono ogni giorno”.

La necessità di supporto psicologico era fondamentale, ha detto. “Molti hanno gravi condizioni di salute mentale. Sono depressi e ansiosi e questo è qualcosa che non andrà mai via”.

Temendo che questa sia una tattica del PCC per distruggere le forze e l’intelletto delle donne, Mahmut sente che è importante non arrendersi. Ha descritto un’altra sopravvissuta al campo, Tursunay Ziawudun , che era stata sistematicamente violentata durante i suoi nove mesi di internamento e aveva concluso che lo scopo era ” progettato per distruggere lo spirito di tutti.”

“Ma dobbiamo portare la nostra cultura usando qualunque talento Dio ci ha dato, che si tratti di musica o poesia, o altri doni”, ha detto Mahmut con aria di sfida. “Questi resoconti ci spingono a continuare il nostro spirito che si trova nella nostra musica, nella nostra storia e nelle nostre storie”.

“È mio dovere portare avanti questo spirito”, ha detto, “e assicurarmi che venga portato avanti in futuro. Continueremo a sopravvivere».

“Cerco di non permettere al PCC di vincere”, ha detto Mahmut.

Traduzione di Arcipelago laogai (ex Laogai Research Foundation Italia ONLUS)

Fonte: Bitter Winter.org,15/09/2021

Articolo in inglese:

Rape, Forced Prostitution of Uyghur and Kazakh Women

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.