Cina, una potenza mondiale che non riesce nemmeno a produrre latte in polvere

13.02.2014, Epoch Times, Li Chenhui
In questi giorni sono state sollevate molte questioni sul fatto che la Cina stia diventando una potenza mondiale. Mi domando se possa superare la Nuova Zelanda. Alcune persone disoneste sostengono che la Cina in un periodo di tempo molto breve abbia superato il processo di sviluppo che ha impegnato l’Occidente per centinaia di anni. Queste persone affermano che in breve tempo la Cina sorpasserà gli Stati Uniti.

Anche se questo punto di vista è ridicolo, sembra patriottico e molte persone ci credono, come le persone affette da mali incurabili che vogliono credere alle menzogne dei ciarlatani. In effetti se ci pensiamo attentamente cosa vuol dire l’affermazione che in brevissimo tempo la Cina abbia attraversato un processo che ha impegnato l’Occidente per cento anni?

L’Occidente ha aperto la strada e la Cina ha semplicemente percorso il sentiero tracciato dall’Occidente. In questo caso come si possono fare paragoni? Anche se è riuscita a costruire aeroplani e automobili in un breve periodo di tempo, sono stati utilizzati i disegni e le idee di altri e sono state prese altre persone come rifermento. Come potremmo affermare spudoratamente che la Cina ha fatto progressi più veloci dell’Occidente?

Inoltre si afferma che in breve tempo la Cina sorpasserà gli Stati Uniti e diventerà la maggiore potenza mondiale. Lo slogan dell’era di Mao era: «Siamo in grado di raggiungere e superare gli Stati Uniti e il Regno Unito in tre o cinque anni». Sessant’anni dopo vogliamo sempre ripetere quello slogan?

IL LATTE DI UNA NIPOTE

Una storia sul latte in polvere aiuta a inquadrare il problema. Ho un amico che è anche un mio collega e vive nella mia città natale della Mongolia Interna. Entrambi ci siamo spostati a Guangzhou per diverso tempo. Lui è più anziano di me e ora ha una nipote.

Alcuni anni fa ho visto che portava sua nipote a far visita ai familiari nella nostra città natale. Sua nipote era ancora nella fase dell’allattamento. Gli ho chiesto quando sarebbe ritornato a Guangzhou e lui mi ha risposto che era necessario che tornasse indietro immediatamente.

In quel periodo eravamo in vacanza e avevamo ancora tempo prima di ricominciare a lavorare. Gli ho chiesto perché fosse così di fretta e lui mi rispose che stavano per finire il latte in polvere di sua nipote.

Pensavo che la nostra città natale nella Mongolia Interna fosse il luogo principale di produzione di latte in polvere in Cina. Inoltre quasi tutte le marche di latte cinese potevano essere facilmente reperite nel Paese in cui vivevamo.

Gli ho chiesto perché andasse fino a Guangzhou solo per comprare latte in polvere e la sua risposta mi ha davvero scioccato. Mi ha detto che nessuno utilizzava il latte in polvere cinese. In quel periodo ho pensato che fosse una reazione esagerata, la situazione non poteva essere così grave come lui la dipingeva.

Dopo aver fatto ritorno a Guangzhou, quando ho raccontato questo fatto ai miei amici quasi tutti mi hanno detto che la reazione di questo mio amico era normale ed effettivamente erano i miei concetti a essere sbagliati. Quasi nessuno dei miei amici con figli allattava con latte in polvere cinese.

CORRERE A FARE SCORTE

Recentemente la moglie di uno dei miei colleghi più giovani è rimasta incinta. Oggi la gravidanza non è una cosa facile. Dopo aver sentito la buona notizia, noi colleghi eravamo felici per lui e ci siamo congratulati. Ma immaginate, in cosa era impegnato questo giovane collega? Stava tentando in ogni modo di comprare latte in polvere straniero tramite internet.

