CINA–Xinjiang: Le autorità cinesi offrono denaro a chi fornisce informazioni su Uighuri con una folta barba

Le autorità dello della contea di Shaya nello Xinjiang stanno offrendo del denaro a chi fornisce informazioni su Uighuri dei paesi confinanti che portano la barba lunga. Offrono ricompense che vanno da 50 a più di 50.000 yuan ($ 8 a $ 8.000) per una vasta gamma di informazioni, secondo quanto affermato da Global Times.

La regione autonoma del Xinjiang, nota anche con il nome di Turkestan Cmese è testimone periodicamente, di violenti scontri sanguinosi a volte con morti tra le autorità e membri della minoranza etnica uighura. Tra i motivi di tali scontri anche  “ la barba” che fa parte della tradizione religiosa e culturale degli Uighuri.

La Cina accusa i dissidenti Uighuri di essere dei separatisti e di avere legami con gruppi terroristici stranieri, mentre alcuni organizzazioni per i diritti affermano che le autorità esagerano nelle loro dichiarazioni per giustificare le repressioni religiose e culturali nei confronti degli Uighuri.

Le ricompense finanziarie comprendono anche informazioni su “svolgimento di attività religiose illegali”, secondo Global Times, senza fornire ulteriori dettagli.

Le autorità della regione  Xinjiang hanno anche lanciato una campagna denominata “ progetto estetico”, che tenta di scoraggiare la gente del posto di indossare veli – una pratica comune tra le donne uighure.

Per entrare in uffici governativi, banche o tribunali, le donne hanno dovuto rimuovere i loro veli e gli uomini devono essere ben rasati.

Xinjiang – che copre un sesto del territorio cinese – è una regione strategicamente importante, che confina con l’Asia centrale,  ricca giacimenti di petrolio e gas.

La polizia ha accusato alcuni Uighuri per l’attentato piazza Tiananmen a Pechino lo scorso ottobre, uccidendo due turisti e le tre persone a bordo del veicolo. L’incidente ha causato una presa di posizione del Presidente Xi Jinping che intensificato le misure di sicurezza

Le autorità hanno anche accusato alcuni Uighuri di una rissa sanguinosa avvenuta a marzo nella città sud-occidentale di Kunming, dove hanno perso la vita 30 persone.

The Telegraph,25/Aprile/2014

English version,The Telegraph:
Inform on your neighbour if he grows a big beard says China

Articoli correlati:
CINA: Arrestati i primi sospetti ‘terroristi’ per l’attentato a piazza Tiananmen

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.