Cina, virale film su smog, visto 155 mln volte in un giorno (documentario)

Un documentario online sull’inquinamento atmosferico in Cina è diventato virale ed è stato visto più di 155 milioni di volte in un giorno, dopo la sua pubblicazione in rete.

Lo riferiscono i media di Stato. “Sotto la cupola” , un documentario realizzato dall’ex anchorwoman della tv di Stato China Central Television Chai Jing con una produzione privata, spiega nel dettaglio le cause dello smog che affligge vaste aree del Paese, indicandole tra l’altro in una sorveglianza governativa insufficiente e nelle sanzioni morbide per chi inquina.

Il film di 103 minuti era stato caricato sui siti locali sabato e domenica era già stato visto 155 milioni di volte, riferisce il Global Times. Nel filmato ci sono anche interviste con i responsabili di Londra e Los Angeles, due città un tempo molto inquinate che hanno cercato di controllare il problema.

Chai, ex anchorwoman della tv di Stato, ha detto che il film è una sua “battaglia personale” contro l’inquinamento, dopo che sua figlia è nata con un tumore benigno, spiega il Global Times. Secondo alti responsabili di Pechino in pensione l’inquinamento uccide circa mezzo milione di persone l’anno in Cina.

Il documentario ha sollevato una bufera di critiche contro l’incapacità del governo di agire in modo efficiente e tempestivo. “Il governo va spinto a prendere altre iniziative e la gente deve acquisire maggiore consapevolezza di ciò che può fare per combattere l’inquinamento” scrive il China Daily.

TMNews,02/03/2015

English article (Global Voices) and documentary:  How One Woman Reacted to China’s Terrible Smog

                    Voice on Chai Jing’s documentary

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.