Cina: una fabbrica sorveglia gli operai anche al bagno

Controlli anche su quanti minuti al mese gli operai trascorrono alla toilette: un’azienda privata cinese di Nanchino, nella provincia dello Jiangsu, ha installato nella propria fabbrica un sofisticatissimo congegno che consente di controllare tutte le attivita’ dei dipendenti, evidenziando ogni loro errore e facendone rapporto automatico ai vertici dell’azienda.

Ogni qual volta un impiegato fa un errore il sistema emette un allarme e l’impiegato viene richiamato, e in alcuni casi multato. L’azienda ha per esempio stabilito che i suoi impiegati ed operai non possano trascorrere alla toilette, in totale, piu’ di 400 minuti al mese. Alla fine del mese un rapporto evidenzia il numero dei minuti trascorsi in bagno da ciascuno. Secondo quanto riportato dalla stampa locale cinese e da alcuni blog, questo mese, ad esempio, 13 persone che avevano ecceduto di meno di 50 minuti il limite massimo sono stati ammoniti verbalmente e avvisati che, se ripeteranno l’errore, il mese prossimo verranno multati con uno yuan per ogni minuto extra; cinque persone che avevano trascorso tra 450 e 499 minuti in bagno sono stati multati con 50 yuan (sempre con l’avviso della multa di 1 yuan al minuto dal prossimo mese). Una sola persona, che aveva raggiunto i 512 minuti, oltre ad essere stata severamente ammonita, e’ stata multata con 100 yuan avvertendola che, ripetendo l’errore, potrebbe anche perdere il posto di lavoro. Tutto viene controllato: ammoniti e multati anche gli operai che non si lavano le mani prima dei pasti, che non spengono la luce o l’aria condizionata prima di lasciare il dormitorio, non indossano correttamente le divise, usano i cellulari di servizio per conversazioni private e altro. ”Ormai sanno tutto di noi, non c’e’ piu’ nulla di privato” ha commentato esasperato un dipendente mentre cominciano a diffondersi voci di dipendenti che stanno pensando di licenziarsi. Il sistema di sorveglianza e’ stato pensato e progettato dal proprietario dell’azienda. E’ costituito da un telefono 3G dato in dotazione ad ogni dipendente. Gli schermi a circuito chiuso controllano tutti i movimenti degli impiegati e se ravvisano comportamenti errati emettono ordini ai telefonini che fanno scattare l’allarme.

Fonte: Ansa. it, 23 agosto 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.