Non è strano che una persona che vive in una grande metropoli come Guangzhou cerchi di comprare latte in polvere online? Negli ultimi anni quando mi recavo all’estero, anche a Hong Kong, i miei colleghi e i miei amici portavano sempre a casa latte in polvere.

A causa della corsa alle scorte Hong Kong, il Regno Unito e la Nuova Zelanda hanno stabilito per i cinesi limiti di acquisto per il latte in polvere. A questo riguardo Hong Kong ha anche approvato una nuova legge.

In una società commerciale quando nessuno o molto poche persone acquistano i prodotti, gli uomini d’affari normalmente si preoccupano ma a causa della corsa alle scorte dei cinesi ora il Mondo si preoccupa che i clienti possano comprare troppo. Questo fatto è divertente o triste?

Quali conclusioni si possono trarre? Ciò dimostra che un grande Paese come la Cina, che proclama se stessa superiore, non riesce a produrre un barattolo di latte in polvere di qualità.

VELENO NASCOSTO

La cosa più importante è che il latte in polvere non è un prodotto di poco conto. Partendo da un punto di vista olistico è una questione che può riguardare la sopravvivenza di tutti i Cinesi.

Dal punto di vista tecnologico le tecniche per la produzione del latte in polvere sono davvero elementari. Un piccolo laboratorio vicino a casa mia è in grado di produrlo. La Cina riesce a far volare nello spazio Shenzhou VI e Shenzhou VII. Siamo in grado di inviare una navicella spaziale sulla Luna, ma produrre latte di qualità è difficile per la Cina.

Perché si verifica questa situazione? Perché la produzione di latte è un’operazione ampia e sistematica che richiede rigide garanzie di qualità.

Non è un qualcosa che i produttori di latte come Yili e Mengniu possono raggiungere con un piccolo sforzo. Con il sistema e le procedure attuali di management cinese è molto difficile assicurare che le cose seguano il giusto processo.

Per esempio se i venditori di latte non aggiungessero additivi o sostanze dannose come la melamina, il latte sarebbe sicuro? Non proprio. I pascoli utilizzati dalle mucche potrebbero essere inquinati e il terreno e l’erba potrebbero essere stati contaminati da sostanze dannose. Quando la mucca bruca quell’erba il latte prodotto potrebbe essere contaminato.

I queste condizioni come è possibile affermare che i produttori cinesi di latte come Yili e Mengniu producano latte dello stesso livello della Nuova Zelanda e dell’Australia?

In realtà non sono solo i pascoli della Mongolia Interna a essere inquinati. In confronto l’inquinamento della Mongolia Interna è molto inferiore rispetto ad altre parti della Cina. Nel Guangdong l’inquinamento è molto più pesante. Tutto il terreno contiene acidi e altre sostanze dannose per l’organismo umano.

In queste condizioni i fertilizzanti e gli altri additivi utilizzati stanno avvelenando cittadini indifesi. Anche se tutte queste sostanze non sono aggiunte ma il terreno su cui crescono le coltivazioni e i vegetali è avvelenato, come è possibile evitare di mangiare cibo contaminato?

Secondo alcune voci lo Stato cinese ha condotto un progetto di ricerca su larga scala per verificare con un censimento dettagliato l’inquinamento della Cina Continentale. I risultati delle ricerche sono diventati segreto di Stato e non è permesso rivelarli al pubblico.

Se alcune aree sono inquinate non bisognerebbe riferirlo ai cittadini affinché possano prendere misure preventive? Ma ora queste informazioni sono considerate segreto di Stato.

In questa situazione la Cina non è nemmeno in grado di produrre latte di qualità affidabile e non è in grado di gestire l’inquinamento prodotto. Ogni persona del Paese è coinvolta in un lento suicidio. Un Paese in una tale situazione come può parlare di dominare il Mondo?

Articolo in inglese: China Seeks to Dominate, but Can’t Even Make Milk Powder

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.