Un Pastore cinese e sua moglie rischiano 15 anni di carcere mentre il giro di vite sui gruppi religiosi si intensifica

Il 45enne è stato incarcerato la scorsa settimana assieme a più di 100 membri della sua congregazione.

 

Wang Yi, il secondo da destra alla Casa Bianca con il presidente George W. Bush nel 2006.

Un pastore cinese molto esplicito e sua moglie rischiano fino a 15 anni di carcere dopo essere stati accusati di incitamento a sovvertire il potere dello stato, segno che le autorità cinesi stanno intensificando un giro di vite sui gruppi religiosi, uno dei più gravi degli ultimi decenni.

Wang Yi, 45 anni, che dirige la chiesa indipendente Early Rain Covenant nella città sud-occidentale di Chengdu , è stato detenuto lo scorso fine settimana insieme a più di 100 membri della sua congregazione.

Da giovedì, la maggior parte dei principali leader del gruppo sono ancora sotto custodia e la polizia ha sigillato la chiesa, che occupa un piano di un edificio per uffici.

La mossa contro la chiesa arriva quando le autorità hanno gradualmente ristretto i diritti religiosi e hanno cercato di eliminare i luoghi di culto indipendenti.

Dopo aver promulgato nuove regole negli ultimi anni, il governo ha intensificato una campagna contro il cristianesimo e l’ islam , due religioni che considera problematiche per i loro legami con l’estero, l’attivismo sociale e, soprattutto nel caso del cristianesimo, i centri di culto clandestini

Negli ultimi mesi, le autorità hanno arrestato centinaia di migliaia di musulmani, bandito le vendite online della Bibbia e demolito una chiesa evangelica.

Mercoledì scorso, la chiesa ha emesso un comunicato in cui si diceva che i suoi dirigenti avrebbero dovuto affrontare accuse penali, tra cui la gestione illegale di affari e la pubblicazione illegale di materiale editoriale. In precedenza, le autorità hanno anche affermato che la chiesa aveva violato le regole cinesi sui luoghi di culto, che devono essere seguite registrandosi presso il governo.

Le immagini sui social media sembravano mostrare segni di abuso fisico su alcuni membri della chiesa:  alcuni  mostravano lividi, abrasioni e capelli strappati. Ma l’accusa contro il signor Wang e sua moglie, Jiang Rong, era molto più severa di quella che gli altri leader devono affrontare: “incitamento alla sovversione del potere dello stato”, un’accusa di catchall usata spesso contro dissidenti e attivisti politici che denunciano il governo.

Secondo la legge cinese , la pena massima è di 15 anni, anche se la maggior parte delle sentenze sono sotto i 10 anni.

Una foto del mandato di detenzione di Jiang conferma questa accusa diffusa giovedì sui social media.

“Ci sono state delle repressioni prima, ma non su questa scala o con questa brutalità”, ha detto Fredrik Fällman, professore all’Università di Göteborg, in Svezia, che studia il cristianesimo cinese. “Vogliono mostrare di avere il controllo e che tu non puoi fare quello che vuoi.”

Nella sua repressione contro l’Islam, il governo ha adottato politiche sempre più draconiane per costringere ristoranti halal a servire carne di maiale e alcool, vietare ad alcuni musulmani il digiuno durante il Ramadan e costruire campi di internamento per centinaia di musulmani etnici Uighuri che si rifiutano di adottare una forma secolarizzata dei loro religione. Ha quasi bloccato la provincia quasi tutta musulmana dello Xinjiang , di recente ha fermato un famoso fotografo cinese che si è avventurato lì.

Il governo sembra gestire il cristianesimo in due modi diversi. Ha perseguito la diplomazia nei confronti dei cattolici romani, stringendo un patto con il Vaticano per il quale Roma  avrebbe riconosciuto  i vescovi designati dal governo, in cambio il Vaticano avrebbe avuto voce in merito alla loro nomina.

Questo, in teoria, vincolerebbe tutti i cattolici alla chiesa gestita dal governo e renderebbe superflue le chiese clandestine.

