Cina, vive con una lama infilata nel cranio

Un uomo ha vissuto 4 anni con una lama di coltello infilata nel cranio. Il Signor Ni soffriva continuamente di lancinanti emicranie e ultimamente continuava ad avere piccole emoraggie dalla bocca e difficoltà nell’articolare il linguaggio. La sua situazione clinica ha continuato a pegiorare per 4 lunghi anni, nonostante le terapie analgesiche e le sessioni di agopuntura. Solo una radiografia è riuscita a svelare il mistero: l’uomo viveva da 4 anni con una lama lunga 10 centimetri conficcata nel cranio. I medici che sono riusciti a estrarla con un delicato intervento, l’hanno trovata ancora affilata, solo un po’ arrugginita. La lama era conficcata all’altezza della mandibola, ma rimane ancora un mistero come possa essere finita lì, dato che sul corpo dell’uomo non sono presenti segni evidenti di ferita. La lama potrebbe essersi conficcata durante una colluttazione che il Signor Ni ha avuto durante un tentativo di rapina.

Fonte: Ansa.it, 18 febbraio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.