Il protestantesimo, che manca di una struttura centralizzata, ha avuto diverse chiese importanti chiuse o distrutte, apparentemente come un avvertimento, compresa una grande chiesa non registrata a Pechino, la chiesa di Sion, che è stata chiusa a settembre, e il cui leader è stato posto agli arresti domiciliari.

La repressione a Chengdu sembra essere di un’altra importanza, in parte perché il signor Wang è così esplicito e famoso a livello nazionale

Prima di convertirsi al cristianesimo nel 2005, è stato nominato uno dei 50 intellettuali pubblici più notevoli in Cina.

Nel 2008, Wang ha fondato Early Rain, e i suoi sermoni erano spesso di grande attualità, sottolineando quello che vedeva come dilagante materialismo nella società cinese e i compromessi politici fatti dalla chiesa gestita dal governo.

Si è inoltre opposto all’uso comune dell’aborto in Cina, una pratica spinta dal governo nel tentativo di controllare la popolazione del paese. E si è opposto fermamente alle donne pastore, espellendo una coppia dalla sua chiesa perché la moglie aveva studiato teologia e voleva predicare.

Le sue dichiarazioni su questi argomenti hanno portato il signor Wang dentro e fuori dalla prigione e gli è stato vietato viaggiare all’estero in diverse occasioni.

Ma egli ha anche sostenuto la trasparenza radicale, rendendo i suoi sermoni disponibili online e dando alla polizia i nomi delle persone che hanno partecipato a Early Rain – uno sforzo, ha detto, per evitare di comportarsi come se la chiesa avesse qualcosa da nascondere.

Dopo l’emanazione delle nuove disposizioni di legge in materia di religione  dello scorso anno, tuttavia, le critiche del governo di Wang verso il governo sono diventate sempre più stridenti.

All’inizio di quest’anno, quando il parlamento cinese ha messo il nome del presidente Xi Jinping nella Costituzione e ha abolito i limiti di mandato nel suo ufficio, permettendogli di servire oltre il suo attuale mandato, il signor Wang si è mostrato molto pungente.

“Abolire i limiti riguardo al mandato del leader di stato non lo rende un leader ma un usurpatore”, ha scritto. “Scrivere il nome di una persona vivente nella Costituzione non sta modificando la Costituzione ma distruggendola”.

Più recentemente, ha approfondito questioni ancora più delicate, come i disordini nelle parti minoritarie del paese.

In un sermone, ha detto che il governo stava conducendo una guerra “sull’anima dell’uomo” nelle regioni del Xinjiang, del Tibet e della Cina, ma che sarebbe fallita perché la gente si sarebbe chiesta:  “In mezzo ai loro miseri e miserabili vite, governate dal dispotismo, denaro e potere, dov’è il mio onore?Dov’è la mia dignità?Dov’è la mia libertà? “

Temendo di poter essere incarcerato in qualsiasi momento, il signor Wang mesi fa scrisse una dichiarazione che sarebbe stata pubblicata 48 ore dopo la sua detenzione.

In esso, ha detto di essere “pieno di rabbia e disgusto per la persecuzione della chiesa da parte del regime comunista “.  Il suo compito non è quello di rovesciare il governo,ha detto,  anche se ha predetto che un giorno il  governo finirà.

“Esiste solo la fede eterna”, ha scritto. “Non c’è potere eterno.”

I membri della Chiesa hanno detto che avrebbero continuato a incontrarsi, adattando una tattica che avevano usato durante una repressione passata.

Nel 2011, la chiesa ha professato all’aperto lungo le rive del fiume Jinjiang a Chengdu, dopo che la polizia non aveva permesso loro di prendere possesso del piano dell’edificio che avevano acquistato e volevano convertire in una chiesa.Dopo parecchie settimane, le autorità avevano ceduto.

Con l’arrivo del Natale , i membri della congregazione, parlando in modo anonimo per paura di rappresaglie, hanno detto che si sarebbero incontrati di nuovo fuori e avrebbero cercato di far cambiare idea al governo.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia Onlus


Fonte: The Independent,15/12/2018

Versione inglese,The Independent:

Chinese pastor and wife face 15 years in prison as crackdown on religious groups intensifies

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.